tipress
LOCARNO
18.12.20 - 20:120

Il Lido taglia gli stipendi: «Non è giusto»

A Locarno la crisi pesa sugli introiti del Centro Balneare. Fabrizio Sirica (Ps) chiede al Municipio di intervenire

LOCARNO - La crisi del Covid pesa sulle entrate dei centri sportivi e ricreativi. Il Lido di Locarno non fa eccezione. Quest'anno ha registrato 94mila ingressi in meno rispetto all'anno scorso. 

Ma il Centro balneare regionale ha una particolarità: sembra aver deciso di non ricorrere all'indennità da lavoro ridotto. Preferendo un taglio lineare agli stipendi dei dipendenti. 

A riferirlo è il consigliere comunale (nonché co-presidente del Ps ticinese) Fabrizio Sirica, che in un'interrogazione chiede lumi al Municipio, azionista di maggioranza dell'azienda che gestisce il Lido. I circa quaranta dipendenti del Centro avrebbero ricevuto il 12 dicembre la proposta di una riduzione del 20 per cento del salario, in modo trasversale (senza cioè differenze in base al grado di occupazione). 

Una proposta «inaccettabile» secondo Sirica. «Siamo al paradosso per cui questi dipendenti si trovano ad avere meno tutele di persone assunte in un'azienda privata» si legge nell'interrogazione, che chiede al Municipio di prendere una posizione. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
2 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
4 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
17 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
17 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
20 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
20 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
1 gior
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
1 gior
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile