Depositphotos
GORDOLA
09.01.19 - 08:230
Aggiornamento : 10:55

Zanzara tigre: «Il Cantone se ne occupi seriamente»

Insoddisfatto dalle risposte del Governo, Bruno Storni ha presentato una mozione proponendo l'adozione di misure urgenti per la lotta alla diffusione dell'insetto

GORDOLA - La problematica diffusione della zanzara tigre in Ticino continua a far discutere. Insoddisfatto della risposta alla sua interrogazione da parte del Consiglio di Stato - che ha confermato come la situazione (in particolare per quanto concerne il Luganese, il Locarnese e il Bellinzonese) si sia acutizzata, ammettendo quindi che le misure adottate fino ad ora non abbiano portato i risultati sperati -, Bruno Storni ha presentato una mozione che chiede al Cantone di «occuparsi seriamente» della lotta alla diffusione dell’insetto.

Due sono in particolare le richieste del deputato socialista. In primis, l’adozione di misure urgenti che permettano all’autorità cantonale di controllare attivamente «l’attuazione delle misure richieste ai Comuni da subito a titolo transitorio eccezionale» in attesa della necessaria «ridefinizione del quadro legale», che costituisce invece il secondo punto.

Nel dettaglio, viene proposto di elaborare delle basi legali da adottare «affinché le competenze della lotta e della vigilanza contro insetti che favoriscono la trasmissione di malattie infettive o che arrecano disagio alla popolazione, zanzara tigre e simili, siano del Cantone», aggiornando il Regolamento sull’igiene del suolo pubblico.

Commenti
 
il saggiatore 10 mesi fa su tio
Penso che ormai si debba convivere con la zanzara tigre; del resto, la zanzara tigre è diventata una specie è invasiva, il che, in concreto, significa che essa è impossibile da debellare. Piuttosto che porsi obiettivi irrealistici, a mio avviso, i Comuni o il Cantone - è irrilevante chi - dovrebbero piuttosto fornire gratuitamente a tutti i fuochi prodotti per uccidere le uova e le larve dell'insetto: in questo modo tutti, senza grandi sforzi potrebbero contribuire a ridurre sensibilmente la presenza di questo fastidioso insetto.
Nmemo 10 mesi fa su tio
Giusto insistere. È un problema di salute pubblica e sia la prevenzione (tardi ormai), sia efficaci misure vanno adottate dallo Stato. Anche a livello legislativo qualche correttivo s’impone, obbligando i privati ad agire nelle loro proprietà secondo le direttive che saranno ritenute opportune.
battilocchio 10 mesi fa su tio
.............si puo provare a chiudere le frontiere....................
Bacche80 10 mesi fa su tio
Le zanzare tigre proliferano nelle città e non tanto nelle zone naturali. Si spostano solo di pochi metri. Andrebbero quindi fatti interventi puntuali dappertutto. Parlando però con altre persone, c’è ancora molta confusione e mancanza di informazione. Per capire quanto sia una battaglia difficile, per le zanzare è sufficiente un millimetro d’acqua per deporre le uova. Quanti ristagni d’acqua ci possono essere attorno a una casa o in un giardino?
tip75 10 mesi fa su tio
fanno qualcosa seriamente i nostri politici aparte seriamente perdere tempo sui social attaccandosi gli uni agli altri? chiudeteli in una stanza con 100 zanzare per tre giorni, magari capiscono che esiste un problema...(senza cellulare ovviamente)
dan007 10 mesi fa su tio
Si bisogna prendere esempio da mussolini quando bonifico la Sardegna
TOP NEWS Ticino
CANTONE
30 min
In Ticino non ci sono più cabine (funzionanti)
Le ultime sono state disattivate negli ultimi mesi da Swisscom, che sta procedendo a rimuovere le postazioni rimaste
CANTONE
1 ora
Appartamenti sfitti? «Sfruttateli come Airbnb»
L’esperienza di Milo Chiocca, a caccia di proprietari disposti a lanciarsi sulla piattaforma per locazioni a breve termine
LAVENA PONTE TRESA
12 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
14 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
15 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
15 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
16 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
17 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
18 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
19 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile