Archivio Tipress
LUGANO
20.03.19 - 08:040
Aggiornamento : 12:43

Così la droga ticinese viene “parcheggiata” oltre confine

Il caso di Campione d’Italia pone l’accento su un fenomeno nascosto. La polizia cantonale: «Anche in altre circostanze, gli stupefacenti vengono occultati in zone differenti da quelle di spaccio»

LUGANO – Usavano Campione d’Italia come deposito. Ma la droga, in particolare cocaina, la spacciavano in Svizzera, verosimilmente nel Luganese. Storia dei due giovani albanesi finiti di recente in galera per mano dei carabinieri dell’enclave. «Avevano scelto Campione come campo base – ha dichiarato il maggiore Natale Grasso – probabilmente per sfuggire ai controlli delle autorità svizzere». Ma non è l’unico caso. «Ci sono situazioni analoghe» ammette il commissario capo Andrea Lurati, responsabile del Servizio antidroga della polizia cantonale ticinese.

Torna di moda la cocaina – Il fenomeno dei gruppi di spacciatori di origine albanese è ormai noto anche in Ticino da alcuni anni. Lo sa bene la polizia cantonale. «Se in un primo tempo – dice Lurati – questi si dedicavano prevalentemente allo spaccio di eroina, nel corso delle ultime inchieste è emerso come ora siano attivi anche nel traffico di cocaina. È una tendenza confermata dai costanti arresti e sequestri di stupefacenti operati dal nostro servizio antidroga».

Lo studio – Secondo un recente studio voluto dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, nella “top 10” delle città europee con il maggior tasso di consumo di cocaina nel 2018, ci sarebbero ben quattro località svizzere: Zurigo, San Gallo, Ginevra e Basilea. Su 85 città in graduatoria, non si parla di Lugano. Forse solo perché i dati ticinesi a disposizione (per lo studio specifico) si fermano al 2016.

Statistiche variabili – Questo, tuttavia, non assolve né Lugano né il Ticino. Il problema è reale, e non può essere una statistica europea non aggiornata a nasconderlo. Difficile fare calcoli sul numero di arresti. Si parla di diverse decine di persone fermate ogni anno in Ticino. Le quantità di stupefacenti variano da situazione a situazione. Tanto per fare un esempio, nel 2017 sono stati 26 i chili di cocaina sequestrati dalla sezione antidroga. Nel 2016 “solo” sette. L’anno prima erano stati ben 55.

In fuga dai controlli svizzeri – In alcune di queste attività investigative è stato riscontrato un modo di operare simile alla situazione verificatasi a Campione. «Con l’occultamento dello stupefacente in zone diverse da quelle di spaccio. Alcuni soggetti erano residenti in Italia, ma attivi in Ticino nei loro traffici. In questi casi lo scambio di informazioni e l’attiva collaborazione con le varie forze dell’ordine italiane sono molto importanti».

Non si molla – A Campione, i due albanesi sono stati incastrati “grazie” ad alcuni piccoli traffici svolti sul posto. Resta, comunque, difficile per gli inquirenti portare avanti indagini che concernono più Stati. Lurati non si scoraggia. Anzi. «Teniamo alta la guardia, cerchiamo di analizzare e raccogliere le varie informazioni a disposizione. E nel contempo manteniamo buoni contatti con i nostri omologhi oltre frontiera».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 1 anno fa su tio
Campione potrebbe essere riconvertito il "supermercato della polvere" ! Comunque non cambio idea: gli spacciatori ci sono poiché, ci sono i consumatori.....e non il contrario !
Diablo 1 anno fa su tio
Il problema va combattuto alla base...se c'é droga...se c'é richiesta/offerta é perche viene comprata...la domanda da porsi per combattere questo fenomeno é: perché cosi tanta gente necessita di sostanza stupefacenti ? per quale ragione? ...la risposta non é perche si drogano...ma é come mai in questo mondo dove tutti noi abbiamo praticamente tutto ed anche di piú...cerchiamo " lo sballo " ?
Tato50 1 anno fa su tio
Sopra Luino, nei boschi, ci sono degli accampamenti dove "dimorano" gli spacciatori. Arriva la telefonata per la richiesta e vedi il tipo uscire dai cespugli, consegnare la merce e incassa, per poi sparire. Peccato che qualcuno si è accorto e chi di dovere ha messo delle telecamere. Ma quanti ticinesi arrivano a fare "spesa" oltre confine. Tutti filmati con numero di targa e "accampamento" sgomberato che sicuramente sarà rimesso in altri lidi !!!
Maxy70 1 anno fa su tio
Anche io eviterei di mettere le "strisce" in bella mostra, la foto sembra fatta per invogliare. Mettete la foto di uno spacciatore in manette piuttosto. Non sarebbe più educativo?
elvicity 1 anno fa su tio
Perchè continuate a fare pubblicità con queste foto in prima pagina !!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
3 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
CANTONE
5 ore
Ascensione impegnativa per la Rega
Gli equipaggi della Guardia aerea sono decollati 150 volte in Svizzera, di cui sedici in Ticino
CANTONE
7 ore
Un nuovo caso e un decesso nelle ultime 24 ore
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi al Covid-19 registrati nel nostro Cantone sono 3'306. 348 i morti.
CANTONE
8 ore
La collaborazione tra ospedali pubblico-privato è stata esemplare
Ma poi la critica: "La Svizzera ha reagito in modo eccessivo alla pandemia"
CANTONE
9 ore
I ticinesi in bici per fuggire al Covid
Negozi di biciclette presi d'assalto. ProVelo: «Mai visti tanti ciclisti, sta succedendo qualcosa»
CANTONE
10 ore
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
LUGANO
19 ore
«Siamo rimasti all'estero per proteggere i nostri cari»
Il più grande rimpatrio della storia ha riportato in Svizzera quasi 7.000 persone a bordo di 33 voli.
CANTONE
21 ore
«Una legge sbagliata spalancherà la via all’assistenza»
Gli effetti del coronavirus su un mercato già malato nella lettura di Bruno Cereghetti
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Le sponde della Maggia attirano numerosi bagnanti
Complice la giornata semi-estiva, le distanze sociali non sempre sono state rispettate.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile