Immobili
Veicoli
Devastata nella notte un'ala della scuola Steiner
tio/20minuti
ORIGLIO
09.05.21 - 10:390
Aggiornamento : 10.05.21 - 09:15

Devastata nella notte un'ala della scuola Steiner

La direttrice: «Hanno voluto portare distruzione, un gesto fatto con cattiveria»

Letteralmente fatta a pezzi un'ala dell'istituto, quella della caffetteria, «cuore microeconomico della scuola»

ORIGLIO - Orribile risveglio per la scuola Steiner. Dopo gli annunciati problemi finanziari (con la conseguente raccolta fondi) e i numerosi contagi che hanno portato alla quarantena di istituto (fino a lunedì 17 maggio), un ennesimo scossone arriva a mettere alla prova la struttura di Origlio.

Nella notte, ignoti si sono introdotti nella scuola con un chiaro intento, quello di portare distruzione. L'intera ala della caffetteria, infatti, è stata letteralmente devastata. E il termine non è a caso. Le immagini (in allegato) valgono più delle parole. Il vandalo, o i vandali, hanno lasciato intatto ben poco.

Ad accorgersi dell'atto barbaro e crudele è stata una delle mamme che questa mattina doveva recarsi per il turno di pulizie. La gestione scolastica, infatti, si basa su un’alta partecipazione delle famiglie, che a turni si occupano di diverse mansioni come appunto le pulizie, il giardinaggio e i turni della mensa.

«Ad essere colpito - racconta con voce spezzata una di queste mamme - è stato il cuore microeconomico della scuola. Qui, infatti, realizziamo i lavoretti che poi vengono rivenduto online o nei bazar. È un luogo di aggregazione per tutti. Siamo basiti».

Raggiungiamo al telefono la direttrice, Silvia Carloni, altrettanto scossa per l'accaduto: «Non sembra un furto, non hanno portato via niente. Come ha sottolineato la Polizia, sembra che ci sia stata la volontà di distruggere. Ed è stato fatto con cattiveria». «Inconcepibile - prosegue -, in un momento in cui siamo tutti già scossi e provati, non ci si aspettava un gesto così cattivo. Purtroppo sospetti non ne abbiamo, ma sono stati effettuati tutti i rilevi del caso, speriamo che i colpevoli vengano identificati».

tio/20minuti
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
6 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
10 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
22 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile