Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.05.20 - 08:260

Lasciare i dati al ristorante? «Serve una base legale»

Mister Dati ha posto il suo veto e l'esecutivo ha fatto marcia indietro con GastroSuisse. Resta la volontarietà

BERNA - Fornire i propri dati al ristorante deve essere una scelta personale e non un obbligo. Lo sostiene l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza Adrian Lobsiger, secondo cui non c'è una base legale per imporre agli esercenti controlli di identità sulla clientela. «Se nell'ambito delle misure di deconfinamento legate al coronavirus il governo vuole costringere ristoratori e avventori ad agire così deve creare una base giuridica», dichiara Lobsiger in un'intervista diffusa oggi dal quotidiano Le Temps. «Non escludo che possa farlo in tempi stretti», aggiunge.

Secondo informazioni del Blick e della Neue Zürcher Zeitung, Lobsiger ha posto il suo veto all'obbligo di lasciare nome, cognome e numero di telefono voluto dall'esecutivo, che dunque avrebbe fatto marcia indietro, abbandonando per ora tale normativa.

Il passaggio alla volontarietà è stato sancito in un colloquio fra Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, e il ministro della sanità Alain Berset. I ristoranti potranno riaprire lunedì a condizione di rispettare una serie di misure elaborate dal settore e dagli uffici federali. Una "vittoria" celebrata anche dal presidente di GastroTicino.

Qualora invece vi fossero le basi legali per introdurre tale imposizione, pur se non entusiasta, Mister dati afferma che non si opporrebbe. Se il Consiglio federale agisce nella legalità, «non avrei altra scelta che accettare la decisione», constata Lobsiger.

Sulle colonne di Le Temps Mister dati si dice inoltre soddisfatto dell'app DP-3T, attualmente in fase di sviluppo da parte del Politecnico federale di Losanna (EPFL) e che servirà a ricostruire la catena dei contagi. «Finora tutto quello che abbiamo visto è accettabile: un sistema il più decentralizzato possibile, un anonimato preservato e una base volontaria». Insomma, la struttura tecnica è corretta, «ma dobbiamo ancora esaminare l'applicazione nella pratica», avverte Lobsiger. Una prima versione dovrebbe essere pronta lunedì, mentre una definitiva seguirà entro la fine di maggio. Basata sul Bluetooth, l'app registra ogni contatto con individui avvenuto a meno di due metri di distanza per oltre 15 minuti. In caso di contagio di uno di questi, il proprietario dello smartphone viene informato con una notifica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
2 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
3 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
4 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
6 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
6 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
7 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
7 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
8 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
10 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
SVIZZERA / AUSTRIA
11 ore
Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza
Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile