20minuten
BERNA
29.03.21 - 23:370

GastroSuisse troverà soluzioni migliori del Consiglio federale?

Un'iniziativa popolare vuole risolvere i problemi finanziari del settore della ristorazione in caso di future pandemie.

Secondo un esperto questo strumento aiuterà a combattere la frustrazione, ma sarà poco efficace all'atto pratico

BERNA - Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, ha dato oggi libero sfogo alla sua frustrazione in una conferenza stampa: «Il Consiglio federale ha fallito, così come il Parlamento, e le società di ristorazione colpite dalla pandemia sono state aiutate molto meglio all'estero», ha dichiarato.

Platzer ha criticato aspramente le modalità di aiuti alle realtà in difficoltà, sostenendo che arrivano troppo tardi costringendo all'indebitamento. Da qui l'annuncio del lancio di un'iniziativa popolare. L'obiettivo: in caso di future pandemie, l'Epidemic Act dovrebbe disciplinare chiaramente quali società hanno il diritto di essere aiutate e in quale misura.

Il testo dell'iniziativa deve ancora essere scritto - Il testo dell'iniziativa non è ancora disponibile, come sottolineato da Alois Gmür, consigliere nazionale e presidente dell’intergruppo parlamentare hôtellerie e ristorazione. Interpellato da 20 Minuten, spiega che i mezzi esistenti, come il risarcimento per casi di rigore o la perdita di guadagno, non sono soddisfacenti. «Vogliamo aprire a nuovi orizzonti con questa iniziativa. Una soluzione di compensazione uniforme e valida a livello nazionale deve essere stabilita per ogni settore. Perché è stato dimostrato che in una crisi di questa portata la gestione cantonale non è adatta a risolvere i problemi».

Gmür spiega il motivo per il quale si è scelta la strada dell'iniziativa popolare: «Il Parlamento è responsabile delle soluzioni insostenibili attualmente in atto. Al momento vengono presentate così tante mozioni che potrebbero volerci anche diversi anni prima che una di queste entri nell'ordine del giorno. Noi vogliamo abbracciare tutte le associazioni interessate e fare pressione sul Consiglio federale e il Parlamento».

Segnali positivi da altri settori - Il testo dell'iniziativa dovrebbe essere pronto entro il tardo autunno. «Vogliamo iniziare a raccogliere le firme rapidamente, perché la nostra preoccupazione è quella di molti», conclude Gmür.

Fino ad allora, dovrebbero essere coinvolte anche altre associazioni di settore. Il feedback iniziale è stato positivo: «Siamo pienamente favorevoli all'idea che lo Stato debba risarcire le aziende forzatamente messe in difficoltà, in modo semplice e completo», afferma Claude Ammann, presidente della Federazione Svizzera dei Centri Fitness e di Salute (SFGV).

«Parafulmine per l'insoddisfazione» - Per il politologo Daniel Kübler dell'Università di Zurigo, la preoccupazione è giustificata: «Un'iniziativa può fungere da parafulmine per l'insoddisfazione generale. L'iniziativa potrebbe anche aiutare a mantenere la pressione sugli attori politici. Dopo tutto non sappiamo come sarà la situazione tra due o tre anni», aggiunge.

Kübler, tuttavia, dubita che un'iniziativa popolare possa essere efficace: «In Parlamento non è mancata la volontà di risarcire le persone colpite. Tuttavia, è stato dimostrato che l'implementazione dei risarcimenti è complicata. Dubito che gli iniziatori troveranno la chiave di volta se il Consiglio federale, i cantoni e il Parlamento non lo hanno fatto prima».

Anche il consigliere nazionale Leo Müller è scettico: «Con un'iniziativa popolare si potrebbe mettere le basi per realizzare questi compensi. Ma per la loro attuazione si dovrebbe discuterne esattamente nello stesso modo in cui abbiamo fatto per giorni, in Parlamento, negli ultimi mesi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 5 mesi fa su tio
😂😂😂😂😂😂😂😂😂
SteveC 5 mesi fa su tio
Non dovrebbe essere troppo difficile trovare soluzioni migliori di quelle del Consiglio Federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
3 ore
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
3 ore
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
10 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
12 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
12 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
17 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
17 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
18 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
19 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
20 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile