Keystone
ITALIA
19.08.18 - 21:480

Esperti sul luogo del crollo: «Diverse concause»

È cominciato con il prelievo dei materiali, l'esame dei luoghi e la ricognizione fotografica il lavoro dei consulenti tecnici nominati dalla procura di Genova per far luce sulle cause del disastro

GENOVA - È cominciato con il prelievo dei materiali, l'esame dei luoghi e la ricognizione fotografica in contraddittorio con gli esperti inviati dalla società Autostrade il lavoro dei consulenti tecnici nominati dalla procura di Genova che indaga sul crollo del ponte Morandi.

Un lavoro tecnico capillare che dovrà portare i consulenti a capire come sia potuto crollare il viadotto che ha ucciso 43 persone e causato seicento sfollati.

Dei consulenti della procura il solo professor Renato Buratti ha preso parte al sopralluogo mentre l'ingegner Pier Giorgio Malerba ha poi partecipato alla riunione conclusiva in teleconferenza. Secondo quanto appreso, sono stati prelevati significativi campioni sia di calcestruzzo che delle strutture in acciaio che verranno sottoposti a complesse analisi di laboratorio.

Sarebbero state ritrovate tracce di interventi sul ponte che rimandano, secondo quanto affermato dagli esperti, «a materiali non coevi». Le ricognizioni, i prelievi e la riunione sono stati tutti documentati dalla polizia giudiziaria che ha accompagnato consulenti, periti e membri della Commissione ispettiva del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) sul cantiere.

A prima vista l'ipotesi più accreditata è che siano state una serie di concause a provocare il crollo: «Il ponte prima si è storto, poi è caduto» ha detto detto Roberto Ferrazza, presidente della commissione ispettiva del Mit al termine del sopralluogo. Il cedimento dello strallo «resta 'una' ipotesi del cedimento», ha detto ancora Ferrazza.

Lo strallo è una bretella «che tiene la trave, l'impalcato su cui circolano gli automezzi: la sua rottura può essere stata determinata sia da un comportamento anomalo della trave o dal cedimento delle mensole che tengono gli impalcati. Una eventuale rottura della mensola può aver fatto girare l'impalcato e sovraccaricato lo strallo».

La procura, intanto, ha autorizzato le verifiche per la messa in sicurezza dei monconi di Ponte Morandi proposte da Anas, dopo aver avuto il parere favorevole dei consulenti. Le verifiche verranno effettuate dai tecnici di Autostrade con i consulenti della procura.

I magistrati che si occupano delle indagini, invece, stanno vagliando il materiale documentale sequestrato già agli atti a partire dalla relazione del Politecnico di Milano che segnalava, già nell'ottobre 2017, alcune "significative anomalie" agli stralli dei piloni 9 e 10. In base a quella relazione, la società Autostrade aveva deciso per un intervento di rinforzo di uno degli stralli del pilone 9 che sarebbe dovuto essere cantierato dopo l'estate 2018 e che aveva già avuto l'ok del ministero.

D'altra parte la stessa società autostradale nel 2011 aveva sottolineato «l'intenso degrado» del ponte per le «forti sollecitazioni dovute al traffico». Sollecitazioni che, secondo gli esperti, si sono sommate con l'inquinamento che avrebbe aggredito i materiali e provocato il loro invecchiamento. Con il contratto di servizio e le relazioni sugli interventi manutentivi, la relazione del Politecnico è un punto di partenza fondamentale delle indagini della procura genovese.

Ma un'altra indagine corre parallela a quella sul crollo: la polizia postale sta conducendo accertamenti per riscontrare e monitorare quanto accaduto il 14 agosto, subito dopo il crollo del ponte: per alcune ore ci sarebbe stato un traffico di tweet, probabilmente anomalo, generato dal Messico, ma anche da Mali e Oman. Il dubbio è che possa essersi trattato di "troll" utilizzati per mettere in circolazione fake news o per orientare opinioni online.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SUD AFRICA
9 ore
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
STATI UNITI
11 ore
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
POLONIA
15 ore
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
19 ore
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
AUSTRALIA
20 ore
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
STATI UNITI
23 ore
I resti umani sono quelli di Brian Laundrie
Il corpo trovato ieri in una riserva naturale della Florida è quello dell'ex-fidanzato, e assassino, di Gabby Petito
STATI UNITI
1 gior
Un morto e un ferito sul set, a sparare è stato Alec Baldwin
Il dramma sarebbe legato a una pistola usata sul set che avrebbe dovuto essere caricata a salve
Corea del Sud
1 gior
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
UNIONE EUROPEA
1 gior
Senza vaccino e Green pass il Covid dilaga
L'incubo della pandemia è tornato soprattutto nelle nazioni a bassa percentuale di vaccinati e con poche restrizioni.
Germania
1 gior
Volevano formare un gruppo di mercenari, arrestati due soldati tedeschi
Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile