BREAKING NEWS
Coronavirus, in Ticino altri 104 casi e dodici decessi
MAROCCO
03.01.19 - 17:420

Omicidio delle turiste scandinave, udienza anche per il cittadino ispano-svizzero

Chiesto il rinvio a giudizio per terrorismo, costituzione di banda armata, plagio e adescamento di individui al fine di costituire banda armata e a fini terroristici

RABAT - Udienza preliminare, oggi in Marocco, per sette indiziati del duplice omicidio delle due turiste scandinave. Tra di loro figura anche un cittadino ispano-svizzero. Dopo il primo gruppo di 17 sospetti, con l'udienza di oggi tutti gli arrestati per il caso di Imlil sono finiti davanti al giudice.

La pubblica accusa ha chiesto il rinvio a giudizio per «terrorismo», «costituzione di banda armata, al fine di commettere atti terroristici», «plagio e adescamento di individui al fine di costituire banda armata» e «a fini terroristici».

In questo secondo gruppo c'è anche l'uomo, con doppia nazionalità svizzera e spagnola, che si era radicalizzato quando viveva nella Confederazione. Secondo quanto pubblicato ieri dal sito di informazione marocchino Le360, lo svizzero vive a Marrakech dal 2015 e si era convertito all'Islam nel 2011 nella Grande Moschea di Ginevra.

Lunedì la portavoce l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) aveva confermato a Keystone-ATS che l'uomo era noto alle forze dell'ordine ginevrine per reati comuni commessi fra il 2007 e il 2013 e che era sospettato di radicalizzazione.

TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile