Tipress
Il palazzo dove aveva sede la Aston Bank
LUGANO
24.05.19 - 20:530

Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston

Precetto e sequestro beni da parte di Cantone e Confederazione nei confronti di Camillo Costa che dopo il crac è stato nominato Ispettore Onorario per i Beni architettonici di Albenga

LUGANO - Sono passati quasi dieci anni dal crac della Aston Bank di via Maraini. Un buco di una ventina di milioni che ha lasciato con un pugno di mosche in mano uno stuolo di clienti italiani che avevano portato i loro soldi in Svizzera. Ma accanto alla voragine maggiore emergono altri buchi, di entità decisamente minore. Come, ad esempio, le imposte cantonali e federali non pagate dall’allora direttore sostituto della banca, Camillo Costa. Sul Foglio Ufficiale odierno è lo stesso creditore, il Canton Ticino e la Confederazione, a spiccare un precetto esecutivo nei confronti del finanziere nel frattempo tornato in Italia, ad Albenga, dopo la carcerazione preventiva alla Farera. Preventiva, dal momento che l’inchiesta penale, per via della sua complessità, è tuttora aperta. Ma questa è un’altra storia.

Il precetto odierno, sommato il lungo elenco di imposte non versate dal direttore, raggiunge la cifra di circa 137 mila franchi. In simultanea, poche pagine dopo, sempre il bollettino dello Stato dà conto del decreto di sequestro spiccato dal pretore Patrizia Zarro per il recupero dei crediti d’imposta. A quanto ammontino i beni sequestrati al Costa non è dato sapere.

Si sa invece, ed è un recente servizio de L’Espresso a rivelarlo, che il finanziere 55enne nella città ligure si è rifatto una vita. Da oltre tre anni, come scrive il settimanale italiano, Costa lavora per il Ministero dei Beni Culturali, come Ispettore Onorario per i Beni Architettonici per la città di Albenga. «Camillo Costa - ricorda il giornale - è il rampollo di una delle famiglie più in vista della città». I suoi genitori «hanno fatto moltissimo per preservare il patrimonio storico e culturale di Albenga». Un po’ meno esperto di patrimoni s’è dimostrato il figlio. Ma questo sarà la giustizia a stabilirlo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
25 min
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
LUGANO
3 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
4 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
VIDEO
CANTONE
5 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
CANTONE
8 ore
«I radar? No agli accanimenti»
Norman Gobbi spezza una lancia a favore degli automobilisti. E insiste sulla distinzione tra «prevenzione e far cassetta»
FOTO E VIDEO
COMANO
9 ore
Esplosione al bancomat: «Ad agire? Presumibilmente più di una persona»
Per la Polizia è prematuro parlare della stessa mano dei precedenti colpi. Il portavoce: «Attendiamo i rilievi»
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
FOTO E VIDEO
COMANO
12 ore
Nuovo assalto al bancomat
Ignoti hanno tentato di far saltare un distributore di banconote della Raiffeisen
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile