deposit (archivio)
La vicenda si è consumata tra ottobre scorso e gennaio.
BELLINZONA
14.06.19 - 07:300
Aggiornamento : 28.06.19 - 09:25

La 20enne molestata, e licenziata dalla banca

Dietro lo sciopero delle donne di oggi tante denunce mancate. Il caso di una apprendista del Sopraceneri

BELLINZONA - Tra le donne che – non si sa quante, ma tante – parteciperanno allo sciopero di oggi in Ticino ci sarà anche una giovane del Sopraceneri molestata durante l'apprendistato, e poi licenziata senza troppi scrupoli dal datore di lavoro. La 20enne non ha denunciato i fatti, ma si è impegnata attivamente nella campagna femminista: «È stato il mio modo di reagire all'accaduto» racconta. «Volevo voltare pagina».  

I fatti - La vicenda si è consumata tra ottobre scorso e gennaio, e – in assenza di una denuncia – non passerà al vaglio della giustizia. Resta il fatto che la giovane è stata licenziata a gennaio, due settimane dopo avere riferito (a casa e sul lavoro) di essere stata «ripetutamente molestata» da un superiore. Il suo racconto sarebbe stato confermato da un'indagine interna alla banca, grazie ai filmati della videosorveglianza. 

Il danno e la beffa - «All'inizio non ho detto niente, volevo tenere duro fino al termine del semestre di apprendistato. Ma poi tutto è andato a rotoli lo stesso» ha raccontato la giovane a tio.ch/20minuti. Quando non ne ha potuto più, a perdere il posto è stata lei e non il dirigente che – nell'arco di quattro mesi – le avrebbe riservato «ripetuti toccamenti intimi non desiderati, sul luogo di lavoro, comunque sempre sopra i vestiti».

Una donna su due - L'esperienza non è nemmeno così rara. Secondo un recente rapporto di Amnesty International, una donna su cinque in Svizzera subisce abusi sessuali nel corso della vita. «Le molestie sul lavoro in senso lato, da quelle verbali a quelle fisiche, sono ancora più diffuse: parliamo di una donna su due» spiega Alessia Di Dio del collettivo “Io Lotto”, tra gli organizzatori della manifestazione odierna.

«Denunciare è difficile» - Il fenomeno è «in gran parte sommerso» proprio perché «in media solo in due casi su dieci le molestie vengono riconosciute dai tribunali svizzeri» continua Di Dio. «Pochissime vittime denunciano. Per questo chiediamo un intervento a livello legislativo e giudiziario». Dopo la giornata di oggi, le attiviste si aspettano una risposta politica «forte e concreta». 

Alte aspettative - Il coraggio alle donne ticinesi non manca: le organizzatrici prevedono «una partecipazione ampia e diffusa» allo sciopero odierno. «Abbiamo raccolto adesioni in tutti i settori. Il più difficile da coinvolgere? È il terziario, e in particolare il settore finanziario: proprio dove le discriminazioni sono più profonde» spiega Di Dio. Ma la colpa «non è delle donne che non denunciano bensì della politica. Occorrono interventi legislativi concreti, anche sul sistema giudiziario». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VOGORNO
1 ora
Abusi edilizi: multati sindaco e municipali
Il Consiglio di Stato ha sanzionato l'esecutivo con 300 franchi a testa, per una stalla trasformata in rustico
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
2 ore
Furgone ribaltato sull'A2, tutto bloccato in direzione sud
L'incidente è avvenuto all'altezza delle piscine di Mendrisio. Sono da prevedere forti ritardi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
4 ore
Il cuore del Rabadan e il Re che fa il cameriere
Centinaia di persone diversamente abili hanno pranzato oggi nel Capannone degli Eventi in Piazza del Sole
CHIASSO / STATI UNITI
5 ore
Beccato con 8 kg di ketamina, 35enne di Chiasso nei guai
L'uomo, insieme a un 40enne comasco, è stato arrestato all'aeroporto di Orlando, in Florida
CHIASSO
7 ore
I semafori in via Comacini sotto la lente
Il Comune ha rilevato delle disfunzioni ma non ritiene necessario sostituirli. Quindi prende tempo
CANTONE
8 ore
Negozi aperti fino alle 19. Si va avanti così
Il Tribunale federale ha deciso di non accordare l'effetto sospensivo al nuovo quadro normativo.
BELLINZONA
8 ore
Picchiatori (e picchiatrici) a carnevale: l'identikit
Al Rabadan un massiccio dispositivo di sicurezza. E si inaspriscono le diffide. Ne parliamo con il capo della security
CANTONE
9 ore
Il balzo annuo dei frontalieri
Nel quarto trimestre 2019 i lavoratori stranieri con permesso G in Svizzera erano 329mila. 
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Ora è ufficiale: Ermotti lascia UBS
Il CEO ticinese abbandona l'istituto dopo 9 anni. Al suo posto arriverà l'olandese Ralph Hamers
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
20 ore
Rabadan: un liquido rosso vi stupirà
La scuole dell'infanzia di Olivone e Ludiano ironizzano sulle terme di Acquarossa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile