Keystone
BASILEA CITTÀ
11.08.20 - 17:140
Aggiornamento : 18:35

Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata

La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni

«La sua follia è incomprensibile per lei che ne soffre. Per tutti gli altri che hanno assistito al processo è invece palese»

BASILEA - È stata riconosciuta colpevole la donna di 76 anni che il 21 marzo del 2019 a Basilea ha ucciso il piccolo Ilias, un bimbo di 7 anni, accoltellandolo per strada.

Il Tribunale penale di Basilea ha seguito la richiesta della pubblica accusa. Tutte le condizioni per una condanna per assassinio sono soddisfatte, ha detto oggi il presidente della corte presentando la sentenza. Ma visto che la donna è stata dichiarata «non imputabile e quindi non punibile» è stata decisa la misura dell'internamento.

La 76enne «ha pugnalato il bambino a sangue freddo e per interesse personale come fosse un agnello», ha dichiarato il presidente. Stando all'atto d'accusa, la donna ha iniziato a pianificare il suo gesto tre giorni prima di quel 21 marzo, girovagando nel quartiere di Gotthelf "come una tigre", secondo le dichiarazioni fatte agli inquirenti. Ha anche preparato le bozze di alcuni messaggini SMS spediti a diverse persone dopo il delitto.

Rivolgendosi alla donna la Corte l’ha definita folle. «La sua follia è incomprensibile per lei che ne soffre. Per tutti gli altri che hanno assistito al processo è invece palese». Un giudizio che si basa anche sul referto psichiatrico, che parla di un disturbo narcisistico di personalità.

«Poiché lei soffre di una follia persistente - ha aggiunto ancora la Corte -, non è in grado di vedere l'ingiustizia delle sue azioni». Inoltre è stato spiegato alla 76enne che le sue accuse nei confronti delle autorità sono del tutto infondate. «Non le è mai venuto in mente che è stata mandata via dal suo appartamento perché non pagava l'affitto da mesi, e questo perché era così presa dalla sua follia».

Pur riconosciuta colpevole di assassinio, l’omicida non verrà messa in carcere. La corte ha deciso che sarà internata, come richiesto dall’accusa. È stata esclusa invece una misura terapeutica. Quest'ultima sarebbe infatti giustificata in presenza di un disturbo mentale grave con possibilità di guarigione. Per la Corte «la follia della donna, presente da oltre 40 anni», è stata ritenuta «inguaribile».

Il tribunale ha poi respinto le richieste di riparazione per torto morale per 185'000 franchi e di risarcimento per circa 18'700 franchi presentate dai genitori del bambino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Covid: il 20% dei positivi non presenta sintomi
È la conclusione a cui è giunto uno studio effettuato all'Università di Berna.
BERNA
3 ore
Gas lacrimogeni e getti d'acqua, la polizia interviene a Berna
Una manifestazione in Piazza federale, e un'altra che vi si è aggiunta: la polizia ha avuto un pomeriggio di fuoco
BELLINZONA
4 ore
Processo FIFA: l'accusa chiede 36 mesi per Valcke
Con la possibilità di sospenderne una parte con la condizionale, con lui alla sbarra Nasser Al-Khelaifi e Joel Pahud
SVIZZERA
6 ore
Easyjet Svizzera, buona estate nonostante il virus
Il direttore generale Jean-Marc Thévenaz si aspetta che le tariffe aeree possano scendere
SVIZZERA / EUROPA
7 ore
Mega-fusioni bancarie in vista? «Ci stiamo preparando»
Secondo Sergio Ermotti sono ormai «inevitabili».
SVIZZERA
7 ore
I premi salgono ancora, purtroppo
Cassa malati, in Ticino aumento sopra la media svizzera. Nel 2021 in arrivo altri rincari
SVIZZERA
9 ore
Altre 286 infezioni, 14 ricoveri e 3 decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 50'664. Le vittime sono almeno 1'773.
BERNA
9 ore
Piazza federale, "no" del Consiglio nazionale allo sgombero
«La Camera del popolo non è responsabile di quanto avviene a Berna. Spetta a Città e Cantone»
SVIZZERA
10 ore
Il pensionamento anticipato è un miraggio
Le riduzioni della rendita per il resto della vita pesano sull'economia familiare e in futuro sarà ancora peggio
SVIZZERA
11 ore
Il lato salutare del lockdown
I dati in possesso della Suva evidenziano un calo degli infortuni, soprattutto nel tempo libero, fra marzo e maggio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile