Pixabay / Solenfeyissa
Target
04.05.21 - 11:310

Lead generation su TikTok? Per le aziende, ora è possibile

Anche il giovanissimo social ha lanciato una funzionalità che permette agli inserzionisti di raccogliere contatti

800 milioni di utenti attivi raccolti nel giro di tre anni: un exploit da record, che ha visto il coinvolgimento di una generazione di utenti che spazia principalmente dai 16 ai 24 anni e una crescente popolarità durante la fase pandemica.

L’aumento esponenziale dei suoi iscritti si sarebbe probabilmente verificato lo stesso: le ragioni per cui TikTok è una piattaforma molto engaging non mancano. Propone brevi video a schermo intero, che attirano l’attenzione e stimolano gli utenti a continuare a “scrollare” il proprio feed per vedere tanti altri contenuti divertenti.

Non a caso, TikTok in veste “business” non ha tardato ad arrivare: già da tempo numerose aziende scommettono su questo social network, con inserzioni di diverso formato spesso dedicate al target più reperibile sulla piattaforma: i giovani e giovanissimi, naturalmente.

Insomma, con questa esplosione di popolarità, TikTok è arrivato a rappresentare un’importante risorsa per chi vuole promuoversi online attraverso le ads e si rivolge alla cosiddetta generazione Z, che l’ha portato a essere il 9° social più utilizzato in tutto il mondo, sopravanzando nomi illustri come LinkedIn o Twitter.

Ebbene, TikTok ha da poco annunciato che i brand presenti sulla piattaforma potranno integrare le proprie inserzioni con una funzionalità dedicata alla lead generation: ciò significa che potranno mettere a disposizione degli utenti un modulo di contatto da compilare, per raccogliere dati in maniera trasparente e individuare meglio chi potrebbe diventare loro cliente. Scopriamo di più insieme.

 

Come funzionerà la lead generation su TikTok?

Gli inserzionisti che sceglieranno questa modalità potranno preparare un modulo di contatto personalizzato, sulla base delle informazioni che desiderano richiedere agli utenti. Questi ultimi, quando il modulo si presenterà loro, potranno approfittare delle informazioni già condivise sulla piattaforma per compilarne automaticamente una parte. Attraverso questi instant form manifesteranno il proprio interesse per un prodotto, un evento, un servizio specifico, e scegliere ovviamente di abbandonarli o modificare ciò che hanno inserito, prima di confermare i dati. Terminata la procedura, ci sarà una pagina di ringraziamento, anch’essa personalizzabile, a cui il brand potrà scegliere di inserire un link per permettere all’utente di continuare la navigazione.

Le imprese, d’altro canto, potranno raccogliere tutti i moduli compilati per poi scaricarli direttamente. In alternativa, se disporranno di un sistema CRM, potranno sincronizzare i due strumenti e integrare le informazioni più velocemente. Il tutto avverrà, naturalmente, in ottemperanza alle norme relative alla privacy: al momento dell’invio ogni utente, infatti, sarà informato del fatto che sta condividendo i propri dati con un brand terzo.

 

Perché questo cambiamento è interessante per il futuro della piattaforma e dell’advertising in generale?

Pur essendo un social network piuttosto giovane, TikTok ha dimostrato di sapersi ben difendere dai competitor e, superato l’”hype” iniziale, la sua crescita non accenna a fermarsi, sebbene si sia stabilizzata. Anche gli addetti ai lavori hanno gli occhi ben puntati sulla piattaforma, che esiste ancora da troppo poco tempo per poterne prevedere la futura resilienza.

Ma, dal canto suo, TikTok ha sicuramente saputo muoversi in ottica brand-friendly, per rendersi ancora più appetibile a chi desidera investire sul social advertising. In questo senso, aggiungere i form di contatto sembra una scelta quasi naturale.

Qualsiasi nuovo strumento emerga dal web è potenzialmente rivolto al raggiungimento di numerosi obiettivi: farsi conoscere, raccontare prodotti e/o servizi, raccogliere contatti di nuovi clienti, per l’appunto. TikTok si è distinto per essere un canale particolarmente frequentato dai giovani, molto più di Facebook e Instagram, che hanno degli iscritti anagraficamente più eterogenei: ottenuto un pubblico di qualità - se è questa la fascia demografica che ci interessa - bisogna anche avere a disposizione un metodo efficace di entrare in contatto con loro.

Gli instant form su TikTok potrebbero essere proprio questo: meno impersonali di una semplice inserzione, si rivolgono agli utenti con trasparenza e sono sicuri e semplicissimi da utilizzare.

 

Per una piattaforma web è molto importante andare incontro alle esigenze degli utenti ma anche, evidentemente, degli inserzionisti. Grazie alle entrate che derivano dalle sponsorizzazioni, infatti, i social network hanno un aiuto in più per crescere, conoscere meglio il proprio pubblico, ottimizzare il loro servizio.

TikTok non è ovviamente il primo, né sicuramente sarà l’ultimo: ne sono ben consapevoli gli esperti di marketing digitale, che aiutano i brand a raggiungere i loro obiettivi proprio integrando questi strumenti alla loro strategia.

Noi possiamo fare lo stesso per te: se hai un’attività, puoi lavorare da subito in rete sulla tua presenza online per acquisire più clienti e aumentare le tue vendite. Contattaci per una consulenza gratuita e capiremo insieme come far crescere il tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
4 gior
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
1 sett
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
1 mese
Aumentare le vendite online curando lo ZMOT: che cos’è il Momento Zero della Verità
Le regole di base da seguire per trarre il meglio quando un potenziale cliente si informa su di noi
Target
1 mese
Come curare la propria immagine sul web
Come ci presentiamo, offline e online, fa la differenza: ce lo ha raccontato Michele Di Paolo, consulente d’immagine
Target
1 mese
Parola d’ordine? I termini più persuasivi del copywriting
Scopriamo insieme come e perché alcune espressioni incoraggiano a compiere determinate azioni.
Target
1 mese
Quando la musica fa la differenza: marketing e sound design
I componenti di 8 Hz ci hanno raccontato in che modo il suono sta cambiando le regole del gioco in comunicazione
Target
2 mesi
Conversational Marketing: non solo comunicazione, ma dialogo
Lo scambio di feedback tra cliente e brand è al centro di questo approccio orientato a creare relazioni di valore
Target
2 mesi
Advergame: quando il marketing incontra i videogiochi
Divertenti, mai invasivi e molto coinvolgenti: ecco in cosa consiste questa interessante categoria del gaming
Target
2 mesi
Ristoranti e hotel in Ticino: che cosa è cambiato negli ultimi 18 mesi?
Ne abbiamo parlato con l’esperto Gzim Sinani, che ci ha raccontato il suo punto di vista sull’argomento
Target
2 mesi
Come gestire progetti digitali complessi? La parola agli esperti
Fare il Project Manager è un’avventura sfidante e articolata: ce la raccontano Emanuele De Pasquale e Marziale Brusini
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile