TiPress - foto d'archivio
CANTONE
11.12.19 - 17:120

La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»

Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni

LUGANO - Non si trattò di una vendetta egoistica. Non ci fu premeditazione. «Ha agito mosso dalla rabbia e dalla frustrazione causati dal rifiuto della nonna». Così l’avvocato Daniel Ponti, difensore del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano, che ha chiesto una pena contenuta entro undici anni di detenzione. E di considerare la possibilità di derubricare il reato di assassinio a omicidio intenzionale. Tenendo poi conto anche della sua situazione psichica, non si oppone alla sospensione a favore di una misura per giovani adulti.

Quando è uscito di casa, l’imputato era solo in cerca di alcol e soldi. «Non è partito con l’idea di fare del male alla nonna, altrimenti si sarebbe preparato diversamente: avrebbe per esempio preso con sé un’arma, come un coltello». L’avvocato ha quindi fatto leva sulla mancanza di premeditazione, ribadendo che «la reazione è nata solo quando la nonna ha rifiutato di consegnare del denaro». Un rifiuto che avrebbe fatto scattare un gesto incontrollato, anche a causa della cocaina assunta quella notte «in quantità nettamente maggiore rispetto al solito».

Il numero delle martellate - Quella notte l’imputato avrebbe colpito la nonna con almeno sedici martellate. Ma secondo il difensore il numero dei colpi non è d’interesse per la valutazione del reato. «Le martellate eventualmente inferte dopo la morte della donna non vanno più considerate». Ma non vi è - ha sottolineato il legale - un accertamento che attesti il decesso dovuto a un determinato colpo.

La mancanza di sostegno - Il legale ha inoltre affermato che attorno al giovane è mancata una rete d’assistenza. «Da quando è arrivato in Ticino, a questo ragazzo problematico sin dalla nascita è mancato il sostegno, da parte dello Stato e della famiglia di origine». E quando ha incontrato la droga «la sua situazione già precaria è precipitata». Quello di cui ha bisogno ora, ha ribadito, è «una misura per giovani adulti, che ha uno scopo educativo e sociopedagogico».

La richiesta dell’accusa - Per l’accusa si trattò di un assassinio, in quanto l’imputato avrebbe agito con premeditazione per vendetta ed egoismo. «In lui è nata la consapevolezza di non riuscire più a ottenere dalla nonna quello che voleva, e ha maturato un sentimento di vendetta che non è riuscito a trattenere» ha detto la procuratrice Margherita Lanzillo, che ha chiesto una pena detentiva di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario in una struttura chiusa.

La Corte, presieduta dal giudice Marco Villa, comunicherà la sentenza domani alle 16.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
19 min
È tutto pronto per il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si svolgerà con due settimane di anticipo, dal 6 al 9 febbraio
BELLINZONA
2 ore
Il bicchiere del Rabadan e presunti rischi di contagio
Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi interpella il Municipio e chiede se non sia il caso di sospendere l'esperimento, rimandandolo all'anno prossimo
LUGANO
2 ore
«Ecco perché così tanti imprenditori italiani scappano in Ticino»
La denuncia di Luciano Dissegna, ex dirigente dell’Agenzia delle entrate: «Il fisco ci sta uccidendo». Ettore Serafini, co fondatore di AgiReagire: «Non ci fosse stata la Svizzera…»
LUGANO
13 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
13 ore
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
LOCARNO
15 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CONFINE/CHIASSO
17 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
SVIZZERA
18 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
ITALIA / LOCARNO
20 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile