Davide Giordano
+3
LUGANO
22.03.18 - 08:210
Aggiornamento : 11:34

«Io, ragazza in carrozzina, e la mia corsa a ostacoli quotidiana»

Continua la grande battaglia di sensibilizzazione di Silvia Arioli, affetta da una malattia rara. Il video per le vie cittadine

LUGANO – «Sì, il mio a volte sembra davvero un percorso a ostacoli». Silvia Arioli, classe 1982, è la giovane donna in carrozzina, affetta da una malattia rara, che ormai da anni sta cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’accessibilità alle infrastrutture per le persone con disabilità. Stavolta Silvia ha accettato di accompagnarci per le vie di Lugano. E di mostrare, davanti alle telecamere di 20 minuti/tio.ch, quali sono gli inconvenienti che una persona nella sua condizione incontra quotidianamente. «Anche un semplice marciapiede può essere un problema».

È un Ticino “vecchio” – In Svizzera circa una persona su sette ha una disabilità fisica, sensoriale o cognitiva. Una buona parte ha anche difficoltà motorie. «Il problema è che nella Svizzera italiana parecchi edifici, ma anche diversi arredi urbani, sono vecchi» sostiene Sara Martinetti, portavoce di Inclusione andicap Ticino. E non ha tutti i torti. Basti pensare che circa il 60% degli ascensori in Ticino ha tra i trenta e i quarant'anni. «Le nuove norme edilizie di dettaglio, molto recenti – riprende Martinetti – comprendono facilitazioni per le persone con disabilità. I disagi, tuttavia, sono nel presente. E sono comprensibili».

Manca ancora la sensibilità – Gradini troppo alti, rampe assenti o troppo ripide, porte strette, gabinetti inaccessibili. «A volte manca proprio la sensibilità da parte di architetti o ingegneri – puntualizza Silvia Arioli – il bagno pubblico di Carona, vicino al Parco San Grato, è dotato di ogni comfort per i disabili. Ma per arrivarci bisogna fare le scale. Assurdo. Eppure non è stato costruito negli anni Settanta. Si parla tanto di inclusione. Ma mettere un gradino a sproposito non significa fare inclusione. Ed è quel gradino a renderci andicappati. Non la disabilità in sé».

Per le vie urbane – Il tour con Silvia parte davanti all’ufficio postale di Molino Nuovo. «In questa zona si nota come i marciapiedi siano molto alti per le persone che circolano in sedia a rotelle». Ci si sposta poi nei dintorni dell’ospedale Italiano. E qui emergono nuove difficoltà. Con gli alberi sul marciapiede a impedire il passaggio della carrozzina. «Ma anche – evidenzia Silvia – con una rampa parecchio ripida che porta al ponte sul Cassarate». Il test si chiude davanti a un semaforo. «E qui ci si rende conto di come il pulsante di chiamata del verde sia posto eccessivamente in alto».

Dialogo con le istituzioni – Inclusione andicap Ticino da tempo sta portando avanti un dialogo costruttivo con le istituzioni. «Le risposte sono buone. Ad esempio, entro la fine del 2023, tutte le fermate del trasporto pubblico devono essere accessibili alle persone con disabilità. E questo comprende l’accesso alla stazione, allo sportello, ai bagni. E poi ancora: uno scalino rialzato affinché il bus possa avvicinarsi e permettere alla persona in carrozzina di salire a bordo».

Il problema è anche economico – Tutto positivo. Ma, restando sul caso specifico, è dal 2004 che da Berna sono arrivate simili direttive. Perché si sta attendendo l’ultimo momento per realizzare questi correttivi? I disagi dei portatori di andicap non rappresentano una priorità per la politica? «Il fatto – ribatte Martinetti – è che si tratta di progetti che necessitano di grossi finanziamenti pubblici. È plausibile che i tempi si dilatino».

Boom di segnalazioni – Silvia Arioli continuerà a lottare. E invita chi si trova confrontato con una disabilità a fare altrettanto. «Non si può fare finta di niente». Del resto, le segnalazioni relative a inaccessibilità architettoniche che giungono a Inclusione andicap Ticino, sono in aumento. «Riceviamo circa un’ottantina di segnalazioni all’anno. La gente ci tiene a denunciare queste cose. C’è sempre più consapevolezza » conclude Martinetti.

Davide Giordano
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Simone Canepa 2 anni fa su fb
Mi spiace per la signora e per chi è nelle sue stesse condizioni... Questo è un altro esempio di come in Ticino si sta cadendo in basso, non creano piste ciclabili e/o corsie ciclabili, figuriamoci se qualcuno ha intenzione di tirare fuori soldi anche per gli invalidi... Esempio: Lugano, città che spende milioni di franchi per costruire edifici anche discutibili, cambiano il piano viario, mettendo in vigore quello che si usava 40 anni fa, che poi chiudono i bagni pubblici per risparmiare... Cosa ci si aspetta che facciano quelli che potrebbero fare qualcosa...? Disgusto per questo cantone di egoisti, irrispettosi, incapaci e pure ladri...
Kevin Cosmai 2 anni fa su fb
Io farei fare una bella giornata in carrozzina ai "Signori" che architettano le città nel canton Ticino.. sono proprio curioso di sentire cosa avranno da dire dopo.
Patrizia Prisco 2 anni fa su fb
Provare x credere!!!!!?
Gloria Bergamo 2 anni fa su fb
Anche quando giri solo con carrozzina e bambino ti rendi conto che non funziona... X non parlare alle strisce che non si fermano....
Shion 2 anni fa su tio
Architetti e ingegnieri. Solo il nome dice tutto su questi personaggi.
87 2 anni fa su tio
@Shion Abbi comprensione di architetti e ingegneri (senza la i dopo "gn"): sono gente che studia per ottenere l'ambito pezzo di carta che aprirà loro molte porte. Poco importa che vedano o meno le reali difficoltà delle persone che realizzano e utilizzano i loro progetti. E non sono tanto meglio quei burocrati che approvano questi progetti solo sulla carta, ma senza utilizzare l'immaginazione per immedesimarsi con i futuri utenti.
Agnese Sista Gamma 2 anni fa su fb
La sensibiltà per le persone con andicap la dovrebbero insegnare a scuola, sopratutto per chi costruisce; politici e architetti. Sopratutto architetti.
Gloria Bergamo 2 anni fa su fb
Non mi devono insegnare buon senso, logica.... o si??!!!! Poi tanti se ne fregano ma domani magari tocca loro; me compresa.......
Agnese Sista Gamma 2 anni fa su fb
Gloria Bergamo la malattia o l'andicap può succedere a tutti. Appunto per questo bisognerebbe sensibilizzare iniziando a scuola poi anche più in la con gli anni.
Manuela Crivelli Lucchini 2 anni fa su fb
Ho visto ieri questa ragazza ad attraversare la strada e sinceramente avevo paura che da un momento all'altro cadeva perché aveva troppi scalini da fare tra marciapiede e strada
Igor Gutschen 2 anni fa su fb
eh già; qui vengono a galla le verità, un Cantone di incapaci che pensa di fare posto alle auto, poi il risultato è questo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BALERNA
10 min
Chi ha visto quest'uomo?
Il 45enne è scomparso la mattina del 30 maggio da Balerna.
ARBEDO-CASTIONE
1 ora
Camion bloccato in un sottopasso
È successo attorno alle 16 in territorio di Arbedo
CANTONE / CONFINE
1 ora
Turismo degli acquisti, primi furbetti pizzicati in dogana
Registrato un aumento del 20% del traffico transfrontaliero
CANTONE
2 ore
«Dopo 93 giorni mia figlia ha riabbracciato il papà e i nonni»
Il racconto di una mamma: «Il bene di mia figlia è più forte delle incomprensioni fra genitori». E anche del coronavirus
CANTONE
4 ore
«Aveva perso la fiducia di tutti»
L'ex comandante Antonini sconfessato dal Tribunale amministrativo federale. Confermata la sospensione
CANTONE
4 ore
Il ballottaggio per il Consiglio degli Stati è valido
Lo ha stabilito il TRAM, che ha respinto il ricorso presentato lo scorso novembre dall'avvocato Gianluca Padlina
CANTONE/CONFINE
5 ore
Ticinese fermato in dogana, rischia la multa per un giornale
Nel caso specifico si è chiuso un occhio. Niente multa, ma l'acquisto è stato lasciato oltre confine.
CANTONE/BERNA
6 ore
Non chiamateli omicidi "passionali"
Femminicidio: le deputate ticinesi Gysin e Carobbio chiedono una svolta linguistica (ma non solo) nel codice penale
CANTONE
7 ore
Covid: un positivo e zero decessi
Dall'arrivo del coronavirus nel nostro cantone si registrano complessivamente 3'316 contagi
CAMORINO
8 ore
Danni e sporcizia alla Capanna Cremorasco
Atti di vandalismo da parte di alcuni ignoti. Il Patriziato di Camorino ha sporto denuncia.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile