Archivio Tipress
CAMPIONE D'ITALIA
11.03.19 - 12:150
Aggiornamento : 12:30

«Il deposito della droga era da noi, ma spacciavano in Svizzera»

Due giovani albanesi finiscono in manette. A casa loro sono stati trovati oltre tre etti di cocaina. Natale Grasso, Maggiore dei carabinieri: «Avevano una strategia ben precisa»

CAMPIONE D'ITALIA – I carabinieri li tenevano d'occhio da tempo. E nella serata di domenica li hanno colti con le mani nel sacco. A Campione d'Italia sono scattate le manette per due giovani albanesi. Nella loro abitazione sono stati trovati più di tre etti di cocaina, oltre che diverse centinaia di franchi. «Avevano una strategia ben precisa – spiega Natale Grasso, Maggiore dei carabinieri –. Usavano Campione d'Italia come deposito. E spacciavano soprattutto in Svizzera». 

Insomma, i due si erano rifugiati nell'enclave verosimilmente perché quasi certi di sfuggire a eventuali inchieste delle autorità elvetiche. Gli sarebbero state fatali alcune piccole vendite effettuate su suolo italiano. «Il grosso lo facevano su terreno rossocrociato – riprende Grasso –. La droga l'abbiamo trovata in scaglie. Si tratta di personaggi non noti dalle nostre parti. E non abbiamo motivo di pensare che ci siano altre persone coinvolte». 

Per i carabinieri di Campione d'Italia è la seconda importante operazione anti droga in pochi mesi. «Già a novembre siamo intervenuti con successo – conferma Grasso –. Non vediamo collegamenti tra i due casi però. Fa comunque riflettere il fatto che queste persone scelgano Campione come campo base. Per poi fare i loro affari in Svizzera. Bisogna interrogarsi su questi aspetti».  

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
22 min
La replica di Regazzi: «l’MPS preferisce creare disoccupati»
Il consigliere nazionale reagisce agli attacchi: «Privilegiati? Il rischio di fallimenti a catena è del tutto reale»
CANTONE
4 ore
«Non è previsto per ora un lockdown come in Italia»
Il consigliere federale in diretta da Palazzo delle Orsoline. Ignazio Cassis a 360 gradi sull'emergenza in corso
CANTONE
5 ore
Coronavirus in Ticino: negli ospedali sono guarite 58 persone
Sono 415 le persone attualmente ricoverate nelle strutture dedicate alla cura dei pazienti Covid-19.
CANTONE
8 ore
Superati i cento morti in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore altre 125 persone sono risultate positive al Covid-19. Dodici i nuovi decessi
CANTONE
9 ore
Covid-19, i dubbi delle donne incinte
Intervista ad Andrea Papadia, primario in ginecologia e ostetricia presso l’ospedale Civico di Lugano (EOC)
CANTONE
11 ore
Coronavirus: Ermotti dona 1 milione di franchi per il Ticino
«La situazione è drammatica - sottolinea -. Ognuno dovrebbe almeno chiedersi se possa aiutare».
LUGANO
11 ore
«Ho dovuto rintanarmi in cantina»
Il diario scritto durante la quarantena: una famiglia bellinzonese contagiata, un 72enne intubato alla Carità
CANTONE
18 ore
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
22 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
BELLINZONA
1 gior
Covid-19, Cassis arriva in Ticino
Il consigliere federale incontrerà domani il Consiglio di Stato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile