TILO
CANTONE
03.12.20 - 11:240
Aggiornamento : 15:04

«Il nuovo trasporto pubblico sarà una vera alternativa all'auto»

Mancano meno di due settimane al giorno X: il prossimo 13 dicembre sarà messo in esercizio il tunnel del Ceneri

Più treni e più bus: il territorio sarà servito meglio, anche nelle zone periferiche. Zali: «Sarà difficile promuovere la nuova offerta con la pandemia»

Trasporto pubblico

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BELLINZONA - «Con l'apertura della galleria di base del Ceneri, ci apprestiamo a offrire un trasporto pubblico che sarà una reale alternativa al mezzo privato». Così ha esordito oggi il consigliere di Stato Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, nell'ambito di una conferenza stampa in vista del cambio orario del prossimo 13 dicembre. Un giorno che sarà ricordato a lungo, in quanto rappresenterà una vera e propria rivoluzione del trasporto pubblico in Ticino.

Non soltanto il nuovo tunnel avvicinerà il Sotto e il Sopraceneri (dal portale di Vezia a quello di Camorino ci vorranno meno di sei minuti). Ma porterà con sé un potenziamento dell'offerta su tutto il territorio ticinese, «con particolare attenzione alle zone periferiche» come ha sottolineato Zali. Aree che saranno infatti servite anche alla sera.

Maggiore frequenza, anche di sera - Ma in sostanza cosa cambierà? Si parla innanzitutto - lo ha spiegato Mirco Moser, capo della Sezione della mobilità - di un importante miglioramento dei collegamenti lungo la rete ferroviaria TILO, con tempi di viaggio ridotti tra i principali centri (per esempio da Lugano a Locarno ci vorranno trenta minuti). Negli orari di punta tra il Sopra e il Sottoceneri ci saranno inoltre quattro treni all'ora (quindi ogni quarto d'ora). E sul resto del territorio i bus circoleranno con una maggiore frequenza (anche nelle valli laterali e nelle località discoste) e con una maggiore estensione oraria (si riusciranno a raggiungere i centri entro le 6 e si potrà ripartire dai centri a mezzanotte, con ultima partenza alle 20 solo per le valli). Sulla rete ferroviaria il cambiamento avverrà in due fasi (dapprima il prossimo 13 dicembre, poi ad aprile 2021, con il completamento del doppio binario tra Contone e Tenero).

L'offerta migliorerà. Ma bisognerà anche convincere gli utenti a lasciare a casa l'auto. Ecco dunque che il Cantone si prepara a un'importante campagna promozionale, che partirà da aprile 2021 (a seconda della situazione Covid-19). Questa prevede inoltre la distribuzione di 40'000 carte giornaliere gratuite, che permetteranno ai potenziali viaggiatori di “sperimentare” il servizio. Sarà anche attivato il sito trasportopubblico.ch.

Trasporto pubblico e coronavirus - «In questo periodo promuovere il trasporto pubblico è molto complesso». Ne è consapevole il direttore del Territorio, che ricorda come l'obiettivo del servizio è proprio di concentrare più persone su un unico mezzo. «Seppure non ci siano evidenze che i mezzi pubblici siano un luogo di contagio, ci rendiamo conto che la popolazione sarà più reticente a utilizzarlo». E per evitare sovraffollamenti, «non si può fare molto di più di quanto si sta già facendo: purtroppo si tratta di un sistema complesso e le risorse sono limitate, anche in termini di mezzi e di uomini». La speranza di Zali è che quindi questa pandemia sia una fase transitoria «e che presto potremo approfittare appieno di questa importante offerta».

Sarà la Città Ticino - «La spina dorsale del nuovo orario è la ferrovia» ha ricordato Roberta Cattaneo, direttrice FFS Region Sud. E ha aggiunto: «Saremo tutti più vicini, basta pensare che tra Lugano e Bellinzona il viaggio attraverso il tunnel durerà una decina di minuti». Cattaneo ha poi ribadito che la vera rivoluzione è quella che avverrà con il potenziamento del trasporto su gomma. «L'aumento della competitività andrà a favore degli utenti locali, dei pendolari ma anche del turismo».

Autopostale: «Offerta più capillare» Alex Malinverno, responsabile Vendita Sud Autopostale SA, ha presentato le principali novità che riguardano la rete di Autopostale. Anche in questo caso si parla, appunto, di una maggiore frequenza ed estensione oraria, e di più capillarità. È prevista infatti la messa in esercizio di nuove linee per servire zone finora scoperte.

Più posti di lavoro - E le novità di Autopostale e delle altre imprese di trasporto pubblico su gomma hanno effetti anche sul mondo del lavoro: sono stati creati in Ticino circa 250 nuovi posti. Circa 120 nuovi conducenti - ha spiegato Malinverno - provengono dalla disoccupazione. Per Autopostale, il prossimo 13 dicembre entreranno in servizio circa 150 nuovi conducenti residenti in Ticino, ottanta dalla collaborazione con gli Uffici regionali di collocamento.

Le principali novità sulla rete ferroviaria TILO

  • Entrata in servizio della nuova linea RE80 (che offrirà il collegamento diretto tra Lugano e Locarno, poi anche Milano)
  • Linea S10: nuovi collegamenti veloci tramite la galleria di base del Monte Ceneri
  • Linea S20: inizialmente tra Biasca e Locarno, in seguito tra Castione e Locarno
  • Introduzione della nuova linea S90 a partire dal 5 aprile 2021 (sarà la “linea di montagna” del Ceneri, che circolerà tra Mendrisio e Giubiasco)

Le nuove linee di Autopostale

  • Linea 208 - Castione FFS–Claro Scubiago: gli autopostali saranno in servizio su questa linea undici volte al giorno nei giorni feriali e sei volte nel fine settimana. Questa linea ha come funzione principale quella di servire il quartiere di Claro.
  • Linea 213 - Giubiasco–Vigana Paiardi–S. Antonino: grazie a questa linea in futuro le regioni di Vigana e Paiardi saranno collegate con le stazioni ferroviarie di S. Antonino e Giubiasco. Finora queste aree erano escluse dal trasporto pubblico.
  • Linea 420 - Bioggio Molinazzo–Manno Suglio–Lugano Cornaredo: questa linea collega la zona industriale di MannoBioggio con Lugano Cornaredo attraverso la galleria Vedeggio-Cassarate.
  • Linea 421 - Bioggio–Gaggio–Cimo–Vernate–Agno: la nuova linea collega le aree di Gaggio e Cimo sia con la fermata FLP di Bioggio Molinazzo sia con la fermata di Agno.
    Linea 435 - Lugano–Sorengo–Cappella-Agnuzzo: la linea 435 collega il centro di Lugano alla fermata FLP di CappellaAgnuzzo creando, insieme alla linea 433, un percorso circolare.
  • Linea 455 - Rivera–Bironico FFS–Monte Ceneri: grazie alla nuova linea 455, il Monte Ceneri sarà raggiungibile con i mezzi pubblici.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
15 min
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
1 ora
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
5 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
6 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
7 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
8 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
10 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
LUGANO
10 ore
La Moncucco chiude due reparti Covid
Si inizia a tirare il fiato alla Clinica impegnata nella lotta al virus. Il direttore: «Ultimi numeri incoraggianti».
CANTONE
20 ore
Pizzicato il consumo a ridosso dei take away
Tra assembramenti e clienti che mangiano sul posto non tutti i ristoratori rispettano le direttive anti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile