CONFINE / CANTONE
12.06.19 - 12:000
Aggiornamento : 14:16

Ecco l'arresto di Proto

Il video dei finanzieri mostra "l'impostore" in una veste inedita, mentre viene scortato in carcere

COMO - Testa bassa, cappellino, felpa con cappuccio e jeans. È un Alessandro Proto inedito, molto lontano dall'uomo d'affari in giacca e cravatta a cui ci aveva abituato, quello mostrato nelle immagini prodotte dai finanzieri durante il suo arresto.

Scortato dalle Fiamme Gialle lo si vede uscire questa mattina da un portone di uno stabile del comasco ed entrare nell'auto lì ad attenderlo, aiutato da una mano che gli preme il capo, come accade nei film.

La fama in Ticino - Proto è ben noto anche in Ticino. Qualche anno fa si parlò di un suo interessamento al Centro Ovale di Chiasso. Il suo nome era stato fatto anche nell'ambito della notizia, poi rivelatasi infondata, che vedeva il produttore americano Harvey Weinstein - il re di Hollywood protagonista dello scandalo delle molestie - intenzionato a stabilirsi a Lugano.

Il libro - Su di lui è stato anche scritto un libro intitolato "Io sono l'impostore: Storia dell'uomo che ci ha fregati tutti".

La truffa - La vicenda che ha portato all'arresto Proto era stata anche raccontata in una puntata della trasmissione della trasmissione televisiva Le Iene del 30 aprile scorso. Anna, questo il nome della donna truffata, malata di cancro, aveva raccontato: «con bugie su figli morti e in clinica mi ha spillato 130'000 euro».

Anna aveva detto di aver incontrato Proto sulle reti sociali: aveva finto di avere una figlia morta a cui non riusciva a pagare le spese del funerale e un figlio in clinica psichiatrica. «Sono caduta in un baratro fatto prima di pressanti richieste di denaro e poi di minacce legali a me e ai miei cari», aveva raccontato.

Altre accuse - Oltre che di truffa pluriaggravata, Proto è accusato di autoriciclaggio per aver investito il denaro su siti di gioco online per nasconderne la provenienza.  Nel dicembre del 2017 aveva ricevuto un divieto di entrata in Svizzera valido fino al 2022.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LAVENA PONTE TRESA
6 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
9 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
9 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
10 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
11 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
12 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
12 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
14 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
FOTO E VIDEO
CHIASSO
15 ore
Tamponamento in via Rampa, conducente ferita
L'incidente è avvenuto attorno alle 10 di questa mattina. Sul posto soccorsi e polizia
LUGANO
15 ore
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni shock da parte della mamma
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile