fotolia
CANTONE
27.03.18 - 15:300
Aggiornamento : 17:32

Quel grido d’aiuto rimasto inascoltato

Il ruolo del tutore e dell’assistente sociale nella vicenda che vede una coppia affidataria alla sbarra per maltrattamenti su una bambina

LUGANO - «Noi ci sentiamo dei carnefici». Un grido d’aiuto, questo, che i genitori affidatari alla sbarra per una serie di maltrattamenti su una bambina avrebbero lanciato nell’autunno del 2011. Un grido che però, come emerge oggi davanti alla Corte delle Criminali di Mendrisio presieduta da Mauro Ermani, era rimasto inascoltato. Il tutore e l’assistente sociale che seguivano l’affidamento, a loro volta seduti al banco degli imputati, non avrebbero allora affrontato la situazione, lasciando la bambina alla coppia affidataria. «Ma noi non avevamo idea di quello che stava succedendo» sostiene in aula il tutore.

Altri segnali d’allarme sarebbero giunti nei primi mesi del 2012, ma anche allora il tutore e l’assistente sociale non avrebbero immediatamente preso nessun provvedimento per garantire il benessere della bambina. Soltanto a marzo il tutore si sarebbe attivato, «ma al centro di pronta accoglienza non c’era posto» afferma. L’allontanamento era poi avvenuto in seguito, nel mese di aprile. La vicenda è stata denunciata soltanto l’anno successivo, perché «altrimenti andiamo in merda anche noi» avrebbe detto all’epoca il tutore o l’assistente sociale, rivelano gli atti.

I fatti, lo ricordiamo, risalgono al periodo compreso tra il 2010 e il 2013. La vittima era una bambina che la coppia aveva in custodia. Nei confronti dei genitori affidatari la procuratrice Valentina Tuoni ipotizza i reati di coazione, lesioni semplici e violazione del dovere di assistenza o educazione. Il tutore e l’assistente sociale sono invece alla sbarra per violazione del dovere di assistenza o educazione e, in alternativa, favoreggiamento.

I quattro imputati sono difesi dagli avvocati Pietro Croce, Felice Dafond, Andrea Ferrari e Yasar Ravi.

1 anno fa Bambina maltrattata, la madre affidataria ha un passato traumatico
TOP NEWS Ticino
AGNO
4 ore

Fiamme da una canna fumaria, due intossicati

Due anziani sono stati visitati dai soccorritori della Croce Verde di Lugano a causa del denso fumo che ha invaso un'abitazione di contrada San Marco

FOTO
MENDRISIO
5 ore

«La mia esperienza shock: ecco dove mi hanno curato»

Disavventura sanitaria per un giovane ticinese in Sicilia. Durante una vacanza, il ragazzo è stato vittima di una banale lussazione alla spalla. E poi…

CANTONE
7 ore

Contagio da epatite C, ricusato il giudice Quadri

Nuovo colpo di scena nella vicenda che si protrae dal 2013. La Corte dei reclami penali ha accolto la richiesta degli avvocati difensori dell'Eoc

BIOGGIO
7 ore

Incidente nel sottopassaggio, il 30enne rischia la vita

A comunicarlo è la Polizia cantonale. L'uomo è un cittadino svizzero domiciliato nella regione

FOTO E VIDEO
BIOGGIO
9 ore

Sbanda, si rovescia e si ferisce in modo serio

L'incidente è avvenuto nel sottopassaggio di via Molinazzo. L'uomo è stato trasportato al pronto soccorso del Civico

FOTO
BREGGIA
13 ore

Dalla mostra di legno alle bombolette spray

Mercoledì un lato della chiesa di Cabbio è stata imbrattata

CANTONE
13 ore

Le donne non si fanno fermare dalla pioggia

Alcune via di Bellinzona sono state simbolicamente ribattezzate in onore delle donne che hanno contribuito allo sviluppo del nostro cantone a 50 anni dal suffragio femminile

LUGANO
17 ore

Controllo notturno in un locale: 57 persone in più e 2 minorenni

All'esterno è stata rinvenuta una pistola scacciacani. Tre individui sono stati denunciati per reati alla Legge federale sugli stupefacenti

LOCARNO
18 ore

In assistenza e col vizio del furto: finirà in carcere per 50 giorni

Reati a raffica per un 34enne che tra insulti alla polizia, minacce, furti e consumo di stupefacenti “obbliga” il procuratore pubblico ad aprirgli le porte della prigione

VIDEO
MENDRISIO
1 gior

Ecco come Bussenghi sfotte l'Italia

Striscia La Notizia, finita nella bufera per il servizio sui "poveri svizzeri, chiede aiuto all'attore locarnese Flavio Sala. Basterà?

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile