Educazione Waldorf a Lugano
ORIGLIO
11.05.21 - 12:160
Aggiornamento : 12:52

Distruzione alla Steiner: «Forse dei ragazzini»

Domenica le famiglia hanno ripulito la caffetteria: «C'erano carte di cioccolatini e merendine»

I colpevoli non sono stati identificati, ma le indagini proseguono. Intanto, visto l'alto numero di contagi riscontrato nella scuola, il Medico cantonale ha invitato anche i familiari di studenti e docenti al test

ORIGLIO - Schizzi rossi sulle pareti sui mobili e persino sul soffitto, testimoniavano domenica, come ferite, la devastazione gratuita che per ragioni ancora oscure si è abbattuta sulla caffetteria della Scuola Steiner di Origlio.

«Si trattava di sugo e olio», ci tiene a precisare la direttrice Silvia Carloni. Le sue sono informazioni di seconda mano e anche per questo non nasconde una certa amarezza. «Purtroppo non ho potuto constatare di persona cosa hanno fatto. Sono costretta in quarantena a casa e sto lavorando da qui».

Esclusa la responsabilità di genitori indignati - La Direttrice esclude che questa quarantena, alla quale è stato costretto l'intero istituto, possa essere la causa di tale manifestazione di odio e distruzione: «Non è certamente opera di qualche genitore. Anche coloro che non hanno voluto sottoporsi ai test, dopo i casi di covid riscontrati, sono persone tranquillissime. Una decina comunque, e li conosciamo. Escludiamo che si sia trattato di un gesto di ripicca».

Le pulizie per «ritrovare un po' di normalità» - Qualcuno esterno quindi. Forse. «Non sappiamo davvero a chi pensare. Grazie a un gruppo di genitori adesso la caffetteria ha riacquistato una certa decenza, ma i danni ci sono ancora». Chi poteva, in quanto fuori quarantena, ha lavorato domenica per ricreare la vecchia atmosfera di quel locale condiviso. Sono stati portati via tutti i mobili sporchi e rotti, sono stati raccolti i vetri, il cibo sbriciolato, i giochi sporchi, i piattini rotti, i libri macchiati. Si è lavorato pulendo i pavimenti e le pareti deturpate e incrostate, cosparse di olio e di salse, per mettere il team caffetteria in condizione di fare un qualche inventario. Le finestre ancora divelte, gli armadi ormai inservibili e distrutti e gli aloni restano a testimonianza di quanto accaduto.

Il perché sia stata colpita quell'area comune nello specifico, invece, sembra chiaro: «È una casetta distaccata dall'edificio. Facilmente accessibile. Hanno dovuto semplicemente rompere dei vetri. In realtà li hanno sgretolati... In ogni caso la polizia ha effettuato i rilievi. Aspettiamo di vedere cosa emergerà dalle indagini. Una cosa è certa. Metteremo le telecamere».

Cioccolatini e merendine - Qualche indizio in più ce lo fornisce il genitore di uno dei ragazzi della Steiner: «Hanno trovato carte di cioccolatini e merendine. Forse è stata opera di qualche ragazzino. D'altra parte il parco è aperto e accessibile a tutti».  Viene lodato pure il lavoro della Polizia: «Hanno preso a cuore l'accaduto ed effettuato rilievi accurati. Anche di eventuali impronte digitali».

Tanti positivi, nuovi test - Nel frattempo l'istituto resta sostanzialmente blindato causa l'altissimo numero di positivi riscontrato. «Recentemente c'è stata una gita a Campo Blenio. Potrebbe essere partito tutto da lì». Nella serata di ieri, una mail del medico cantonale, vista la situazione, ha invitato «tutti i membri del nucleo familiare di allievi e collaboratori» a testarsi. L'appuntamento è previsto per la giornata di domani. 

Educazione Waldorf a Lugano
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
56 min
Covid, in Ticino otto contagi e nessun decesso
Nel nostro cantone l'ultima morte legata alla pandemia risale allo scorso 27 maggio
LUGANO
1 ora
A Lugano tira un'aria così così
Su 323 località europee, la città è 161esima per inquinamento da polveri sottili
FOTO
CANTONE
1 ora
Il littering c'è, ma non è colpa delle mascherine
In nove punti del Ticino sono stati raccolti oltre 21 chili di rifiuti in dieci giorni
GUARDA IL VIDEO
ITALIA / SVIZZERA
2 ore
Milano si tinge di rossocrociato, ma a festeggiare è l'Italia
Diversi simpatizzanti elvetici si sono dati appuntamento davanti al maxi-schermo del Centro svizzero per l'atteso Derby.
CANTONE
2 ore
Smemorati del test PCR basta una dose per il Certificato
Hanno debellato il virus accontentandosi di un test rapido, ecco come possono ottenere l'attestato di persona guarita
CADENAZZO
5 ore
«Meglio le prostitute dei militari»
L'incendio al Monna Lisa frutto «dell'abbandono deciso dal Cantone». Parla (con rabbia) l'ex proprietario Fässler
CANTONE
5 ore
I giovani meno propensi a vaccinarsi? «È fisiologico»
Solo 937 minorenni si sono annunciati per la vaccinazione. 77 di loro hanno ricevuto almeno la prima dose.
LUGANO
15 ore
Moncucco sulla Santa Chiara: «Non faremo tagli al personale»
La clinica luganese denuncia delle «importanti inesattezze« nel comunicato oggi trasmesso dalla struttura locarnese.
CADENAZZO
17 ore
Le Forze Speciali hanno sbagliato qualcosa
All'ex postribolo Monnalisa era in corso un'esercitazione "top secret" dei corpi scelti
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
19 ore
Auto in fiamme davanti alla Sezione della Circolazione
L'incendio è divampato questo pomeriggio in via ala Monda a Camorino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile