Depositphotos
GORDOLA
09.01.19 - 08:230
Aggiornamento : 10:55

Zanzara tigre: «Il Cantone se ne occupi seriamente»

Insoddisfatto dalle risposte del Governo, Bruno Storni ha presentato una mozione proponendo l'adozione di misure urgenti per la lotta alla diffusione dell'insetto

GORDOLA - La problematica diffusione della zanzara tigre in Ticino continua a far discutere. Insoddisfatto della risposta alla sua interrogazione da parte del Consiglio di Stato - che ha confermato come la situazione (in particolare per quanto concerne il Luganese, il Locarnese e il Bellinzonese) si sia acutizzata, ammettendo quindi che le misure adottate fino ad ora non abbiano portato i risultati sperati -, Bruno Storni ha presentato una mozione che chiede al Cantone di «occuparsi seriamente» della lotta alla diffusione dell’insetto.

Due sono in particolare le richieste del deputato socialista. In primis, l’adozione di misure urgenti che permettano all’autorità cantonale di controllare attivamente «l’attuazione delle misure richieste ai Comuni da subito a titolo transitorio eccezionale» in attesa della necessaria «ridefinizione del quadro legale», che costituisce invece il secondo punto.

Nel dettaglio, viene proposto di elaborare delle basi legali da adottare «affinché le competenze della lotta e della vigilanza contro insetti che favoriscono la trasmissione di malattie infettive o che arrecano disagio alla popolazione, zanzara tigre e simili, siano del Cantone», aggiornando il Regolamento sull’igiene del suolo pubblico.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
il saggiatore 1 anno fa su tio
Penso che ormai si debba convivere con la zanzara tigre; del resto, la zanzara tigre è diventata una specie è invasiva, il che, in concreto, significa che essa è impossibile da debellare. Piuttosto che porsi obiettivi irrealistici, a mio avviso, i Comuni o il Cantone - è irrilevante chi - dovrebbero piuttosto fornire gratuitamente a tutti i fuochi prodotti per uccidere le uova e le larve dell'insetto: in questo modo tutti, senza grandi sforzi potrebbero contribuire a ridurre sensibilmente la presenza di questo fastidioso insetto.
Nmemo 1 anno fa su tio
Giusto insistere. È un problema di salute pubblica e sia la prevenzione (tardi ormai), sia efficaci misure vanno adottate dallo Stato. Anche a livello legislativo qualche correttivo s’impone, obbligando i privati ad agire nelle loro proprietà secondo le direttive che saranno ritenute opportune.
battilocchio 1 anno fa su tio
.............si puo provare a chiudere le frontiere....................
Bacche80 1 anno fa su tio
Le zanzare tigre proliferano nelle città e non tanto nelle zone naturali. Si spostano solo di pochi metri. Andrebbero quindi fatti interventi puntuali dappertutto. Parlando però con altre persone, c’è ancora molta confusione e mancanza di informazione. Per capire quanto sia una battaglia difficile, per le zanzare è sufficiente un millimetro d’acqua per deporre le uova. Quanti ristagni d’acqua ci possono essere attorno a una casa o in un giardino?
tip75 1 anno fa su tio
fanno qualcosa seriamente i nostri politici aparte seriamente perdere tempo sui social attaccandosi gli uni agli altri? chiudeteli in una stanza con 100 zanzare per tre giorni, magari capiscono che esiste un problema...(senza cellulare ovviamente)
dan007 1 anno fa su tio
Si bisogna prendere esempio da mussolini quando bonifico la Sardegna
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
3 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
CANTONE
5 ore
Ascensione impegnativa per la Rega
Gli equipaggi della Guardia aerea sono decollati 150 volte in Svizzera, di cui sedici in Ticino
CANTONE
7 ore
Un nuovo caso e un decesso nelle ultime 24 ore
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi al Covid-19 registrati nel nostro Cantone sono 3'306. 348 i morti.
CANTONE
8 ore
La collaborazione tra ospedali pubblico-privato è stata esemplare
Ma poi la critica: "La Svizzera ha reagito in modo eccessivo alla pandemia"
CANTONE
9 ore
I ticinesi in bici per fuggire al Covid
Negozi di biciclette presi d'assalto. ProVelo: «Mai visti tanti ciclisti, sta succedendo qualcosa»
CANTONE
10 ore
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
LUGANO
19 ore
«Siamo rimasti all'estero per proteggere i nostri cari»
Il più grande rimpatrio della storia ha riportato in Svizzera quasi 7.000 persone a bordo di 33 voli.
CANTONE
21 ore
«Una legge sbagliata spalancherà la via all’assistenza»
Gli effetti del coronavirus su un mercato già malato nella lettura di Bruno Cereghetti
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Le sponde della Maggia attirano numerosi bagnanti
Complice la giornata semi-estiva, le distanze sociali non sempre sono state rispettate.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile