Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
LOCARNO
20.12.20 - 20:110
Aggiornamento : 21:00

Il Lido taglia la percentuale ai dipendenti «per il bene di tutti»

La CBR Sa fa chiarezza a seguito dell’interrogazione presentata da Fabrizio Sirica al Municipio

«Taglio del 20% sul grado di occupazione per tutti, organi compresi. Il lavoro ridotto verrà valutato».

LOCARNO - «Il Consiglio di amministrazione sceglie di far pagare la pandemia all’ultima ruota del carro, all’anello più debole e indifeso: i lavoratori». È con queste parole che il consigliere comunale di Locarno Fabrizio Sirica ha definito in un’interrogazione al Municipio la strategia aziendale del Lido di Locarno (Centro Balneare Regionale Sa). Per contenere i costi, infatti, la CBR ha optato per la proposta di ridurre l’attività e il salario del 20% per il periodo dal 1. gennaio al 30 aprile 2021 a tutto il personale.

Se da una parte Sirica definisce «scandaloso e inaccettabile che a pagare debbano essere i dipendenti di un'azienda composta da soli azionisti pubblici», dall’altra la CBR si difende: «Abbiamo voluto fare di tutto per non licenziare nessuno e per non sfavorire i contratti più a rischio, cioè quelli su chiamata. Per questo abbiamo optato per ridurre l’attività e il salario a tutti, organi compresi, garantendo così l’occupazione a tutti». E «senza perdere i diritti di rendita previdenziali e sociali».

La crisi del Covid-19 e le restrizioni della pandemia hanno pesato sul Lido di Locarno. Nel 2020 è stato stimato un minore afflusso di circa 95'000 passaggi, cui si aggiunge la riduzione del numero di abbonamenti e di altre entrate: pressappoco il -30% rispetto agli anni precedenti. Una minor entrata che può essere stimata in circa 1’000’000 di franchi.

Ma nonostante il sacrificio (temporaneo) richiesto, «con notevole professionalità e dedizione il personale ha compreso la situazione e ha liberamente accettato la proposta - aggiunge la CBR -. Tutti i collaboratori hanno dimostrato un grande senso di solidarietà reciproco e verso i colleghi assunti a ore e/o su chiamata».

Infine, il presidente di CBR, Luca Poh, risponde al co-presidente del PS ticinese che domandava «come mai non si fa capo allo strumento del lavoro ridotto»: «La chiusura totale del centro è stata dichiarata pochi giorni fa, a seguito delle decisioni di Berna. Neppure noi siamo così veloci… È sicuramente un’opzione che verrà valutata».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
38 sec
Nebbia sul frontaliere che si porta a casa l’auto della ditta
Nasce il Registro dei Veicoli Immatricolati all’Estero. Chi non si iscrive, rischia il sequestro del veicolo.
LAMONE
28 min
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo della Polizia del Vedeggio. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
2 ore
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
12 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
15 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
15 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
18 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
18 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
21 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
21 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile