Archivio Tipress
CANTONE
03.03.20 - 13:180
Aggiornamento : 13:38

Mancano mascherine di protezione? Ci pensa il Cantone

Da oggi parte la fornitura che fa parzialmente capo a uno stock acquistato per la pandemia del 2009

Alcune confezioni riportano una data di scadenza superata. Ma il DSS assicura: «Lo stato di conservazione è stato verificato dal farmacista cantonale»

BELLINZONA - Strutture sanitarie, medici di famiglia e pediatri ticinesi stanno per ricevere un rifornimento di mascherine di protezione. La distribuzione inizierà oggi da parte delle autorità cantonali e ha l'obiettivo di supplire alla carenza di materiale preventivo.

In parte si farà capo a materiale ordinato durante la pandemia del 2009 (si trattava dell'influenza H1N1, meglio nota come “suina”), che in alcuni casi riporta una data di scadenza superata. Ma lo stato di conservazione è stato verificato dal farmacista cantonale, come assicura il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS): «Le mascherine ancora in stock sono perfettamente utilizzabili e adatte agli scopi di protezione per cui sono previste».

Il materiale sarà distribuito esclusivamente a operatori sanitari che sono già stati informati debitamente dal Farmacista cantonale.

Se il disinfettante è scaduto - A titolo informativo, le autorità cantonali segnalano inoltre che i disinfettanti a base alcolica che dovessero aver superato la data di scadenza sono perfettamente validi. Non perdono infatti la loro efficacia con gli anni e possono dunque essere utilizzati anche dopo la data di scadenza, a condizione che il flacone sia ben chiuso. Gli altri tipi di disinfettanti, come acqua ossigenata, ipoclorito tipo amuchina o clorexidina non devono più essere utilizzati dopo la data di scadenza, siccome inefficaci.

Furto di mascherine - Succede in Ticino, ma anche nel resto della Svizzera: non manca chi ruba mascherine nelle strutture sanitarie. Lo conferma a 20 Minuten l'Ospedale Triemli di Zurigo: «In effetti negli ultimi giorni il numero di mascherine impiegate è molto più alto del previsto, ma non si tratta di quelle a disposizione del personale sanitario ma di quelle disponibili nelle aree pubbliche». Ed è per questo motivo che ora nella struttura in questione non vengono più messe a disposizione. All'Inselspital di Berna si parla addirittura di confezioni che spariscono in cinque minuti.

I casi ticinesi - Per quanto riguarda la diffusione del coronavirus in Ticino, oggi il DSS ha reso noto che altre due persone sono risultate positive. Si tratta di due donne, entrambe residenti nel Luganese. La prima era in stretto contatto con l'ottantenne ricoverato in terapia intensiva alla Clinica Moncucco di Lugano.

Le nuove indicazioni - Gettare il fazzoletto usato in un secchio della spazzatura chiuso, evitare le strette di mano e annunciarsi al telefono prima di recarsi dal medico o al pronto soccorso. Queste sono le nuove indicazioni igieniche introdotte ieri dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che ha così intensificato la campagna preventiva contro il coronavirus.

Tutte le informazioni sulla situazione relativa al coronavirus in Svizzera sono disponibili su www.ufsp-coronavirus.ch e su www.ti.ch/coronavirus. Per qualsiasi dubbio è attiva la seguente infoline: 0800.144.144 (tutti i giorni dalle 7 alle 22).

La mappa dei contagi nel mondo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
10 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
13 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
14 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
16 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
18 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
20 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
20 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile