Depositphotos - foto d'archivio
SVIZZERA
05.05.20 - 13:500
Aggiornamento : 20:00

Per ordinare al ristorante bisognerà fornire i propri dati personali

Bar e ristoranti riaprono lunedì. Ma le cose sono cambiate e, tra le altre, c'è una novità introdotta da GastroSuisse.

L'obiettivo è rintracciare, in tempi rapidi, chiunque sia entrato in contatto con un caso Covid-19

L'11 maggio riaprono bar e ristoranti

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - L’11 maggio riaprono bar e ristoranti. Lo ha deciso il Consiglio federale per «un ritorno graduale alla normalità» e per andare incontro alle esigenze economiche del settore, messo in grave difficoltà. Lunedì si potrà tornare a mangiare la pizza fuori casa e a sorseggiare un caffè a un tavolino al sole. Ma non sarà tutto come prima.

In una prima fase sono ammesse a un tavolo al massimo quattro persone. L’eccezione sono i genitori con più bambini. Tutti gli ospiti devono essere seduti e tra i tavoli deve essere mantenuta una distanza di almeno due metri. Ma non solo. Per recarsi al bar o al ristorante bisognerà fornire nome, cognome e numero di telefono.

L’anticipazione è del Blick, che riferisce il piano di protezione pensato da GastroSuisse, la federazione dell’albergheria e della ristorazione svizzera. L’esercizio pubblico dovrà raccogliere i dati personali degli avventori, in modo da poter rintracciare tutti e rapidamente nel caso si presentasse un contagio.

Secondo il presidente di GastroSuisse, Casimir Platzer, questa nuova norma non rappresenterà un freno. «Chi ha voglia di tornare al ristorante non avrà problemi a fornire i suoi dati personali». Per stabilire le nuove disposizioni da applicare a partire dall’11 maggio, GastroSuisse si è confrontata con l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e l’Ufficio federale della sicurezza alimentare (USAV). Le norme verranno quindi applicate all’intero settore, anche a chi non fa parte di GastroSuisse.

Anche nelle cucine e negli altri spazi dei locali varranno le regole d’igiene e di distanziamento sociale. Se non è possibile (ad esempio in alcune cucine), bisognerà prevedere degli accorgimenti maggiori, come mascherine o protezioni in plexiglas. Platzer è consapevole che per alcuni ristoratori sarà difficile, o potrebbero pensare che “è troppo rischioso”, ma sostiene che «la stragrande maggioranza non vede l’ora di riaprire».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
3 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
3 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
SVIZZERA
6 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
7 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
8 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
10 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
10 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
10 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile