Keystone
ZURIGO
20.07.19 - 10:400
Aggiornamento : 13:12

Dramma familiare, il padre collaborava con la Polizia

Quattro persone sono morte giovedì a Affoltern am Albis. Il quartiere è sotto shock mentre perseguono le indagini per chiarire le circostanze esatte della tragedia

AFFOLTERN AM ALBIS - Giovedì sera un dramma familiare ha fatto quattro morti ad Affoltern am Albis, nel canton Zurigo. Un uomo di 53 anni ha ucciso la moglie 51enne e i due figli, di 7 e 9 anni, prima di suicidarsi.

«Erano miei amici» - Intervistati da 20 Minuten , i vicini sono scioccati per quanto accaduto: «Non riesco neanche a parlarne - ha detto un residente del quartiere. Mi fa male il cuore per ciò che è successo. Ci incrociavamo spesso ed erano tutti molto gentili». Testimonianza questa confermata anche da una vicina, secondo la quale però «ultimamente sembravano un po’ tristi».

Anche Tarek, 12 anni, vive nel quartiere e conosceva bene i due bambini deceduti: «Erano miei amici. Ero nella stessa scuola di uno di loro. Spesso giocavamo insieme o andavamo in piscina». 

Le esatte circostanze della tragedia non sono ancora chiare e sono oggetto di un’indagine di Ministero pubblico e polizia, che per ora non ha fornito informazioni sull'arma del delitto.

A stretto contatto con la polizia - Il padre dei due bimbi - riferisce sempre il quotidiano svizzero-tedesco - era un detective. Con la sua società ha collaborato con varie polizie svizzere, con diverse agenzie federali, pubblici ministeri e persino con l'FBI e la NSA.

La società ha anche partecipato attivamente al caso Mörgeli. Era stato incaricato dal pubblico ministero di chiarire i contatti avuti da alcuni membri dell'Università di Zurigo con il "Tages-Anzeiger". In altre parole, doveva scoprire chi aveva fornito al giornale informazioni su Mörgeli, che l'Udc zurighese ha deciso di riproporre per la corsa al Consiglio nazionale (nel 2015, dopo quattro legislature, non era stato rieletto).

Il caso Mörgeli
Christoph Mörgeli, noto per le sue doti polemiche, era già stato deputato al Consiglio nazionale dal 1999 al 2015. Alle ultime elezioni ha però mancato la rielezione, nonostante il successo elettorale dell'UDC. Egli era stato licenziato nel marzo 2013 dall'incarico di direttore dell'Istituto di storia della medicina dell'Università di Zurigo dopo la pubblicazione, nel settembre 2012 da parte del Tages Anzeiger, di estratti di un rapporto interno molto critico sul suo operato in veste di direttore del museo dell'istituto.

Il Tribunale amministrativo cantonale zurighese, nel dicembre 2015, ha giudicato il licenziamento irregolare e ha imposto all'ateneo di versare all'esponente dell'UDC, che si era detto vittima di "mobbing", l'equivalente di 17 mesi di salario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SCIAFFUSA
1 ora
Con la gru “irrompe” negli uffici della polizia
Un curioso incidente si è verificato a Sciaffusa. Non si registrano fortunatamente feriti
SPAGNA / SVIZZERA
1 ora
In vacanza col morto: «L'ho amato moltissimo»
Si chiariscono alcuni retroscena del singolare viaggio interrotto la scorsa settimana dalla polizia catalana.
SVIZZERA
1 ora
«Se l'UDC vuole essere coerente, dovrebbe lasciare il Consiglio federale»
La presidente del PLR Petra Gössi risponde all'attacco di Marco Chiesa
SVIZZERA
4 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
6 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
7 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
8 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
9 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
9 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
12 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile