Immobili
Veicoli
Foto Lettore tio.ch
Italia
20.08.21 - 19:000

Sono francesi gli organizzatori del party abusivo a Viterbo

È uno dei tanti organizzati da un gruppo transalpino. Motivo: per la Cassazione non sono perseguibili

ROMA - Lo Space Travel rave di Viterbo non è un caso isolato. Sembrerebbe che gli organizzatori arrivino direttamente dalla Francia e che prima di questo avessero messo insieme i rave, sempre clandestini, di Brescia e Pisa. Uno scalino legale sarebbe all’origine della scelta di organizzare dei party illegali in Italia.

Secondo le indagini i festaioli che si trovavano a Viterbo fino a due giorni fa, sono gli stessi che lo scorso 19 giugno erano stati fermati a Nizza. E che dato il flop si erano spostati prima a Brescia, dove il rave era stato inconcludente, e poi a Pisa, dove a inizio luglio le feste abusive regnavano. Per infine arrivare nel Lazio, ultima festa che fa da sfondo alla morte di un 25enne inglese.

Come riporta Repubblica sembra che nella retroguardia dei rave ci sia un’organizzazione internazionale a guida francese e che questa si muova secondo un piano ben preciso. La fase uno sta nell’individuare un terreno, poi bisogna capire cosa c’è intorno e se è facilmente raggiungibile e infine si comunica l’evento con un mese di anticipo via Telegram.

Nel corso dell’ultimo rave a Viterbo la polizia ha identificato gli organizzatori, ma tutti loro affermano di essere solo dei portavoce. E questo basta per non avere guai con la legge.

Ma le forze dell’ordine, in quest’ultimo caso, non hanno avuto a che fare solo con gruppi francesi, anche se rappresentavano la maggioranza. Presenti anche gruppi italiani del Centro e del Nord. Motivo per il quale i volantini “Game over” che giravano per annunciare la fine anticipata della festa - pare per l'insistenza proprio della polizia - fossero sia in italiano che in francese.

Ciò che ha portato il gruppo a organizzare finora tre rave party in Italia potrebbe essere la decisione della Cassazione in cui i party abusivi non sono perseguibili. E in Francia la musica è tutta un’altra.

Sono diversi i casi di arresto e di repressione violenta da parte delle forze dell’ordine nei confronti dei ragazzi che partecipano alle feste abusive. Lo scorso giugno un ragazzo in Bretagna ha infatti perso la mano a causa di un petardo lanciato, a detta dei partecipanti, proprio dagli agenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
In arrivo una tempesta di neve sulla costa orientale degli Stati Uniti
Soltanto a New York sono previsti fra i 20 e i 30 centimetri di neve. In allerta 75 milioni di persone
PARAGUAY
2 ore
In "paradiso" per sfuggire al 5G, partiti anche alcuni Svizzeri
Un insediamento di negazionisti del Covid preoccupa le autorità sanitarie del Paraguay, alle prese con una forte ondata
ITALIA
13 ore
Quirinale: ancora una fumata nera nella quinta giornata di votazione
Sergio Mattarella ha ricevuto 336 voti. Domani molto probabilmente sarà la giornata decisiva
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
ITALIA
1 gior
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
1 gior
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
1 gior
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
1 gior
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
1 gior
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
1 gior
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile