tipress
CANTONE
28.05.18 - 18:060
Aggiornamento : 22:16

Ristorni dei frontalieri: «Agisca il Governo»

Il Parlamento ha accolto la mozione di Agustoni e Fonio che chiedeva «un uso conforme dell'accordo» e spronava il Consiglio di Stato a prendere posizione

BELLINZONA - Il Governo ticinese deve spronare la controparte italiana in maniera che, con i soldi dei ristorni dei lavoratori frontalieri (le imposte alla fonte) , vengano realizzate strutture transfrontaliere, opere cioé che possano interessare entrambe le parti chiamate in causa. 

È una decisione scontata quella presa oggi dal Gran Consiglio, chinatosi oggi sulla mozione del 2015 dei deputati Maurizio Agustoni e Giorgio Fonio denominata “Ristorni dei frontalieri: quando ci attiveremo per un uso conforme all’accordo?”.

Il rapporto di maggioranza allestito da Fiorenzo Dadò (PPD), approvato dal 56% del Parlamento, invitava il plenum ad accogliere la mozione, ricordando che il Governo non ha ancora preso posizione sulla mozione e che il nuovo accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri non è ancora stato firmato né dai rispettivi governi né approvato dai rispettivi parlamenti.

Il rapporto di minoranza di Matteo Quadranti (PLR) sottolineava sì la necessità di «uscire dalla situazione di stallo», ma «non sulla base di atti di forza unilaterali». Lo stesso invitava il Gran Consiglio a considerare evasa la mozione, precisando che la richiesta al Governo «mal si concilierebbe» con le attuali negoziazioni per un nuovo accordo sull’imposizione dei frontalieri in corso tra Confederazione - a cui spettano tutti gli aspetti di natura fiscale - e Italia. Per il deputato PLR, inoltre, il nuovo testo sarebbe «inattuabile nella misura in cui con l’accordo in vigore dal 1974 le autorità ticinesi e svizzere semmai hanno solo un diritto di essere informati sull’utilizzo dei ristorni ma senza poterlo imporre restando questa una competenza sovrana italiana».

Le posizioni - Tra i favorevoli Daniele Caverzasio, per la Lega dei Ticinesi, che ha definito la mozione un a«proposta minimalista e di buonsenso». «Speriamo - ha aggiunto - di portare qualcosa a noi del Mendrisiotto ma anche nell'Alto Malcantone dove le problematiche del traffico sono molto più sentite».

Caverzasio non ha mancato una frecciatina al consigliere federale Ignazio Cassis, riguardo il suo ruolo negli affari esteri: «Speriamo che questo tasto reset lo trovi sul tavolo e non lo dimentichi da qualche parte».

Favorevoli anche i Verdi: «Ogni anno versiamo 60 milioni di franchi di ristorni in base a un accordo che non prevede alcuna reciprocità - ha sottolineato Tamara Merlo -. L'attenzione l'abbiamo ottenuta con i blocchi, ma poi il boresellino si è sempre riaperto. E non è cambiato nulla. Bisogna far rispettare l'accordo del '74, secondo il quale i ristorni devono essere impiegati per opere e servizi pubblici i cui costi i comuni sostengono a causa dei frontalieri».

Restii, in questo senso, i socialisti: «Questa mozione ha sollevato il dubbio che il Consiglio di Stato non si sia mai mosso e che possiamo imporre all'Italia l'uso di quei soldi - ha spiegato Ivo Durisch -. Peccato che non sia il Governo il titolare del dossier in questione. Nonostante questo il Consiglio di Stato già discute regolarmente con il Governo della Regione Lombardia».

Durisch ha ricordato come il consiglio federale abbia già risposto a una mozione di Marco Romano molto simile a quella in discussione oggi: «È stato risposto che nel quadro delle riunioni tra Svizzera e Italia è previsto che gli italiani informino circa l'uso dei ristorni. Ma non esiste alcun vincolo che permetta alle autorità svizzere di imporre l'uso di questo denaro».

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
Scontro tra un'auto e una bici: ciclista in pericolo di vita
L'uomo è un 63enne della regione. Alla guida della vettura una 86enne domiciliata nel Luganese.
LUGANO
7 ore
Se l'arte urbana passa dal Wi-Fi
Presentato questa mattina da Leonardo Angelucci "Wi-Fi: Looking for networks", attivo da novembre
FOTO
CAMORINO
9 ore
Moto contro la barriera metallica
Sul posto due auto della polizia. Chiusa la corsia di sorpasso.
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Quando "la plastica" si vede nella pipì dei bambini
Trovate anche tracce di bisfenolo A, classifica come sostanza con effetti tossici
CANTONE / URI
13 ore
Le vacanze autunnali bloccano il San Gottardo
La coda al portale nord della galleria ha già toccato i 10 chilometri
FOTO
CANTONE
22 ore
«In classe distanti, sui bus ammassati»
Azione di protesta quest'oggi in diversi istituti scolastici.
CANTONE
1 gior
Beccato dal radar a 100 km/h sui 50, poliziotto a processo anche se era un'emergenza
Il prossimo 9 ottobre un agente della Cantonale sarà giudicato alle Assise correzionali di Lugano
CHIASSO
1 gior
Pelli all'asta
La curiosa vendita all'incanto organizzata dall'Ufficio di esecuzione
CANTONE
1 gior
I radar risparmiano (ancora) solo la Valle di Blenio
La prossima settimana i controlli della velocità mobili avranno luogo in sei distretti su otto.
BELLINZONA
1 gior
Mamme tremende, col SUV quasi in classe
Nuove segnalazioni dalla zona delle scuole nord. Il municipale Roberto Malacrida: «Chiediamo più rispetto».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile