TiPress
Nella foto Adami Athos, responsabile organizzativo del Circo Orfei, ritratto durante il blocco degli spettacoli imposto dalla Confederazione per motivi di sicurezza.
CANTONE
10.05.19 - 18:000
Aggiornamento : 22:00

Circo Orfei boicottato da un concorrente della Svizzera interna?

L’autorità cantonale precisa che «hanno chiesto l'autorizzazione solo il 2 maggio», ma «da parte di tutti gli autori coinvolti si è cercata una soluzione pragmatica». I biglietti verranno rimborsati

LUGANO - «Informazioni mancanti» da una parte, «documentazione che non adempie ai requisiti delle normative svizzere» dall’altra. Le spiegazioni presentate dal Circo Orfei e dalle autorità cantonali sono opposte. Resta una sola certezza: tutti gli spettacoli previsti in Ticino tra l’8 maggio e il 2 giugno - a Lugano, Locarno, Faido, Biasca e Bellinzona - sono stati annullati e la decisione è definitiva. Chi aveva acquistato il biglietto può recarsi a Lugano (o contattare i responsabili) e gli verrà immediatamente rimborsato.

«Noi ci siamo informati» - Il Circo italiano ha deciso di venire per la prima volta su suolo svizzero e offrire i propri spettacoli in Ticino, riscontrando «entusiasmo» da parte dei cinque Comuni, i quali hanno anche dato l’autorizzazione a occupare lo spazio pubblico. «Ma non ci è stato detto che serviva altro». Dal canto suo la Città di Lugano risponde per bocca di Claudio Chiapparino, direttore della Divisione eventi e congressi della Città: «Noi abbiamo richiesto i documenti necessari al rilascio dell’autorizzazione, la stessa che chiediamo a Nock e Knie. Ma sono loro a doversi informare su cosa serva in Svizzera per svolgere l’attività». Resta comunque ora l’autorizzazione a rimanere nello sterrato della Gerra a Lugano-Cornaredo fino al 13 maggio. «Noi non dobbiamo farli sgomberare se non si esibiscono. Se volessero restare di più, finché non trovano una soluzione, dovranno presentare una richiesta».

Un ufficio che non esiste più - Il “calvario burocratico” raccontato dal promotore Davide Trentini ha dei contorni grotteschi: «Il Cantone ci ha indirizzato a una ditta di Wallisellen per ricevere il collaudo della struttura riconosciuto in Svizzera, ma lì abbiamo scoperto che era chiusa da due anni. Dovevamo rivolgerci alla Germania, ma sono previsti tre mesi di attesa». Il Servizio autorizzazioni, commercio e giochi della polizia cantonale a tal proposito precisa che «spetta al circo fare in modo di ottenere l’autorizzazione» e che da parte loro hanno «invitato i responsabili a prendere contatto con il Servizio di Accreditamento Svizzero (SAS) le cui norme «sono rintracciabili facilmente anche in Internet».

Tempi stretti - L’autorità cantonale tiene a precisare che «da parte dei responsabili del Circo Orfei la domanda di autorizzazione per l’esercizio dell’attività di baracconista o di impresario circense è giunta solo il 2 maggio, quando sarebbe dovuta invece giungere 20 giorni in anticipo rispetto alla data del primo spettacolo». La valutazione dell’attestato di sicurezza esula dalle competenze del Cantone e il circo è stato invitato a prendere contatto con il SAS.

Una segnalazione “sospetta” - Il fatto più curioso che ruota attorno al “caso Circo Orfei” è un altro: la segnalazione in merito alla certificazione (italiana) non valida su suolo svizzero sarebbe giunta da parte di un’associazione circense della Svizzera tedesca. «Ci volevano bloccare - sostiene Trentini -. In 70 anni qui si sono esibiti solo due circhi esteri. Ma è assurdo che una categoria circense cerchi di metterne in ginocchio un’altra». La polizia però non commenta questo particolare: «Nel rispetto del segreto d’ufficio non ci esprimiamo». E ai responsabili del Circo Orfei non è stato per il momento svelato alcun nome. Ma c’è un lettore di Tio.ch/20 minuti che sostiene di avere «notato una Toyota Aygo bianca targata Zurigo con un logo sulla portiera sinistra» posteggiata all’esterno del cimitero musulmano». Un «uomo sui 50 anni scattava foto di nascosto» al circo alle prese con il montaggio. «Era il 6 maggio».

Solo tre enti, tutti tedeschi - Ad ogni modo, il Circo Orfei non si esibirà più in Ticino (nonostante i due spettacoli di mercoledì). Ma una domanda resta: c’è effettivamente un modo per un circo estero di ottenere il permesso a esibirsi in Svizzera? A rispondere è la Confederazione, nello specifico il Servizio di accreditamento svizzero (SAS): «Tutte le associazioni circensi che si esibiscono su suolo svizzero, che siano autoctone o estere, sottostanno alle medesime condizioni legali. La Segreteria di stato dell’economia (SECO) ha redatto una lista con gli organismi d'ispezione accreditati» a rilasciare l'attestato di sicurezza. E attualmente le aziende che vi figurano sono tre, tutte tedesche. «Non c'è stata alcuna volontà a ostacolare il Circo Orfei».

2 mesi fa «Ci hanno fermati, ma nessuno era in pericolo»
2 mesi fa La polizia blocca il Circo Orfei
Commenti
 
Dragon76 2 mesi fa su tio
Il Cantone non fa una bella figura...
sedelin 2 mesi fa su tio
concordo! meno male che c'è qualcuno come te che lascia un'impronta di luce a questo marasma di oscurità.
sedelin 2 mesi fa su tio
@sedelin @ MIBA é la risposta al suo ultimo post (TIO, chiedo per l'ennesima volta di rimediare a questo inconveniente, grazie!)
beta 2 mesi fa su tio
Vivi e lascia vivere; deve essere un detto non adatto a chi, stupidamente, ne sa sempre una pagina in più del libro . Sempre e solo secondo la propria convenienza .Poveri esseri !
lo spiaggiato 2 mesi fa su tio
Oooh, ma guarda... l'autorizzazione svizzera la danno solo delle ditte germaniche... mah...
vulpus 2 mesi fa su tio
Sul settimanale della domenica, tutti potranno leggere e capire, se lo volessero, i motivi di tale blocco. Qualcuno ha detto che è meglio provvedere a fermare tutto che vedere il tendone cadere. Ma forse si è dimenticato che 2 spettacoli sono stati eseguiti. Questi spettatori, allora sono stati messi in pericolo dalla inettitudine della polizia cantonale? C'è da dubitarne: chi ha voluto bloccarli si è mosso dopo , mosso da chissà quali motivazioni o interessi. Una vergogna tutta cantonale.
guttalak 2 mesi fa su tio
semplicissimo paese che vai usanze/leggi che trovi e devi rispettare!!!
centauro 2 mesi fa su tio
@guttalak Certo che le devi rispettare, ma se le autorità non sanno nemmeno a quale ufficio ci si deve rivolgere cosa fai? 1+1 fa 2, qualcuno al potere, amici degli amici e compagnia bella dovevano mettere il bastone tra le ruote dei carri del circo........con questo abbiamo capito che i valichi di frontiera con la Svizzera sono alla Nufenen, San Gottardo, Lucomagno e San Vittore!!!!!
Miris Gregori 2 mesi fa su fb
Che stiano in Italia a fare il circo
miba 2 mesi fa su tio
Pazzesco! Nel 2019 ci sono ancora persone che non sanno distinguere tra frontalieri, spettacolo, manifestazione, situazione lavorativa in Ticino ecc ecc ecc. Altro che paese di trogloditi, siamo decisamente un cantone che i trogloditi li lascia indietro di anni luce!
guttalak 2 mesi fa su tio
@miba molto semplice paese che vai usanze che trovi e leggi che vanno rispettate
miba 2 mesi fa su tio
Tranquillo, nessuna offesa, tanto meno se questa avviene da una persona che al posct dal cervell la g'ha fildafer. Incöö mett un capèll perché i marca temporai e inscì ti eviti un cortocircui (pöö i dagn i diventa ireversibil) :):):)
fildefer 2 mesi fa su tio
@miba La verità offende!
Marino Zecca 2 mesi fa su fb
Mi sembra un racconto all'italiana......ma siamo in.Svizzera
Saul Gianoli Dibb 2 mesi fa su fb
5 comuni che danno l ok e date confermate e poi non erano in regola? Mmmm strano..
Fran 2 mesi fa su tio
Dopo i frontalieri anche il Circo Orfei ha pensato bene di tagliarsi una fetta in CH. Già. Chiedere 40/60 fr a biglietto a confronto dei prezzi in Italia voleva dire GUADAGNARE molto di più. Ma si, facciamo pagare a sti svizzerotti! Orfei restasse a casa sua! Il nst circo Nock deve chiudere e arrivano i circensi Frontalieri? È chi gli vuole?!! For di ball!
centauro 2 mesi fa su tio
@Fran E allora fora di ball cantanti stranieri, ballerini, musicisti, artisti in genere non CH.....ma che minchiate scrivi! Chiaro che le tariffe si adeguano al Paese in questione, ma vedere ancora tirata in causa la parola "frontaliere" sembra di avere a che fare con valligiani dalla mente serrata come un bunker militare!!!
Maurizio Messina 2 mesi fa su fb
Non dimentichiamo che siamo in Svizzera!! Così complicatA!!!
Roberto Carnovale 2 mesi fa su fb
Non si può sempre cadere del razzismo o altro ... sicuramente qualcuno non ha voluto .. anche se era russo ... oramai la concorrenza da noi non è mai gradita e si sa ... pazienza peccato è uno dei più belli in Europa il circo Orfei e anche storico ..
Chris Taiana 2 mesi fa su fb
No al circo
Roberto Carnovale 2 mesi fa su fb
🤨👎peccato è molto bello
Pamela Angelotti 2 mesi fa su fb
Alcuni commenti mettono una gran tristezza...
Renny Crotti 2 mesi fa su fb
Pamela Angelotti ad esempio quali?🤔
LAMIA 2 mesi fa su tio
Devono rispettare solo i Ticinesi le leggi?
Norvegianviking 2 mesi fa su tio
@LAMIA Avanti con un altro (o altra) che non ha capito un'emerita mazza. Prevenuto a prescindere. Mamma mia che paese di trogloditi.
centauro 2 mesi fa su tio
@LAMIA No....basta avere un parente o amico dell'amico al posto giusto!
miba 2 mesi fa su tio
Caro fildefer, qualcuno ha scritto che un tuo commento è al limite della demenza... Se tuttavia vedo l'insieme dei tuoi commenti io sono fermamente convinto che tale limite l'hai ampiamente superato. Ogni ulteriore commento è superfluo dal momento che si commenta semplicemente da se
Norvegianviking 2 mesi fa su tio
@miba L'ho scritto io e lo ribadisco. Oltretutto la maniera dozzinale di esprimersi palesa un'ignoranza tipica di chi, ahimè per lui, forse non ha mai messo il naso fuori dall'uscio di casa e che comunque vive di giornaliere frustrazioni nei confronti dei suoi vicini.
fildefer 2 mesi fa su tio
@miba È proprio vero....... la verità offende!!! Cara là me scima!
Gianluca Simone 2 mesi fa su fb
La Segreteria di stato dell’economia (SECO) ha redatto una lista con gli organismi d'ispezione accreditati» a rilasciare l'attestato di sicurezza. E attualmente le aziende che vi figurano sono tre, tutte tedesche. 🤐
Alessandro Milani 2 mesi fa su fb
Allora se sono loro a doversi informare...si bloccavano a chiasso e non gli si faceva montare tutto e vendere i biglietti punto!solo una grande figura di merda è stata fatta!
Andrea Kevin Beraldo 2 mesi fa su fb
Li ho visti fermi a chiasso in dogana minimo per un paio di ore, un’oretta dopobli ho visti all’entrata di Lugano Sud fermati da una pattuglia della polizia, ed è successo lunedì.. mi chiedo perché li abbiano fermati a questo punto 😂
Alessandro Milani 2 mesi fa su fb
Razzisti?ma voi che cazzo dite contro gli svizzeri?
Teresa Schipani 2 mesi fa su fb
Razzisti contro l Italia
fildefer 2 mesi fa su tio
Magari ti! Ma far la spesa vuol anche dire aiutare i nostri vicini! Visto la crisi che c’è di la del confine, noi andiamo ad aiutare i figli di Pietro Badoglio!!!
watson 2 mesi fa su tio
Il Tisin ai Ticines. Bravo Fildefer, e la spesa in Italia chi la fa??
Ileana Solca 2 mesi fa su fb
Noi abbiamo delle leggi che vanno rispettate! Hanno dormito un po' nel richiedere i permessi quindi chi è causa del suo male pianga se stesso!
Luca Rino 2 mesi fa su fb
Soliti latini che pensano di fare i furbetti ed essere al di sopra della legge....
Raffaella Norsa 2 mesi fa su fb
si informi meglio perché non é cosi. Sono stati richieste tutti i documenti e tutte le autorizzazioni solo che hanno dimenticato di comunicare un piccolo particolare dalla Svizzera. Si puo' immaginare se il circo Orfei che da anni e anni gira il mondo commette questi errori. Tra l'altro é stato confermato dall'autorità svizzera...
fildefer 2 mesi fa su tio
Punti di vista, ma quando vedi l’invasione del tuo paese senza sparare un colpo capisci che per noi, figli di Guglielmo Tell è arrivato il tempo di dire la nostra!! Il Tisin ai Ticines!!
Norvegianviking 2 mesi fa su tio
@fildefer E il mondo degli ottusi agli ottusangoli! È come se si impedisse di venire in Svizzera a cantare che so, Vasco Rossi o Zucchero, a discapito di artisti locali di alto lignaggio, che non esistono nemmeno... Il tuo commento è uno dei più ridicoli che abbia mai sentito, mostra l'anacronismo ormai dilagante in questo cantone. Se si pensa di sopravvivere contando solo con le forze proprie, allora sì, il Ticino tornerà quello che è stato nel recente passato: un cantone popolato da contadini e allevatori, senza sviluppo economico o lasciato ai margini del mondo. Ma quante ne devo ancora leggere di banalità simili?
centauro 2 mesi fa su tio
@fildefer Guarda il tuo calendario, vedrai scritto 2019....non 1920!
centauro 2 mesi fa su tio
@Norvegianviking Sei sembri il mio mito della tastiera!!!!
Arrosto72 2 mesi fa su tio
Un modo come un altro per evitare concorrenza. Un po' di burocrazia di qua... un po' di là ... "non è nostra competenza, andate all'ufficio XY", il quale ti rimanda ad un altro, ecc. ecc.
centauro 2 mesi fa su tio
@Arrosto72 Allora è vero che il confine con la Svizzera è lungo la cresta delle Alpi!
sedelin 2 mesi fa su tio
ecco, pian pianino vengono a galla delle verità.
albertolupo 2 mesi fa su tio
“Hanno chiuso il Circo Orfei, chi sia stato non si sa, forse quelli della mala, forse è stato il Circo Nock...” na na na naaa na na na na na na... https://m.tio.ch/svizzera/attualita/1368693/addio-al-circo-nock-il-piu-vecchio-della-svizzera
centauro 2 mesi fa su tio
@albertolupo Poteri oscuuuuriiiiiii........
Monica Boffelli 2 mesi fa su fb
Dava fastidio punto
fildefer 2 mesi fa su tio
L'Italia non è abbasranza grande per l'oro? Abbiamo gia 100000 azzurri che entrano tutti i giorni, mi sembra sufficente!!!
Norvegianviking 2 mesi fa su tio
@fildefer Commento ai limiti della demenza
gabola 2 mesi fa su tio
@fildefer Oltre l'intelligenza del commento anche con lo scritto non scherzi
centauro 2 mesi fa su tio
@fildefer E' già un miracolo che riesci ad usare la tastiera del pc!
sedelin 2 mesi fa su tio
@fildefer un po' di scuola di grammatica, la lettura e l'interesse per un minimo di cultura e qualche riflessione potrebbe aiutarti a uscire dalla melma dell'astio e della frustrazione.
Leila Bianchi 2 mesi fa su fb
Mettendo di lato se fossero a norma o no: - permessi richiesti solo il 2 maggio? Da un circo che fa tournée estere? - organizzazione in casa nostra al limite del ... sbatti la testa al muro che è meglio. Ora, premettendo che sono contrarissima al circo-serraglio, col cavolo che metterei ancora un piede in Svizzera. La cosa stupefacente è che questo tipo di disorganizzazione e scarica barile, qui da noi, c’è in tutti i livelli e c’è ancora chi si meraviglia. L’unica cosa che comincia a non stupirmi più è l’accumulo di figuracce, a tutti i livelli.🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️
Barbara Anfossi 2 mesi fa su fb
😢.... è tutto sempre più complicato...anche andare al circo...😞
saetta 2 mesi fa su tio
I soliti intrallazzi politici
Laura Bernasconi 2 mesi fa su fb
È inutile cercare di svicolare.....e trovare scuse 😂😂😂 fate solo più brutta figura.
Victoria Maria Navarro 2 mesi fa su fb
😶
Wunder-Baum 2 mesi fa su tio
Peccato....poi si scrive che Lugano e’ una città morta !
centauro 2 mesi fa su tio
@Wunder-Baum Certo......la fanno morire con la burocrazia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore

Ogni giorno un ticinese viene colpito da clamidia

Sono 182 i casi dall'inizio dell'anno. Il medico cantonale: «La diagnosi precoce è importante, così come sottoporsi a trattamento»

LOCARNO
2 ore

Record di pubblico per Moon&Stars2019

Sono stati 60'000 gli spettatori di Piazza Grande. Oltre 130'000 persone per Food & Music Street

LOCARNO
3 ore

Chi ha guidato l'auto della Aguilera?

Botta e risposta tra Moon&Stars, la Polizia comunale e alcuni autisti privati locarnesi, arrabbiati per essere stati «esclusi»

FOTO E VIDEO
LUGANO
13 ore

Un video col drone per i tuffi adrenalici

C’è chi è arrivato perfino dal Messico e dal Giappone. E chi come Lazaro Schaller, svizzero di origini brasiliane, si è tuffato con la bandiera rossocrociata. Col drone sul lago

FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
15 ore

Auto ribaltata, 72enne in pericolo di vita

La Cantonale resta chiusa almeno per un'altra ora

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile