Tipress
LUGANO
12.06.19 - 10:220
Aggiornamento : 11:40

Così la voragine di Aston Bank è diventata "soltanto" un buco

Dopo un lavoro durato quasi 5 anni il curatore fallimentare Luca Guidicelli ha ridotto il buco reale a 11 milioni di franchi e non è finita. Estromessi quasi 50 milioni di debiti inesistenti

LUGANO - È stato un lavoro titanico da più punti di vista. A cominciare da quello che quando una banca fa naufragio è un mondo intero che affonda e allora si innescano i più spietati “si salvi chi può”. Così anche dopo il fallimento della Aston Bank, decretato dalla FINMA (l’autorità federale di vigilanza) il 22 dicembre 2009, tra sommersi e salvati, c’è stata una corsa a vantare crediti, veri o presunti, nei confronti dell’istituto di via Maraini a Lugano. Un vero e proprio assalto alla diligenza contro cui il curatore fallimentare, l’avvocato Luca Guidicelli, ha vestito i panni dello sceriffo.

Gli ostacoli principali - «Il fallimento ha avuto un percorso molto travagliato - spiega lo stesso Guidicelli a Tio/20minuti -. Due però sono stati i problemi riscontrati: la contabilità era così fortemente compromessa che non si poteva sapere chi fosse veramente cliente e quale fosse, se del caso, il suo saldo del conto bancario; inoltre tutte le liquidità della banca (comunque insufficienti a pagare i crediti insinuati per oltre 80 milioni di franchi) erano sequestrate dal Ministero Pubblico».

Cinque anni di lavoro - Finora in tutte le cronache sul crac (a partire da quando il caso scoppiò con l’arresto di uno dei due direttori finiti nei guai) si era sempre parlato di una voragine di 20 milioni. Il quadro reale era un po’ diverso. Proprio per i due problemi menzionati, spiega il curatore fallimentare, «ci sono voluti quindi quasi 5 anni per arrivare al deposito della graduatoria che - a parte qualche modifica per alcune cause e nuove insinuazioni - si attesta oggi a circa 31.2 milioni di franchi di debiti. In sostanza sono stati estromessi debiti inesistenti per almeno 50 milioni».

Lo scoperto finale - Un po’ come sul Titanic, anche tra i creditori, ci sono quelli di prima, seconda e terza classe. «Attualmente gli attivi a disposizione della massa sono di circa 20 milioni, seppure risultino sempre sequestrati penalmente e dunque non distribuibili per il momento. Quindi il buco reale attuale è di “soli” 11 milioni. Ritenuto che si potrà pagare tutta la prima classe così come la seconda, in terza classe si arriva a non meno di un dividendo del 30%, che - per i canoni dei fallimenti ordinari - è comunque un ottimo risultato». E anche per questi ultimi la situazione potrebbe migliorare: «Attualmente sono poi in corso trattative per cercare di monetizzare alcuni crediti della massa fallimentare, ciò che quasi certamente diminuirà il buco e dunque lo scoperto per i creditori di terza classe» conclude Guidicelli.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Valerio Castellani 1 anno fa su fb
Magari tra altri cinque anni sarà solo uno scherzo 🙃
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BIASCA
33 min
La JYSK se ne va da Biasca: «Gli affari non sono mai decollati»
Il negozio situato in via Franscini chiuderà i battenti nel mese di dicembre
CANTONE
33 min
«Non attendete che sia il contact tracing a darvi istruzioni»
Il servizio di tracciamento dei contatti è molto sotto pressione vista l'impennata dei casi registrata in Ticino.
CANTONE
6 ore
Una ventina di quarantene dalla riapertura delle scuole
La cronistoria del coronavirus negli istituti ticinesi dallo scorso 31 agosto
LUGANO
16 ore
Tassa sui rifiuti: «C'è chi fa fatica»
Cittadini che si rivolgono alle associazioni caritatevoli, per pagare il sacco. Consiglieri comunali preoccupati
CANTONE
18 ore
Altre classi in quarantena alle medie e al liceo
La misura è scattata per allievi delle medie di Canobbio e del Liceo di Lugano 1
CANTONE
18 ore
La diversità a scuola è una risorsa, bisogna saperla gestire
Presentati i risultati della ricerca "In Scuola: promozione dell'integrazione e dell'interculturalità".
ASCONA
19 ore
Prima i tuoni, poi la naturalizzazione concessa
Il Consiglio comunale ha approvato ieri la richiesta di attinenza di un noto promotore immobiliare
CANTONE
20 ore
Coronavirus in Ticino: altri 308 casi e 22 ricoveri
Nelle ultime ventiquattro ore il numero complessivo dei contagi è salito a quota 6'530
CANTONE
21 ore
Contagio in ufficio? Ecco cosa fare
Quarantena, isolamento, malattia o possibilità di lavorare da casa. Come cavarsela in tempi di Covid
FOTO
COLLINA D'ORO
22 ore
Macchinario in fiamme in una cava di Montagnola
L'incendio, divampato ieri sera in via Civra, è stato domato dai pompieri del centro di soccorso di Lugano.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile