Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
CANTONE / CONFINE
09.12.20 - 10:120
Aggiornamento : 13:31

«Provvedimenti troppo blandi e ora nemmeno la temperatura sui treni»

Lo stop dei treni preoccupa. Duro l'attacco del sindacato Cgil, perplesso per la gestione della pandemia in Ticino

La sindacalista Cgil Tolomeo: «Un grosso problema e tanta preoccupazione». Il senatore Alfieri: «Al lavoro per evitare l'interruzione del servizio»

LUGANO - C'è preoccupazione, al di là del confine, per la decisione (legata a un decreto italiano) di interrompere i collegamenti ferroviari tra Svizzera e Italia. Sono infatti numerosi i lavoratori frontalieri che sfruttano questo collegamento, sgravando peraltro le già sovraccariche arterie stradali ticinesi.

«È una decisione che ci preoccupa seriamente – commenta Roberta Tolomeo, responsabile frontalieri per la Cgil di Varese, sulla pagina online de Il Giorno – sono molti i lavoratori che utilizzano il treno per attraversare il confine, soprattutto quelli che lavorano nel Mendrisiotto».

Ovvio è che, venendo a mancare il mezzo pubblico, la soluzione sarà quella di mettersi al volante. «Si creerà un disagio non indifferente, soprattutto vista la stagione invernale e il rischio neve», sottolinea la sindacalista.

Il paragone con quanto verificatosi già durante la prima ondata, ovviamente, non tiene. Allora le condizioni erano diverse. «Molte fabbriche erano chiuse o avevano l’attività ridotta – ricorda Tolomeo – ora può essere un grosso problema».

Una strategia per ovviare al problema sarebbe al vaglio, come assicura il senatore varesino Alessandro Alfieri (PD). «In queste ore – spiega – siamo al lavoro con tutte le autorità coinvolte per evitare comportamenti difformi lungo i confini, e per evitare che venga interrotto il servizio ferroviario per i lavoratori frontalieri».

Insomma, un ulteriore sgambetto a una categoria che già sta vivendo un momento difficile. «Ricevo molte chiamate di frontalieri – continua Tolomeo – che vengono lasciati a casa e ci contattano per capire come devono muoversi. Questi licenziamenti riguardano in particolare il settore manifatturiero».

«Provvedimenti troppo blandi e ora nemmeno la temperatura sui treni» - «La sorprendente decisione getterà da domani nell’incertezza oltre 5000 dei 70.000 lavoratori frontalieri - denuncia, sempre da Cgil, il coordinatore regionale Giuseppe Augurusa -. Un provvedimento che oltre a evidenziare l’assenza di una sia pur minimo coordinamento interregionale, se possibile, aggiunge ulteriore perplessità nella gestione della pandemia da parte dei Cantoni di confine che, pur in presenza di un tasso di contagio tra i più alti al mondo (come ha ricordato in novembre l’OMS), per ragioni squisitamente economiche, hanno adottato provvedimenti troppo blandi e ora dichiarano di non poter garantire provvedimenti minimi come la misura della temperatura corporea e il distanziamento sociale sui treni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
2 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
6 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
7 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
CANTONE
7 ore
Diverse quarantene di classe e nuovi contagi nelle case anziani
Il virus sembra frenare, ma nelle ultime 24 ore aumentano i ricoveri e si registra un nuova vittima
FOTO
CANTONE
7 ore
Un inizio settimana... infuocato
Questo lunedì comincia con un cielo spettacolare e temperature elevate
CANTONE
9 ore
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
CANTONE
11 ore
«Sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto»
Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»
CANTONE
11 ore
Tassisti che non riescono più a pagare il leasing
Le misure anti-Covid mettono in difficoltà la categoria che non riceve più aiuti economici. L'appello alla politica
BELLINZONA
23 ore
Il tamponamento in coda dà fastidio
Le file costanti fuori dai drive-in Covid generano malumore. Il vicinato: «La polizia non interviene»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile