TiPress - foto d'archivio
CANTONE
04.05.20 - 11:040

«Interinali letteralmente messi in strada»

La denuncia di Unia dopo il licenziamento a Losone di 18 lavoratori presso AGIE

LUGANO - «Sono i lavoratori più precari le prime vittime della crisi del coronavirus». Ne è convinto il sindacato Unia, che commenta i 18 lavoratori licenziati da AGIE Charmilles SA a Losone.

Unia denuncia «abusi di ogni genere» subiti in Ticino dai lavoratori interinali dall’inizio della pandemia. Anche le misure decise dal Consiglio federale - che ha esteso il diritto alle indennità per lavoro ridotto - «si stanno rivelando inefficaci a causa della brutalità con cui le agenzie interinali salvaguardano i propri interessi economici». Per non pagare i contributi, pare infatti che queste decidano di licenziare piuttosto che assumersi i costi. «È del resto la stessa Swissstaffing, l’associazione padronale di categoria, a suggerire di non chiedere sistematicamente il lavoro ridotto - scrive il sindacato -, ma di valutare caso per caso per evitare eventuali costi supplementari. È come se il governo suggerisse ai datori di lavoro di selezionare i dipendenti per i quali chiedere il lavoro ridotto e di licenziare tutti gli altri».

Il sindacato Unia Ticino ribadisce che «il tanto decantato “rilancio economico”» deve necessariamente cominciare con «un rafforzamento delle tutele e dei diritti di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori», come pure ribadisce «la necessità di porre dei freni al proliferare delle agenzie di lavoro temporaneo, che, con la stessa virulenza del Covid-19, diffondono nella società precarietà e povertà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile