Ti Press
CANTONE
27.03.18 - 13:000
Aggiornamento : 17:33

Bambina maltrattata, la madre affidataria ha un passato traumatico

È iniziato stamani il processo a porte chiuse nei confronti dei genitori affidatari a giudizio per maltrattamenti su una bambina. Al banco degli imputati anche tutore e assistente sociale

LUGANO - Da una parte ci sarebbe stato il desiderio di un gesto altruista, dall’altra l’aspetto economico. È quanto emerge nel processo a porte chiuse nei confronti dei genitori affidatari accusati di indicibili maltrattamenti avvenuti tra il 2010 e il 2013 su una bambina che avevano in custodia. Da oggi i due siedono davanti a una Corte delle Assise criminali di Mendrisio, riunita a Lugano e presieduta dal giudice Mauro Ermani.

Motivi economici? - «Desideravo molto fare un gesto altruista» spiega in aula la madre affidataria per giustificare la volontà di prendere un o una minore in affidamento. Ma nella decisione avrebbe giocato un ruolo anche l’aspetto economico, come sottolinea la Corte: «Si trattava di un’entrata mensile di 2’250 franchi». Un’eventuale interruzione dell’affidamento avrebbe procurato dei problemi finanziari alla coppia.

«Colpa del mio passato» - Sul motivo dei maltrattamenti, la madre affidataria sostiene di avere nel frattempo compreso, attraverso la terapia, «di essermi comportata così a causa del mio passato». Per la donna la perizia psichiatrica parla in effetti di «forte conflittualità interna dovuta a situazioni traumatiche infantili» e propone una scemata imputabilità di grado lieve.

Nessun intervento - Al banco degli imputati siedono anche il tutore e l’assistente sociale che allora, come si evince dall’atto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Valentina Tuoni, non sarebbero intervenuti per porre fine alla situazione. Nel loro ruolo - lo ricorda la Corte - avrebbero invece dovuto mettere al primo posto il benessere della bambina, sin dal principio. I due avrebbero infatti nutrito già nella primavera 2010 dei dubbi sulla capacità dei genitori affidatari di crescere la bambina in un ambiente sereno.

Le accuse - La coppia affidataria è accusata di coazione e lesioni semplici. Per tutti e quattro si parla invece di violazione del dovere di assistenza o educazione.

I difensori - Gli imputati sono difesi dagli avvocati Pietro Croce, Felice Dafond, Andrea Ferrari e Yasar Ravi.

1 anno fa Genitori affidatari alla sbarra per maltrattamenti, rinviato il processo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BALERNA
5 min

L'uomo che si è gettato dal cavalcavia è deceduto

È escluso l'intervento di terze persone. L'autostrada è stata completamente riaperta poco prima delle 20

FOTO E VIDEO
BALERNA
2 ore

Traffico autostradale paralizzato nel Mendrisiotto

L'A2 è stata chiusa in direzione nord tra Chiasso e Mendrisio. All'altezza dello svincolo di Balerna sono giunte diverse auto della Polizia e un elicottero della Rega

BELLINZONA
3 ore

Serie ferite per uno degli operai colpiti dalla trave alle Officine

I due, dipendenti di una ditta esterna, stavano effettuando dei lavori di sgombero in un capannone quando sono stati travolti

CANTONE
4 ore

Per i politici, i costi sanitari vanno bene così

Un sondaggio condotto dall'Ordine dei medici rivela cosa pensano della sanità, i candidati alle elezioni federali

CANTONE
4 ore

Sadis benedice il Patto: «Non mi scandalizza puntare sui moderati»

Il sostegno dell’ex consigliera di Stato alla congiunzione PLR-PPD per le elezioni federali: «Bisognerebbe avere il coraggio di abbandonare i vecchi steccati partitici». 

CANTONE
6 ore

Ottenevano merce con identità e documenti fittizi: truffe ancora in atto

È stata aperta un'inchiesta per una serie di truffe messe in atto da alcuni mesi in Ticino, oltre San Gottardo e all'estero

VIDEO
CANTONE
8 ore

«Ecco come aiuteremo chi si trova in difficoltà»

Il consigliere di Stato e direttore del DSS Raffaele De Rosa ha presentato le molte misure contenute nella Riforma sociale cantonale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile