Rescue Media
+12
STABIO
11.05.19 - 18:410
Aggiornamento : 12.05.19 - 09:20

«L’edificio della Raiffeisen era completamente avvolto dal fumo»

Rapinato un bancomat. Il racconto di una delle prime persone giunte sul posto

STABIO - «Sono stato svegliato da un grande botto, mi sono affacciato dalla finestra e ho visto l’edificio che ospita la Banca Raiffeisen completamente avvolto dal fumo, sembrava un fungo atomico». Con queste parole un abitante di Stabio che vive a 80 metri da dove questa notte è stato fatto esplodere un bancomat racconta la disavventura del quartiere.

«Pensavo a un incidente o a una fuga di gas, sentivo delle voci in lontananza e sono corso in strada». Una volta davanti al civico 4 di Via Ligornetto è altro quello che si è trovato davanti e di persone nemmeno l'ombra. «La parete era completamente sfondata, pezzi di lamiera erano anche a 50 metri di distanza, un cavo usciva per diversi metri... Un disastro».

I malviventi erano già fuggiti, e a poco a poco sono sopraggiunti i vicini. «Ho visto il soffitto in cattive condizioni, così ci siamo assicurati che non ci fosse nessuno in pericolo. Un signore si è presentato con una spada in mano, mi ha spiegato che ha sentito parlare in una lingua straniera, il figlio è corso dietro ai ladri con la macchina, ma nulla».

I fuggitivi, bottino alla mano, hanno fatto perdere le loro tracce. La polizia ha organizzato un vasto dispositivo di ricerca in collaborazione con le Polizie comunali, le Guardie di confine e la autorità italiane. «Ho vissuto anche altrove e ho subito diversi furti, speravo che qui andasse meglio... ma questi eventi sono sempre più sistematici e organizzati, capisco che è difficile per le forze dell'ordine».

Si tratta infatti del quarto colpo con metodologie simili dopo Arzo, Coldrerio e Novaggio. Gli specialisti, giunti anche da Zurigo, hanno analizzato l'area per trovare il maggior numero di informazioni utili.

Rescue Media
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 min
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle misure a protezione della salute dei lavoratori
CANTONE
14 min
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
2 ore
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
3 ore
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
BERNA
5 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
7 ore
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
8 ore
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
9 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
18 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
20 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile