Tipress
CANTONE
04.10.18 - 15:340
Aggiornamento : 16:10

Rimborsi, il decreto resta nel cassetto

Il Gran Consiglio ha deciso oggi a larga maggioranza di non impugnare la decisione emanata dal Procuratore generale

BELLINZONA - Il decreto di non luogo a procedere nei confronti di quattro consiglieri di Stato (Norman Gobbi, Claudio Zali, Christian Vitta e Paolo Beltraminelli), emanato dal Procuratore generale Andrea Pagani lo scorso 25 settembre, in merito al rimborso forfettario delle spese telefoniche non sarà impugnato. Lo ha deciso oggi a larga maggioranza il Gran Consiglio con 53 voti contro 13 (una scheda bianca e una nulla).

Riunito in seduta straordinaria, il Parlamento ticinese ha così deciso di seguire l’invito dell’Ufficio presidenziale, che martedì scorso aveva preso posizione condividendo le conclusioni del PG circa l’assenza di dolo (anche eventuale) da parte dei quattro componenti del Governo. Un esito dato pressoché per scontato alla vigilia e confermato, ancor prima dello scrutinio, dalla volontà esplicitata durante il dibattito libero da parte dei diversi capigruppo.

«Non litighiamo tra poteri» - «La via penale proprio non ci azzecca», ha dichiarato Alex Farinelli nel sottolineare il sostegno del gruppo liberale radicale alle conclusioni dell’Ufficio presidenziale mentre Maurizio Agustoni ha invitato i colleghi ad un rapporto più sereno tra le istituzioni. «Non litighiamo tra poteri dello Stato. È un sintomo di declino e decadenza di una civiltà. Anche perché non mancano i veri problemi da affrontare per questo Cantone».

Una posizione, quella espressa dal capogruppo PPD, condivisa anche dal collega socialista Ivo Durisch, che ha criticato il «muro contro muro» tra Gran Consiglio e Ufficio presidenziale, sposando la tesi di quest’ultimo. A favore della non impugnazione anche la maggioranza dei Verdi e il gruppo La Destra, che per voce di Sergio Morisoli ha dichiarato di non avere dubbi e di credere alla «buona fede», criticando l’utilizzo della «giustizia per regolare i conti».

Archiviata la questione in ottica penale, l’ultimo capitolo della “saga” dovrebbe compiersi ad inizio novembre, quando la Sottocommissione di vigilanza - come confermato oggi dai deputati Durisch e Bacchetta-Cattori - presenterà le proprie conclusioni.

11 mesi fa Rimborsi, l'Ufficio presidenziale invita a non ricorrere
12 mesi fa «La denuncia di Pronzini basata su fatti successivi»
12 mesi fa Il caso Pronzini si sgonfia
12 mesi fa Non luogo a procedere: «MPS 3 - Consiglio di Stato 0»
Commenti
 
Alessandro Milani 11 mesi fa su fb
Maledetti....pufatt
siska 11 mesi fa su tio
Ohh ma allora quanti soldini si poteva evitare di buttare nel cesso, vedere Argo 1 e tanti altri che sono stati spolverati meccanicamente e la polvere gettata nell'etere. E ce ne sono di casi ma ci sono ancora persone che che vogliono attaccarsi a tutti i costi con le unghie all'ormai famoso Pronzini.
pulp 11 mesi fa su tio
@siska Argo1 .... in realtà stai facendo un po' di confusione. Nel caso specifico ci sono stati degli errori procedurali e per quanto mi riguarda il CDS incaricato avrebbe dovuto farsi da parte - però non è stato "uno spreco di soldi"... quella ditta, il suo lavoro lo ha fatto. Potremmo al limite valutare se con il bando pubblico ci sarebbe stato qualcuno più conveniente, ma da li a parlare di milioni di differenza ce ne corre. E con questo, continuo a credere che vi sia poca conoscenza delle tematiche.
siska 11 mesi fa su tio
@pulp Caro pulp, tutti gli articoli scritti dai media e da quando é partito il caso Argo 1, parlavano di fr. 3'000'000.- e passa.....quindi per me spesi malamente e non credo che il Cds sia esente da errori anche gravi. Questi franchetti erano soldi pubblici quindi sprecare così tanto denaro mi sembra strano che si voglia solo valutare il bando pubblico con tutto quanto ne é derivato. Forse come dici tu ho poca conoscenza sulla tematica del caso ma qualcosa che é andato storto anzi stortissimo c'é stato e dove si pone la verità e la menzogna?
pulp 11 mesi fa su tio
@siska il caso ha presentato lacune... ma i 3 milioni erano spesi... poi magari una ditta avrebbe fatturato 2.9 mio. ma non è l'ammontare in gioco...bensì la procedura.. informati e capirai. Il tuo idolo (pronzini) ha deliberatamente speso 20 o 30 mila franchi per la convocazione di un granconsiglio extra.. ti piace? a me no... perchè è uno spreco alla pari di altri.
siska 11 mesi fa su tio
@pulp Oh no Pulp.....non é il mio idolo!:)).. anche se il più delle volte lo incito virtualmente a "rompere" le uova del paniere politico, poi non é il mio tipo.. ah ah ah ! A questo punto non posso dire altro che hai ragione sullo spreco di soldi di Pronzini anche perché se un deputato per xxx sue ragioni convoca straordinariamente un granconsiglio extra o dovrebbe metterceli di tasca sua ma mi sa che Pronzini ai suoi zen zen ci tiene molto molto molto........
F/A-18 11 mesi fa su tio
Non c'erano dubbi sull'onesta dei nostri politici, questa ne è la dimostrazione, diciamo che cane non mangia cane. Un po' come i vitalizi in Italia, figuriamoci se se li sospendono, tutti compatti a mantenerli, prendono il vitalizio vitanaturaldurante anche con un giorno di servizio ma nessuno ci vede niente di male. Nessuno dei politici.
matteo2006 11 mesi fa su tio
Quanto costa ai cittadini il teatrino della politica? questo non lo si dice? ci sarebbe lavoro per un paio d'anni di indagini.
Damien Mattei 11 mesi fa su fb
Questa gente non si rende conto che quei soldi sono la nostra fatica.
VISIO 11 mesi fa su tio
Tutti si sono "ben serviti" anche il compgno di Pronzini ! Vergogna
seo56 11 mesi fa su tio
Hahaha!! Avevate qualche dubbio? Solo Pronzini si era illuso... grazie Matteo per averci fatto buttare nel cesso decine di migliaia di franchi per la seduta straordinaria del GC..... è proprio vero quel detto: “oltre al danno anche la beffa”!!
pulp 11 mesi fa su tio
@seo56 Già... questi si sono soldi sprecati che si poteva benissimo evitare di sprecare.
vulpus 11 mesi fa su tio
@seo56 Lo spreco è avvenuto per volontà dell'ufficio presidenziale e non di Pronzini. È l'ufficio presidenziale che ha voluto a tutti i costi la seduta, anche se consapevoli che non c'era nessuna sentenza sulla quale poter ricorrere. E si che sono tutti avvocati. Speriamo veramente che ora i nostri consiglieri di stato colgano l'opportunità del momento per chiarire e fare un passo verso la legalità delle prebende.
pulp 11 mesi fa su tio
@vulpus ti manca la reazione stizzita di pronzini a pelin kandemir... che non voleva farlo...
Alex Cava 11 mesi fa su fb
I partiti di governo parlavano di "buona fede", eppure i milioni intascati non riescono proprio a restituirli...
Alex Cava 11 mesi fa su fb
I partiti di governo parlavano di "buona fede", eppure i tanti milioni intascati non riescono proprio ad essere restituiti...
Brigitte Gill 11 mesi fa su fb
Scifo ?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
RIVA SAN VITALE
9 ore

Atterraggio bagnato per un parapendista

Lo sventurato è rimasto aggrappato per qualche minuto a una boa, fino a quando alcuni passanti lo hanno aiutato a raggiungere la riva e a uscire dall’acqua

FOTO
CANTONE
12 ore

È tempo di vendemmia

Un po' in tutto il cantone in questi giorni si raccolgono gli sforzi e i sacrifici fatti negli scorsi mesi

FOTO
SERRAVALLE
13 ore

Due sottopassaggi a favore dell'integrazione a Malvaglia

I muri vicino al campo di calcio e nei pressi del garage Doma Car sono stati colorati negli scorsi mesi da bambini e genitori

CANTONE
17 ore

Danial è stato ritrovato «in buone condizioni»

Il 14enne di Paradiso, scomparso ieri mattina durante il tragitto casa/scuola è stato rintracciato in serata

VIDEO
LUGANO
17 ore

Il LAC vi invita a una festa gratuita adatta a tutte le età

Fine settimana di eventi aperti a tutti per celebrare l’inizio della nuova stagione artistica. Ai microfoni di tio/20minuti una piccola anteprima

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile