depositphotos
MONTECENERI
31.10.18 - 14:170
Aggiornamento : 02.11.18 - 06:34

Ragazza aggredita dal motociclista, il testimone: «Sferrava un pugno dietro l'altro»

Parla il 50enne che ha sedato l'aggressione consumatasi il 23 ottobre all'imbocco dell'A2 di Rivera. Testimonierà a favore della giovane automobilista

MONTECENERI - Il coraggioso 50enne, intervenuto per bloccare il violento centauro che martedì 23 ottobre ha aggredito una giovane automobilista prendendola a pugni per un sorpasso, si è fatto avanti pronto a fornire la sua testimonianza. È proprio grazie all'articolo pubblicato da Tio/20minuti che l'uomo è riuscito a rintracciare la ragazza mettendosi a disposizione.

Contattato al telefono, di fatto conferma la versione della giovane aggredita. «Quando mi sono avvicinato ho notato l'auto accostata sulla corsia d'emergenza, all'imbocco dell'A2 di Rivera, e la moto, poco più avanti, di traverso, che in parte ostruiva la corsia di marcia».

Ad attirare l'attenzione dell'uomo è stata soprattutto la scena che si stava consumando: «Il busto del motociclista era dentro l'auto, quell'uomo stava sferrando un pugno dietro l'altro». Il 50enne non ha esitato: «Sono sceso dall'auto e mi sono avvicinato. Ho gridato chiedendo al centauro se non si vergognasse a picchiare una donna».

L'intervento inatteso mette fine alla violenza: «Il motociclista è arretrato. Prima ha cercato di giustificarsi affermando che stava solo cercando di toglierle la cintura, poi è salito in moto e, di fatto, è scappato».

Quella che trova nell'auto è, per sua descrizione, una ragazza sotto shock: «Tremava come una foglia, era in lacrime, sconvolta». Nella foga, anche il 50enne dimentica la targa della moto: «Posso solo dire che non era un'Harley, ma una di quelle moto di grossa cilindrata carenate, da turismo. Sella larga, color amaranto. L'uomo, forse un po' più giovane dei 70 anni attribuiti dalla ragazza, aveva uno di quei caschi ad elmetto».

Questa sera il 50enne sarà interrogato dalla polizia: «Spero che la mia deposizione sia utile affinché quest'uomo venga identificato e gli venga quanto meno fatto un discorsetto. Ciò che è accaduto è inammissibile». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
37 min
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
1 ora
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
CANTONE
2 ore
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
2 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
4 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
CANTONE
5 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
7 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
7 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
FOCUS
16 ore
Viaggio nell'inferno delle torture siriane
Benvenuti a Coblenza, nel primo processo della storia per crimini contro l’umanità in Siria
AGNO
18 ore
Dopo tanta paura vera, i brividi del Luna Park
L'estate luganese non rinuncia al divertimento all'aperto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile