Ti Press
SVIZZERA
29.03.21 - 10:530
Aggiornamento : 14:29

Gastrosuisse passa all'attacco e lancia un'iniziativa popolare

Il settore della gastronomia vuole regole chiare e chiede una miglior copertura in caso di futura pandemia.

Gastrosuisse vuole porre rimedio a una legge sulle epidemie «lacunosa». Massimo Suter: «Poche volte la fiducia nelle nostre istituzioni è stata così bassa come lo è oggi».

BERNA - La situazione in cui versa la ristorazione svizzera non è più sostenibile: non si può andare avanti così. È con grande rabbia e preoccupazione, ma anche un pizzico di rassegnazione, che i vertici del settore della ristorazione hanno preso la parola questa mattina a Berna. E lo hanno fatto per «un annuncio importante»: GastroSuisse ha deciso di lanciare un'iniziativa popolare volta a ottenere risarcimenti sufficienti in caso di una futura crisi epidemica.

Indennizzi del tutto inadeguati - «Siamo nel bel mezzo di una pandemia - ha ammesso Alois Gmür, consigliere nazionale e presidente dell’intergruppo parlamentare hôtellerie e ristorazione - ma le nostre riserve stanno calando mese dopo mese. Gli indennizzi sono del tutto inadeguati e costringere gli esercizi pubblici a restare chiusi non può più essere una soluzione, ma è un ulteriore problema. Una crisi per l'intero settore a questo punto è inevitabile». Un settore, quello della gastronomia, che garantisce oltre 200mila posti di lavoro, ma che il Governo «ha deciso di sacrificare», secondo Gmür.

«La politica ha fallito» - Il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer è poi entrato nel dettaglio dell'iniziativa, il cui testo deve comunque ancora essere redatto. «Le compensazioni vengono pagate troppo lentamente. In Canton Turgovia, ad esempio, vengono erogati solo prestiti senza interessi. Non esistono aiuti a fondo perso. Le aziende sono quindi costrette a indebitarsi. Non è giusto». Per il presidente di GastroSuisse, tutto il quadro normativo è poco chiaro: ad esempio non è sempre possibile sapere quali somme possono aspettarsi gli imprenditori. «I politici svizzeri non sono riusciti a fornire un sostegno finanziario adeguato», ha ammonito Platzer.

Imparare dagli errori - «Abbiamo bisogno di aiuti semplici», ha proseguito Platzer. Il lavoro a orario ridotto per un lungo periodo, ad esempio, è giudicato «molto stressante» per i dipendenti. Questi ricevono l'80% del loro stipendio e devono inoltre rinunciare alle mance, che spesso sono più di un semplice "bonus". Non vi è stato alcun sostegno al settore come una riduzione dell'IVA, come accaduto in Germania e Austria. «Gli errori commessi non devono essere ripetuti. La compensazione per le aziende, ancora oggi, non è chiara» Ecco perché è stata lanciata l'iniziativa popolare. «Con l'iniziativa vogliamo ottenere un quadro normativo chiaro. Abbiamo bisogno di chiarezza», ha concluso Platzer.

Le richieste - Poiché non esiste nella legge sulle epidemie alcun diritto a un indennizzo per le strutture toccate, Gastrosuisse ha deciso di porre rimedio a questa lacuna. In caso di una futura pandemia, bisogna quindi fare in modo di elaborare una base legale solida affinché siano previsti risarcimenti adeguati, che al momento coprono appena la metà dei costi fissi e giungono in ritardo ai destinatari, nonché precisare il diritto alla riduzione del tempo di lavoro e all'Indennità per perdita di guadagno.

«Messi con le spalle al muro» - Dopo il presidente è intervenuto anche il suo vice, Massimo Suter. «I ristoranti stanno facendo moltissimo per la salute della nostra popolazione. Stanno facendo un sacrificio speciale. Tuttavia, non vengono adeguatamente compensati. Molti, con i contributi che ricevono, non riescono nemmeno a coprire i loro costi fissi e questo inadeguato risarcimento ha messo le aziende con le spalle al muro». 

Frustrazione e rabbia - «Le persone si sentono abbandonate. Questo crea frustrazione e rabbia. Poche volte la fiducia nelle nostre istituzioni è stata così bassa come lo è oggi», ha aggiunto Suter. L'iniziativa popolare è quindi «necessaria» anche per il Consiglio federale. Perché se le persone colpite vengono compensate in modo migliore, il livello di accettazione delle misure emanante dal Consiglio federale sarà maggiore.

Alla conferenza stampa erano presenti Alois Gmür, consigliere nazionale PDC e presidente del gruppo interparlamentare hôtellerie e ristorazione, Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse Massimo Suter, vice-presidente di GastroSuisse e presidente di GastroTicino, e Daniel Borner, direttore di GastroSuisse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
50 min
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
SVIZZERA
2 ore
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
2 ore
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
4 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
4 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
5 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
5 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
7 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
7 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile