fotolia
CANTONE
27.03.18 - 18:120
Aggiornamento : 20:12

Processo per maltrattamenti: chiesti fino a due anni e dieci mesi

La procuratrice pubblica ha ribadito che «per troppo tempo non è stato fatto nulla per proteggere la bambina»

1 anno fa Quel grido d’aiuto rimasto inascoltato
1 anno fa Bambina maltrattata, la madre affidataria ha un passato traumatico

LUGANO - «La bambina è stata maltrattata da una coppia che avrebbe dovuto occuparsi del suo benessere. Il tutore e l’assistente sociale per troppo tempo non hanno fatto nulla per proteggerla». Lo ribadisce la procuratrice pubblica Valentina Tuoni, che nei confronti dei genitori affidatari a processo per maltrattamenti chiede le pene detentive di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per lei, e di due anni (sospesi) per lui. Per il tutore e l’assistente sociale auspica invece una condanna, per entrambi, di dieci mesi (sospesi).

Nel suo intervento davanti alla Corte delle Criminali, presieduta dal giudice Mauro Ermani, la procuratrice ripercorre i fatti avvenuti tra il 2010 e il 2013, in particolare sottolineando il ruolo del tutore e dell’assistente sociale nella vicenda. I due - afferma - «hanno permesso che l’affidamento continuasse per troppo tempo senza approfondire la situazione». E questo, nonostante fossero a conoscenza - a mente dell’accusa - dell’ambiente punitivo in cui la bambina era costretta a vivere.  I due avrebbe infatti ignorato i segnali del pericolo, anche evidenti. Per quanto riguarda invece i maltrattamenti da parte dei genitori affidatari, Tuoni ricorda che la coppia è rea confessa.

Quale rappresentante della vittima, l’avvocato Maria Galliani afferma che «questa vicenda è una delle più brutte approdate in quest’aula». E ricorda che «nessuno si è mosso quando era imperativo intervenire per togliere la bambina da una famiglia che la stava distruggendo». Per conto della vittima chiede quindi il riconoscimento delle indennità per torto morale per un importo complessivo di 65’000 franchi.

Domattina in aula prenderanno la parola i difensori, gli avvocati Pietro Croce, Felice Dafond, Andrea Ferrari e Yasar Ravi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
59 min

Quasi tutto il Ticino sotto l'occhio dei radar

Escluso dalla lista solo il distretto della Leventina. Rilevamenti semi-stazionari a Piotta e Serocca d'Agno

MENDRISIO
1 ora

Per fare un “Fiore” ci vuole un Manager

Il nuovo cantiere per sostituire la storica cremagliera, la strategia mirata sulle comitive in pullman. La Ferrovia Monte Generoso cerca un nuovo gerente in vetta e traccia un bilancio

CANTONE
4 ore

Tre giorni di acquazzoni su (quasi) tutto il Ticino

MeteoSvizzera ha diramato un'allerta piogge di livello 3 (pericolo marcato) per tutte le regioni a sud delle Alpi eccetto il Mendrisiotto

LUGANO
4 ore

Si cerca Catherine Burkhard

La 18enne ha fatto perdere le proprie tracce la mattina del 16 ottobre

CONFINE
5 ore

Colpo grosso al valico di Ponte Tresa

La Guardia di finanza di Varese ha sequestrato titoli e soldi per oltre 180mila euro a quattro cittadini israeliani

CANTONE
6 ore

Turisti più giovani e da tutta Europa, ecco il futuro del Ticino

Angelo Trotta ha fatto un primo bilancio a 100 giorni dall'inizio del suo mandato e presentato la propria visione sugli orientamenti futuri: «Per una strategia definitiva ci vorrà più tempo»

BELLINZONA
7 ore

«Il diritto alla privacy per proteggere chi lavora sul treno»

Transfair chiede alle FFS di sostituire il nome del personale del treno riportato sulla targhetta con un numero identificativo. Un modo per evitare ritorsioni da parte dei viaggiatori

CANTONE
10 ore

«Disgustato da come il Ticino possa distruggere una vita. Me ne vado»

Un imprenditore italiano, cui è stato negato il permesso C, denuncia un verbale di Polizia «volontariamente falsato». L'autorità ribatte: «Domanda gestita in modo corretto»

CANTONE
12 ore

Ecco l'unico candidato che "difende" i premi

In un sondaggio su 57 politici, Stefano Rappi è stato il solo in Ticino a definire «tollerabile» un ulteriore aumento dei premi di cassa malati. E spiega perché

CAPRIASCA
20 ore

Così il cane Fred se ne frega di Municipio e polizia

Da anni, l’animale circola liberamente per le vie di Tesserete. I suoi proprietari continuano a ricevere multe. A toglierlo dalla strada, però, non ci pensano proprio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile