Tipress
CANTONE
25.06.20 - 07:170

Sui ristorni «l'ennesima scandalosa capitolazione»

Per la Lega, «senza un gesto di rottura da parte elvetica, l’Italia continuerà a incassare e a tenere nel limbo l'accordo».

LUGANO - È «con sconcerto, ma senza sorpresa» che la Lega dei Ticinesi accoglie la notizia del trasferimento ai Comuni italiani di confine di quasi 90 milioni di franchi di ristorni. «Una somma che viene sconsideratamente versata malgrado l’Italia, nei confronti del Ticino, sia inadempiente su tutti i fronti», si legge in un comunicato odierno del movimento di Via Monte Boglia.

A mancare sarebbe innanzitutto la firma del nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri, «che i vicini a sud non hanno manifestamente alcuna intenzione di sottoscrivere»: «L’unica arma a disposizione del Ticino per richiamare l’Italia ai propri doveri, e lo si è già visto, è il blocco dei ristorni», si dice convinta la Lega. «Tuttavia il Consiglio di Stato rifiuta di utilizzarla, perpetrando all’infinito l’inaccettabile situazione di stallo», denuncia.

Sarebbe «un'assurdità», del resto, credere che lo sblocco dei fondi possa agevolare i negoziati: «Senza un gesto di rottura da parte elvetica, l’Italia continuerà a incassare i ristorni e a tenere nel limbo il nuovo accordo fiscale, come pure gli altri dossier aperti», mette in guardia il partito. «Una presa in giro che dura ormai da cinque anni», aggiunge.

Per la Lega dei Ticinesi, si è di fronte all'«ennesima capitolazione del Consiglio di Stato davanti all’Italia»: «Magari a seguito della recente, grottesca visita del ministro degli esteri Di Maio?», si chiede il movimento. A essere «sconcertante e inaccettabile» sarebbe inoltre il fatto che la parte d'imposte alla fonte in questione, pagate dai frontalieri nel 2019 e «regalate» all'Italia, «oggi come non mai servirebbe al nostro territorio».

Via Monte Boglia ribadisce infine che il consigliere federale Ignazio Cassis dovrebbe decretare il «fallimento» delle trattative sul nuovo accordo fiscale e disdire unilateralmente la Convenzione sull'imposizione dei lavoratori frontalieri del 1974: «Non esiste evidentemente altro mezzo per indurre l’interlocutore italiano al rispetto degli impegni presi», conclude.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
53 min
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
1 ora
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
2 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
4 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
CANTONE
14 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
16 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
18 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
19 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
20 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
22 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile