depositphotos
MONTECENERI
31.10.18 - 14:170
Aggiornamento : 02.11.18 - 06:34

Ragazza aggredita dal motociclista, il testimone: «Sferrava un pugno dietro l'altro»

Parla il 50enne che ha sedato l'aggressione consumatasi il 23 ottobre all'imbocco dell'A2 di Rivera. Testimonierà a favore della giovane automobilista

MONTECENERI - Il coraggioso 50enne, intervenuto per bloccare il violento centauro che martedì 23 ottobre ha aggredito una giovane automobilista prendendola a pugni per un sorpasso, si è fatto avanti pronto a fornire la sua testimonianza. È proprio grazie all'articolo pubblicato da Tio/20minuti che l'uomo è riuscito a rintracciare la ragazza mettendosi a disposizione.

Contattato al telefono, di fatto conferma la versione della giovane aggredita. «Quando mi sono avvicinato ho notato l'auto accostata sulla corsia d'emergenza, all'imbocco dell'A2 di Rivera, e la moto, poco più avanti, di traverso, che in parte ostruiva la corsia di marcia».

Ad attirare l'attenzione dell'uomo è stata soprattutto la scena che si stava consumando: «Il busto del motociclista era dentro l'auto, quell'uomo stava sferrando un pugno dietro l'altro». Il 50enne non ha esitato: «Sono sceso dall'auto e mi sono avvicinato. Ho gridato chiedendo al centauro se non si vergognasse a picchiare una donna».

L'intervento inatteso mette fine alla violenza: «Il motociclista è arretrato. Prima ha cercato di giustificarsi affermando che stava solo cercando di toglierle la cintura, poi è salito in moto e, di fatto, è scappato».

Quella che trova nell'auto è, per sua descrizione, una ragazza sotto shock: «Tremava come una foglia, era in lacrime, sconvolta». Nella foga, anche il 50enne dimentica la targa della moto: «Posso solo dire che non era un'Harley, ma una di quelle moto di grossa cilindrata carenate, da turismo. Sella larga, color amaranto. L'uomo, forse un po' più giovane dei 70 anni attribuiti dalla ragazza, aveva uno di quei caschi ad elmetto».

Questa sera il 50enne sarà interrogato dalla polizia: «Spero che la mia deposizione sia utile affinché quest'uomo venga identificato e gli venga quanto meno fatto un discorsetto. Ciò che è accaduto è inammissibile». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
1 ora
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
1 ora
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
FOTO
BELLINZONA
3 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
4 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
5 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
13 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
17 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
18 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile