Columbia/Keystone
STATI UNITI
18.08.19 - 17:300
Aggiornamento : 21:04

«Eccome se il Bruce Lee del film di Tarantino è razzista»

Lo sostiene la leggenda del basket, e allievo dell'artista marziale, Kareem Abdul-Jabbar: «Non era uno sbruffone, la sua prima regola era: non combattere»

LOS ANGELES - Arrogante, manesco, dall'accento cinese macchiettistico e - in generale - decisamente ridicolo. Bruce Lee dall'ultima pellicola di Quentin Tarantino “C'era una volta a... Hollywood" non ne esce proprio benissimo. 

Se n'è accorta per prima la figlia del compianto artista marziale Laura Lee che ha scelto il canale dei media per lamentarsi del fatto che, suo papà, in realtà non era affatto così. Accuse rispedite alla mittente dallo stesso Tarantino che ha difeso a spada tratta la sua rappresentazione.

L'ultima parola sulla vicenda è quella della leggenda del basket e dei Lakers, Kareem Abdul-Jabbar che era amico e allievo di Lee e con lui aveva recitato anche nel suo ultimissimo film, il postumo "L'ultimo combattimento di Chen" del 1978.

«Non è facile per me prendere posizione sull'argomento», ha scritto Abdul-Jabbar in un editoriale sul Hollywood Reporter, «sono un fan tarantiniano di lunga data ma per me Bruce è stato un insegnante e un amico. Grazie a quello che ho imparato da lui ho potuto giocare per 20 anni in NBA senza infortunarmi praticamente mai».

Secondo lui il ritratto di Lee del film «mostra una chiara incomprensione culturale», aggiungendo: «Se un regista vuole rappresentare una figura realmente esistita dovrebbe almeno tentare di essere il più veritiero possibile. Qui invece Bruce viene dipinto come un pessimo professionista e un pessimo essere umano, oltre che una macchietta razzista: lui che ha dedicato la vita tentando di cambiare l'immagine stereotipata che Hollywood dà degli asiatici».

E per quanto riguarda la spacconaggine e il fatto di essere un manesco? «Andavo in giro costantemente con Bruce e non avete idea di quanta gente veniva a sfidarlo, lui declinava sempre in maniera educata. La regola del suo "Fight Club" era: non combattere. Sapeva chi era e non aveva nessun motivo di dimostrarlo a nessuno. La vera lotta, lui ne era cosciente, non era sul ring ma passava per l'accettazione socio-culturale».

1 mese fa Tarantino difende il suo Bruce Lee
1 mese fa Quel Tarantino un po' feticista che convince così così
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
3 ore

C'è un motivo se Camila Cabello nelle sue canzoni non dice parolacce

Perché vuole fare da buon esempio a qualcuno di importante, provate a indovinare chi

STATI UNITI
8 ore

Un'ordinanza restrittiva nei confronti del fratello: «Voleva uccidere mia moglie incinta»

L'ha chiesta il Backstreet Boy Nick Carter per Aaron Carter: «È sempre più preoccupante», la risposta dell'interessato: «Non ci vediamo da 4 anni»

ITALIA
11 ore

Lutto per Cesare Cremonini, addio a papà Giovanni

Aveva 94 anni ed era il medico di famiglia di San Lazzaro. «Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello»

REGNO UNITO
13 ore

Katie Price: dopo l'intervento, il suo iPhone non la riconosce

La 41enne si è sottoposta ad un'operazione chirurgica al volto e al seno. Una volta tornata a casa è riuscita anche a spaventare i suoi due figli più piccoli

ITALIA
16 ore

«I Thegiornalisti continueranno» anche senza Tommaso Paradiso

Il chitarrista Marco Musella risponde alle dichiarazioni dell'ex vocalist. La band non si scioglierà: «La decisione di uno non può vincolare gli altri due»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile