Rescue Media
Diversi i bancomat presi di mira nelle scorse settimane.
CANTONE
12.05.19 - 11:120
Aggiornamento : 14:37

«Valichi secondari da presidiare o chiudere»

I deputati PPD del Mendrisiotto chiedono una migliore protezione dei confini e maggiore sicurezza

BELLINZONA - I deputati PPD del Mendrisiotto hanno inviato una mozione al Consiglio di Stato chiedendo un intervento - in collaborazione con le autorità federali - al fine di far presidiare o, in alternativa, chiudere durante gli orari notturni i valichi secondari, per proteggere adeguatamente i confini. Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani chiedono maggiore sicurezza, in particolare nel Mendrisiotto.

I rappresentanti PPD sono tornati sull’argomento in seguito al nuovo caso di rapina a un bancomat, quello avvenuto nella giornata di ieri a Stabio è il quinto in poche settimane. «Il Mendrisiotto - si può leggere nel testo della mozione - è stufo di veder scorrazzare bande criminali che, approfittando dell’apertura incontrollata delle dogane, arrivano sul proprio territorio, lo depredano - pensiamo anche ai furti nelle abitazioni e alle rapine nelle stazioni di servizio - e poi tornano indisturbate da dove sono venute».

Il tema del presidio dei valichi doganali da diverso tempo coinvolge la politica comunale, cantonale e federale. In particolare i Comuni del Mendrisiotto avevano richiesto formalmente che anche i valichi minori tornassero ad essere presidiati durante gli orari di apertura. Dopo un breve periodo di prova in cui alcuni valichi secondari sono stati chiusi a titolo sperimentale durante le ore notturne, oggi la loro situazione è di nuovo di totale apertura e senza presidio. «È dimostrato - viene spiegato - come la chiusura notturna di valichi secondari sia possibile. A comprova di ciò, lo Stato italiano ha recentemente deciso di chiudere i cancelli del valico di Maslianico già a partire dalle 20».

«Siamo convinti - concludono i deputati PPD del Mendrisiotto - che tutti coloro che operano per la sicurezza dei cittadini facciano un ottimo lavoro (Polizia e Guardie di Confine), ma non riusciamo davvero a comprendere come si possa credere che lasciando sguarniti molti dei nostri valichi la sicurezza possa essere maggiore. Analogo discorso vale per le molte falle esistenti nella rete di confine che permettono con troppa facilità a malviventi di spostarsi da un lato all’altro del confine».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 anno fa su tio
Il presidio e la chiusura dei valichi impedirebbe almeno il passaggio incontrollato con i veicoli. Sarebbe necessario abbandonare il veicolo (di solito rubato) prima della dogana, scaricare la refurtiva e attraversare a piedi il "confine verde". Molto più lento e complicato. Sarebbe già un miglioramento.
vulpus 1 anno fa su tio
Il presidio alle frontiere, porterebbe forse qualche miglioramento. Ma poi vista la situazione dovrebbero essere queste banche che alla sera e nei fine settimana svuotano i bancomat. Chiaro che non è una soluzione quella di doversi piegare alla malavita, ma come misura immediata potrebbe essere facilmente implementata. Poi è chiaro che anche una video sorveglianza della zona potrebbe essere una miszua preventiva. Non come ora che questi sistemi sembrano concepiti da dilettanti. In zone a rischio va sorvegliata la strada di accesso , i posteggi in zona. La tecnica che adottano è quasi sempre la stessa. Colpo e poi fuga veloce con un veicolo appena rubato e parcheggiato in zona. E poi infine con tutta la polizia e organizzazione messa in piedi ( costosa ma la cui efficacia da dimostrare) 24 ore al giorno, ci si potrebbe aspettare un qualche radar in meno e qualche pattugliamento supplementare in zone a rischio
Evry 1 anno fa su tio
Dimostrazione chiara che il Governo di Berna è indifferente alla situazione che viviamo in Ticino..... e i nostri parlamentari al posto di agire compatti litigano tra di loro, belle deputazione ticinese.....
Trin 1 anno fa su tio
Forse una soluzione abbastanze veloce e efficace ci sarebbe: domenica votare no alla modifica alle disposizioni sulle armi, tempo 90 giorni usciamo da Schengen e reintroduciamo i controlli alla frontiera.
roma 1 anno fa su tio
...è un po' tardi ma, meglio tardi che mai.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Guardate che qua nessuno sta chiedendo di isolare la CH con muraglie e campi minati. Semplicemente c'è il sospetto che i recenti furti siano stati un ''tocca e fuga'' dall'Italia. Magari un ladro prima di passare la dogana e rubare ci penserebbe due volte con delle guardie di confine armate a guardarli male. Tenere i valici aperti di notte senza alcun presidio è inutile, si possono benissimo sbarrare per riaprirli il giorno dopo.¶ Qua non si sta parlando di isolare la Svizzera, ma di avere fiducia negli altri. Io non ne ho, ed esattamente come non lascio la porta di casa spalancata non voglio lasciare gli accessi del paese sguarniti perché ''in fondo ci sono anche criminali svizzeri''. Che si chiuda la porta e se necessario la si chiavi.
Maxy70 1 anno fa su tio
Arrivano anche i deputati PPD a chiedere un maggior controllo delle frontiere e quindi una maggiore sicurezza! Benvenuti e felicissimo di sentirvi. Almeno non sono sempre solo i cattivi e razzisti Lega - UDC, a richiedere tali inumani provvedimenti. Parlatene pf in casa, in quanto mi pare che, a livello nazionale, il PPD sia un tantino più favorevole ad aprire le frontiere, piuttosto che a sorvegliarle. Se poi, quando i ladri vengono acciuffati, venissero inasprite anche le pene, magari vi sarebbe un minimo di effetto dissuasivo. Un messaggio da fare passare, anche da parte vostra (non solo da parte dei "cattivi"), grazie!
KilBill65 1 anno fa su tio
C'e' qualche cosa che non mi torna!!....Capisco, non e' facile prenderli ma possibile che con le ronde non riescono a fare di piu'? Eppure dopo la 5 volta si sa la zona dove colpiscono!!.....Certo aiuturerebbe di piu' i vallichi chiusi o perlomeno controllati dalle Guardie di Confine.....Ma con la nostra politica c'e poco da fare....Dobbiamo purtroppo subire!!....
Kailasch 1 anno fa su tio
Loro fanno saltare i bancomat ? E noi facciamo saltare loro poi vediamo se ritornano
Norvegianviking 1 anno fa su tio
@Kailasch A parole si va sulla Luna domattina
OCP 1 anno fa su tio
Tranquilli... c'è Schenghen per la nostra sicurezza.
Kailasch 1 anno fa su tio
Sentendo un botto così necessita prender la doppietta e rispondere al fuoco vedrete che non tornano piú
Norvegianviking 1 anno fa su tio
Giusto o sbagliato, isolarsi può essere una soluzione. Poi però non lamentiamoci sempre e non si faccia i piangina quando ci mettono i dazi, quando all'estero non siamo agevolati per studiare o lavorare, insomma quando a nostra volta dobbiamo "subire" le decisioni altrui.
moma 1 anno fa su tio
Tho, ora si svegliano tutti e tutti a chiedere il controllo dei valichi. Piano piano i nodi.
dan007 1 anno fa su tio
Pagare tasse e affitti carissimi pretendiamo di vivere nella sicura Svizzera altrimenti tanto vale abitare al confine quindi no alla chiusura delle dogane si alla presenza di doganieri per assicurare i controlli sistematici come negli anni 80/90
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Persi 10'000 posti di lavoro in Ticino? Forse un errore
Nella pubblicazione dello scorso 26 febbraio ci sarebbe stato «un errore di elaborazione dei dati»
CANTONE
3 ore
Coronavirus in Ticino: 52 nuovi casi
I nuovi ricoveri sono 8, mentre i pazienti dimessi sono 7
LUGANO
4 ore
A Lugano, sognando di essere alle Hawaii
L'idea del movimento Ticino&Lavoro: poter surfare in città o direttamente sul lago.
CANTONE
16 ore
Notte brava alle scuole medie, l'influencer racconta la sua verità
Davide Lacerenza ha pubblicato su Instagram la sua versione dei fatti.
SVIZZERA
16 ore
La scienza vi chiede di sotterrare le mutande in giardino
L'esperimento di "citizen science" promosso da Agroscope mira a misurare la fertilità dei suoli svizzeri
LUGANO
18 ore
Gestione dell'aeroporto di Lugano, Northern Lights ricorre
La società lamenta la violazione delle regole concernenti gli appalti pubblici.
LOCARNO
19 ore
Fermati in sette per la "notte brava" alle scuole
La Polizia ha denunciato tutti i partecipanti alla festa alle medie di Locarno. Svariati i capi d'imputazione
CANTONE
20 ore
Luganese "sorvegliato speciale" della settimana
Sono ben 20 le località del Luganese che la prossima settimana potrebbero essere oggetto di controlli mobili.
CANTONE
20 ore
«Alcool e stupefacenti in quelle immagini». Scatta l'interpellanza
La deputata Michela Ris chiede al Governo lumi riguardo i fatti alle medie di Locarno.
LOCARNO
20 ore
Ecco chi è il docente che ha spalancato le porte al festino abusivo
L'insegnante, amante del carnevale e delle feste, è stato sospeso. Con lui c'era anche una giovane donna della regione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile