Immobili
Veicoli
Archivio Tipress
LUGANO
24.10.19 - 20:480
Aggiornamento : 02.03.20 - 12:02

Gli scarti di cucina finiscono all’ecocentro

È una delle misure previste per accompagnare l’introduzione della tassa sui rifiuti

LUGANO - Dal 1. gennaio 2020 gli ecocentri luganesi resteranno aperti più a lungo per far fronte a un aumento della raccolta differenziata. Questa è soltanto una delle misure previste per accompagnare l’introduzione della tassa sui rifiuti. Sì, perché dopo lunghe discussioni, votazioni e ricorsi, il prossimo anno anche a Lugano il sacco si pagherà.

Il nuovo regolamento sui rifiuti entrerà in vigore il 1. gennaio 2020. E a partire da allora i servizi cittadini si aspettano un incremento significativo dei quantitativi delle raccolte separate rispetto ai rifiuti solidi urbani. Ma potrebbero anche verificarsi comportamenti non adeguati. Non mancherà una campagna informativa.

I progetti - Nel frattempo la Città si sta preparando per la tassa sui rifiuti con una serie di progetti pilota, che partiranno a loro volta il prossimo 1. gennaio. Innanzitutto si parla, appunto, dell’estensione degli orari d’apertura degli ecocentri, il martedì e il sabato, dalle 7 alle 19, «che permetterà - come si evince dal Preventivo 2020 - di diluire gli utenti nei giorni di maggiore affluenza».

E non solo: i cittadini avranno anche la concreta possibilità di ridurre il quantitativo di rifiuti da mettere nel sacco. In particolare attraverso la raccolta differenziata degli scarti di cucina (quindi l'umido), che dal prossimo anno potranno essere smaltiti in cinque ecocentri (Pregassona, Molino Nuovo, Cadro, Breganzona e Pambio Noranco).

Sarà infine agevolata anche la raccolta dei flaconi in plastica (PE), che si potranno consegnare in tutti e sei gli ecocentri luganesi: sinora, infatti, il PE può essere smaltito principalmente nei centri di raccolta presenti nei supermercati. Ma non negli ecocentri.

Assistenza ai cittadini - L’introduzione della tassa prevede, inoltre, un necessario periodo di assestamento, sia per i cittadini sia per il servizio per la raccolta dei rifiuti. «Nel limite del possibile e del ragionevole - si legge ancora nel messaggio municipale -  la nettezza urbana si prodigherà per dare supporto ai cittadini che più ne necessiteranno in questa prima fase introduttiva».

A Lugano, lo ricordiamo, sarà introdotta una tassa mista. Quella base partirà da 25 franchi all’anno per una residenza primaria con una sola persona. Mentre la tassa sul sacco da 35 litri sarà compresa tra 1 franco e 1,30 franchi. Secondo stime dell’Ufficio federale dell’ambiente, l’applicazione della tassa permetterà a medio-lungo termine di ridurre i rifiuti solidi urbani del 30%, incrementando quelli riciclabili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Litapeppino 2 anni fa su tio
E avanti con altre tasse per i cittadini ( già contribuenti che pagano le imposte, tasse ). Fr1,30 per sacchetto e veramente esagerato. Poi voglio vedere chi andrà a controllare nei cassonetti interrati se ci saranno sacchi grigi oppure quelli tassati. Ci sarà chi butterà sacchi grigi, e fa bene, importante non lasciate all'interno nome e indirizzo. A buon intenditor...
sedelin 2 anni fa su tio
@Litapeppino certo che la tua responsabilità sociale ed ecologica é totalmente assente. anzi la tua posizione é illegale e punibile: speriamo che ti acciuffino!
sedelin 2 anni fa su tio
protesto: non per la lodevole iniziativa, ma per il massacro della lingua italiana ad opera dei blogger qui sotto :-)
Tarok 2 anni fa su tio
homo luganensis che fa le capriole pur di non pagare un franchetto
sedelin 2 anni fa su tio
finalmente! ;-)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
14 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
15 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
CANTONE
17 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
20 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
1 gior
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
1 gior
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
1 gior
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
1 gior
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
1 gior
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile