Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.05.20 - 08:260

Lasciare i dati al ristorante? «Serve una base legale»

Mister Dati ha posto il suo veto e l'esecutivo ha fatto marcia indietro con GastroSuisse. Resta la volontarietà

BERNA - Fornire i propri dati al ristorante deve essere una scelta personale e non un obbligo. Lo sostiene l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza Adrian Lobsiger, secondo cui non c'è una base legale per imporre agli esercenti controlli di identità sulla clientela. «Se nell'ambito delle misure di deconfinamento legate al coronavirus il governo vuole costringere ristoratori e avventori ad agire così deve creare una base giuridica», dichiara Lobsiger in un'intervista diffusa oggi dal quotidiano Le Temps. «Non escludo che possa farlo in tempi stretti», aggiunge.

Secondo informazioni del Blick e della Neue Zürcher Zeitung, Lobsiger ha posto il suo veto all'obbligo di lasciare nome, cognome e numero di telefono voluto dall'esecutivo, che dunque avrebbe fatto marcia indietro, abbandonando per ora tale normativa.

Il passaggio alla volontarietà è stato sancito in un colloquio fra Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, e il ministro della sanità Alain Berset. I ristoranti potranno riaprire lunedì a condizione di rispettare una serie di misure elaborate dal settore e dagli uffici federali. Una "vittoria" celebrata anche dal presidente di GastroTicino.

Qualora invece vi fossero le basi legali per introdurre tale imposizione, pur se non entusiasta, Mister dati afferma che non si opporrebbe. Se il Consiglio federale agisce nella legalità, «non avrei altra scelta che accettare la decisione», constata Lobsiger.

Sulle colonne di Le Temps Mister dati si dice inoltre soddisfatto dell'app DP-3T, attualmente in fase di sviluppo da parte del Politecnico federale di Losanna (EPFL) e che servirà a ricostruire la catena dei contagi. «Finora tutto quello che abbiamo visto è accettabile: un sistema il più decentralizzato possibile, un anonimato preservato e una base volontaria». Insomma, la struttura tecnica è corretta, «ma dobbiamo ancora esaminare l'applicazione nella pratica», avverte Lobsiger. Una prima versione dovrebbe essere pronta lunedì, mentre una definitiva seguirà entro la fine di maggio. Basata sul Bluetooth, l'app registra ogni contatto con individui avvenuto a meno di due metri di distanza per oltre 15 minuti. In caso di contagio di uno di questi, il proprietario dello smartphone viene informato con una notifica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
1 ora
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
5 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
9 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
10 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
12 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
13 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
13 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
14 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
14 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile