Pixabay
ICT ATED
22.07.20 - 09:300

Le influencer fanno squadra

Nascono i primi sindacati di categoria in USA e UK

Anche nel digitale vale l’antico adagio per cui l’unione fa la forza. Quindi, non può stupire se alcune instagrammer inglesi hanno appena fondato The Creator Union (Tcu).

Si tratta del primo sindacato di “categoria” nato in Europa per supervisionare i contratti formali tra aziende e influencer e l’utilizzo di contenuti corretti, così da evitare pratiche discriminatorie. Il sindacato inglese si affianca all’American Influencer Council (Aic), associazione di categoria no-profit lanciata lo scorso giugno da 12 influencer americane con l’obiettivo di garantire un contesto di lavoro più equo.

Peraltro, parliamo di un mercato, quello dell’influencer marketing, che secondo Vogue Business potrebbe raggiungere un giro d’affari di 15 miliardi di dollari entro il 2022. E la nascita dei sindacati correlati vuole essere un modo per rendere più trasparenti i rapporti con le aziende, laddove esistono modalità di pagamento e termini opachi all’interno dei contratti.

«Spesso anche marchi molto conosciuti non permettono alle influencer di negoziare i compensi, non offrono contratti e non pagano rispettando le tempistiche», ha dichiarato Nicole Ocran, influencer e co-fondatrice di Tcu che da anni ascolta casi di altre influencer. «Vogliamo dare voce alla nostra posizione nei confronti delle piattaforme leader che hanno beneficiato del nostro lavoro. Voglio prendere parte alla regolamentazione degli standard per le future generazioni di influencer», ha spiegato Brittany Xavier, influencer e vicepresidente di Aic.

Entrambe le associazioni si batteranno per far comprendere il proprio valore alle imprenditrici digitali, affinché possano essere retribuite giustamente. In particolare, Tcu fornirà supporto legale attraverso il controllo dei contratti e l’accesso a materiali che aiutino la negoziazione di budget adeguati. Mentre le risorse che mette a disposizione l’associazione americana, Aic, includono criteri, strategie di business e pubblicitarie, con l’obiettivo di dialogare anche con la Federal Trade Commission. Si tratta di rivedere insieme le linee guida, solitamente aggiornate ogni 10 anni, un lasso di tempo decisamente troppo lento per modelli di business in netta crescita come quelli legati al mondo digitale e ai social network. Ad esempio, attualmente le linee guida non prevedono e normano come regolare i contenuti advertising condivisi attraverso una piattaforma come TikTok.

Sindacalizzare la categoria può assicurare anche maggiori garanzie per le aziende. «Le influencer spesso lavorano senza contratti e, quindi, non hanno protezione o tutela sui pagamenti e la proprietà intellettuale. Essere influencer è ormai una professione riconosciuta e ha il diritto di essere trattata come tale nel mercato del lavoro. Avere regolamentazioni standard può solo elevare il settore», ha dichiarato Maddie Raedts, fondatrice dell’agenzia di influencer marketing Ima, partner di marchi quali Tommy Hilfiger e Diesel.

Nel 2021 Aic aprirà il proprio comitato ad altri 15 membri e continuerà gradualmente la propria crescita. A partire da questo autunno Tcu punta a lanciare e ricevere le prime application, iniziando così l’assistenza alle influencer, sia quelle più riconosciute che quelle ‘micro’, per dare supporto legale e contrattuale. Va anche detto che solo lo scorso anno sono nate ben 380 agenzie di marketing legate al settore influencer.

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ATED
2 gior
Rischiare per evolvere: Visionary Day diventa tutto digitale
La manifestazione a tutto hi-tech si adatta ai tempi del Covid, con un ampio ventaglio di talk gratuiti in streaming
ATED ICT TICINO
3 gior
Come sta evolvendo la tecnologia blockchain
La blockchain regolamentata soppianterà la blockchain pubblica, quella privata e la ibrida?
STATI UNITI
5 gior
Facebook è pronta per gli occhiali smart
Il colosso dei social ha stretto un accordo con EssilorLuxottica per sviluppare insieme i prossimi occhiali intelligenti
LUGANO
1 sett
Coderdojo Lugano ai nastri di partenza
Riparte il programma di ated4kids per giovani dai 6 ai 15 anni per usare e capire la tecnologia
LUGANO
1 sett
Tradizione VS Globalizzazione
A discutere del tema i giovani di ForeverYoung, moderati da Don Emanuele di Marco e Valentina Testoni
ATED
1 sett
Swisscom è a Visionary Day 2020
Per parlare di contaminazione positiva, ma anche della nuova normalità digitale
LUGANO
2 sett
L’Hackathon Fu-turismo è online
Il 3 e 4 di ottobre, nell’ambito di Visionary Day, c’è una maratona collaborativa e gratuita online
ATED
2 sett
Nuovi modelli di business in tempi di crisi
Come utilizzare la tecnologia e il digitale per far fronte agli strascichi economici del Covid-19? Ve lo spiega un talk
ATED
2 sett
Con Alexa si pagherà il pieno di benzina
Funziona solo in America, ma diventa realtà un servizio presentato all’ultimo CES di Las Vegas
LUGANO
2 sett
AIL è sponsor di Visionary Day
La sostenibilità passa attraverso la tecnologia e la trasformazione digitale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile