Sony Pictures Entertainment
LOCARNO
11.08.19 - 08:000
Aggiornamento : 22.01.20 - 08:15

Quel Tarantino un po' feticista che convince così così

“Once upon a time in Hollywood”, in Piazza Grande sabato sera, è un nostalgico delirio che non mancherà di dividere

LOCARNO – Tarantino, si sa, è uno che o lo ami o lo odi: sin dagli esordi. Citazionista patologico di tutta quella marmaglia di film di Serie B anni '60-70, verbosissimo, violento eppure attentissimo ai dettagli, geniale e dall'occhio cinematografico sopraffino.

Riverito dai suoi fan, con i critici ha un rapporto decisamente più complesso fra chi lo definisce un gonzo a chi invece ne venera la visione e la maestria.

“Once upon a time in Hollywood”, ultima sua pellicola presentata a Cannes e sabato sera in Piazza Grande per il Pardo 19, è forse il suo film più divisivo.

Ambientato in quella Hollywood a fine anni '60 che ha dato i natali a molte delle sue pellicole preferite – fra western di seconda mano e pellicole di kung-fu – racconta non una ma due storie su livelli paralleli.

Quella portante segue le tribolazioni di un attore di non primissimo grido in evidente crisi esistenzial-lavorativa (Leonardo DiCaprio) e del suo cascatore-tirapiedi (Brad Pitt). Sull'altro binario invece scorre la vita della coppia di superdivi Sharon Tate (Margot Robbie) e Roman Polanski che si concluderà nel celeberrimo omicidio per mano di Charles Manson e dei suoi adepti.

Due storie che si intrecciano in più punti, che fanno parte dello stesso universo ma che finiranno per collidere davvero solo nelle battute finali. Come due strade diverse che portano alla stessa destinazione.

Le medesime strade che sono protagoniste di asfalto, perché nelle due ore e quaranta di film una gran parte del tempo è trascorsa rombando per i colli e le vie di una Los Angeles retrò scintillante e ricreata con una perizia incredibile.

Una cura certosina e maniacale che, in puro stile Tarantino, è applicata anche ai set, alle scenografie e alle citazioni di cui la pellicola è zeppa. Se durante tutta la carriera il regista ha voluto rendere omaggio alle amate pellicole, con “Once upon a time” la celebrazione è diretta a chi – quei film – li creava.

Un omaggio dell'omaggio che però resta un po' fine a sé stesso e soffre di diversi problemi. Il primo è una generale mancanza di direzione della trama che non si capisce mai davvero dove voglia andare a parare, il secondo è l'estrema scollatura (forse voluta?) dei due piani narrativi. Il terzo riguarda la vena citazionistica tarantiniana che ormai comincia un po' a perdere di mordente.

“Once upon a time in Hollywood” ha poi un altro difetto: quello di essere cocciutamente (ma forse anche inconsapevolmente) fuori dal tempo e soprattutto ignorante del presente socio-culturale.

Pochissimi personaggi femminili, spesso e volentieri trattati male, qualche gag razzista di troppo (un Bruce Lee trasformato in macchietta per far sghignazzare la platea) e un'ossessione ben poco nascosta per i piedi femminili nudi di cui il film è costellato.

Tarantino più di una volta calca la mano e l'impressione e che più di un omaggio si tratti di un feticcio un po' vuoto e vanaglorioso, di una persona che mette sullo schermo solo quello che piace a lui senza troppo curarsi dello spettatore. E, sia chiaro, è una cosa che ha sempre fatto. Ma se una volta il risultato era (se non altro) culturalmente dirompente, oggi risulta sterile, ridondante e un filo reazionario.

Ma quindi è un film brutto? Per carità si tratta sempre e comunque di una gran prova di regia con una fotografia impeccabile e un cast pazzesco diretto benissimo.

Di Caprio & Pitt sono in grande spolvero e anche Margot Robbie sembra genuinamente a suo agio (anche in una parte stretta stretta come la sua). Moltissimi i cameo e le ospitate di peso che lasciano il segno una sì e una no.

Insomma, da vedere? Anche qui la risposta è puramente soggettiva e agli opposti: sì se vi piace Tarantino, no se non vi piace (perché non vi farà cambiare idea, anzi). Se siete in dubbio... andateci, i lavori di questo spessore comunque sono una rarità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STREAMING
31 min
La “Casa di Carta” è pronta a chiudere con il botto
La quarta parte è disponibile da oggi su Netflix, il Professore e i suoi riusciranno a cavarsela anche questa volta?
ITALIA
8 ore
Effetti della quarantena: Facchinetti diventa vegano
A dare l’annuncio la moglie Wilma Helena Faissol
Gossip
9 ore
Lino Banfi ha un nipote “acquisito”
Lontano dai parenti, il comico ha “adottato” il figlio della collaboratrice 
AUSTRALIA
11 ore
Per Kylie Minogue è ancora difficile parlare del cancro
La diagnosi risale al 2005, la popstar aveva 36 anni
COREA DEL SUD
13 ore
Dice di avere il Covid, ma è un pesce d'aprile. Ora rischia il carcere
Il gesto della star, oltre a creare scalpore tra i suoi fan, ha fatto partire un'indagine
STATI UNITI
15 ore
Addio ad Adam Schlesinger, ha scritto "Stacy's Mom"
Il 52enne è deceduto a causa di complicazioni legate al coronavirus, ha spiegato il suo avvocato
ITALIA
17 ore
Amedeo Minghi in ospedale: «Non c'entra il virus, solo tanti piccoli acciacchi»
Il cantautore 72enne ha salutato i fan con due clip su Facebook molto commosse: «Speriamo di ritrovarci presto»
STATI UNITI
18 ore
Addio a Ellis Marsalis, leggenda del jazz
Il musicista è deceduto all'età di 85 anni, colpa del coronavirus
REGNO UNITO
20 ore
«Volevo dare alla gente un po' di felicità in questo brutto periodo»
La cantante britannica ha fatto uscire il suo secondo lavoro in tempi non facili: «Io mi sto godendo il confinamento».
CANTONE
1 gior
Quando il successo virale da 1 milione di views arriva (e non te lo aspettavi proprio)
È capitato alla cantante ticinese d'adozione Nathalie Ray con la sua hit a sorpresa “Cross My Way Again“ su Facebook
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile