Archivio Keystone
SVIZZERA
19.05.20 - 06:330

Animali, laboratori e 5G: ecco le convinzioni degli svizzeri sul virus

La tesi scientifica sull'origine del coronavirus è la più accreditata. Ma il 30% crede a una “fuga” da un laboratorio

È quanto emerge dal secondo sondaggio di Tamedia e 20 minuti sulla pandemia

ZURIGO - Il nuovo coronavirus? Secondo la comunità scientifica, proviene dal pipistrello. Anche se si sta ancora cercando un “ospite intermedio” animale che avrebbe permesso la trasmissione all'essere umano. Fatto sta, comunque, che il 62% degli svizzeri è convinta dell'origine animale della malattia, come si evince dai risultati del secondo sondaggio di Tamedia e 20 minuti sul coronavirus, a cui hanno di recente partecipato 26'145 persone.

La teoria del laboratorio - Ma attorno alla pandemia da coronavirus non mancano le più svariate teorie del complotto. La principale è quella secondo cui il virus sarebbe stato creato in laboratori finanziati dai governi per controllare le persone. Anzi, per il presidente americano Donald Trump, la malattia sarebbe partita da un laboratorio ben preciso: quello della città cinese di Wuhan. E la teoria del laboratorio a cui il virus sarebbe quindi sfuggito (volontariamente o no) attecchisce anche in Svizzera: ci crede, infatti, il 30% degli interpellati. Una percentuale, questa, che cala notevolmente con l'aumentare del grado d'istruzione. Quella del laboratorio è inoltre una tesi che piace molto agli elettori UDC (44%).

La colpa del 5G - Sul web e in particolare sui social media è anche diffusa una convinzione sul coronavirus che tira in ballo il 5G. C'è infatti chi pensa che la malattia possa essere stata causata volontariamente e trasmessa alla popolazione con la nuova tecnologia di telefonia mobile. Una teoria, questa, a cui crede il 3% degli intervistati.

Il ruolo degli allevamenti - Ma tornando alla tesi sulla provenienza animale del virus, per il 17% degli svizzeri lo scoppio della pandemia sarebbe stato favorito dagli allevamenti intensivi. Lo pensano in particolare gli elettori di PS (21%) e dei Verdi (27%).

Il confronto con l'influenza - Sin dal primo arrivo del virus in Europa e poi in Svizzera, in molti - soprattutto sui social media - hanno criticato l'allarmismo affermando che alla fin dei conti il Covid-19 «non è peggio di una normale influenza». E questo - sempre secondo i risultati del sondaggio - è quello che pensa il 13% della popolazione. Si tratta inoltre di un'opinione diffusa in particolare tra gli under 35 (19%). Nella fascia d'età più vulnerabile, quindi oltre i 65 anni, la percentuale scende invece al 9%.

Il sondaggio

Sono 26'145 le persone da tutta la Svizzera che il 14 maggio 2020 hanno preso parte al sondaggio di Tamedia e 20 minuti sul coronavirus. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore è di 1,4 punti percentuali.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
9 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
9 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
12 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
15 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
15 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
15 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
18 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile