Depositphotos
LUGANO
27.02.19 - 07:020
Aggiornamento : 09:27

Allarme WhatsApp: riusciremo ancora a gestirlo?

L’utente cerca sempre più privacy. Ma all’orizzonte potrebbe esserci la minaccia di una maxi fusione. Il trend analizzato da Lorenzo Cantoni, specialista in nuove tecnologie

LUGANO – La tendenza è in atto ormai da diversi mesi. Sempre più persone modificano le impostazioni del proprio profilo WhatsApp in modo da non mostrare agli altri utenti la data e l’ora dell’ultimo accesso. Stesso discorso per la possibilità di fare vedere all’interlocutore se il messaggio è stato letto. «La spunta blu – evidenzia Lorenzo Cantoni, specialista in nuove tecnologie – è senz’altro interessante. Ma costituisce anche una forte intrusione nella vita privata del destinatario. Lo stesso si può dire della possibilità di sapere l’ultima volta in cui una persona è stata attiva sull’applicazione».

Come sta cambiando l’uso di WhatsApp da parte della gente?
«Col prendere coscienza di tali effetti non desiderati, molti hanno iniziato a regolare con più attenzione i parametri del servizio. Così da tutelare maggiormente la propria privacy: segno di un’accresciuta consapevolezza e maturità nell’uso dei servizi di social networking. Mi chiedo, tuttavia, se questa situazione possa durare anche in futuro...»

In che senso?
«In un articolo pubblicato lo scorso 24 gennaio sul Wall Street Journal, Mark Zuckerberg ricorda che in febbraio Facebook celebra il suo 15esimo compleanno. E anticipa la possibile fusione tra Facebook Messenger, WhatsApp e Instagram».

Questa fusione è una minaccia per la privacy degli utenti di WhatsApp?
«Molti osservatori hanno fatto notare che questo potrebbe avere come conseguenza una riduzione del livello di sicurezza e di privacy di WhatsApp. Il tutto in favore di un’ulteriore acquisizione di dati degli utenti e di ulteriori opportunità di distribuire messaggi pubblicitari micro-targhettizzati. Attualmente WhatsApp è l’unico servizio dei tre che usa la criptazione».

In linea teorica, l’acquisizione di dati a scopi pubblicitari serve per migliorare l’esperienza degli utenti. Non concorda?
«Da una parte sì. Ma è un aspetto che aggiunge preoccupazioni a chi ha a cuore la propria e altrui privacy. WhatsApp è un servizio estremamente comodo, e diffusissimo anche tra persone non particolarmente esperte di tecnologie digitali. Offre opportunità interessantissime per rimanere in contatto con persone e gruppi. Mentre all’inizio i messaggi trasferiti tramite questo servizio erano leggibili dal gestore del servizio, in seguito sono stati criptati, così da essere leggibili solo al mittente e ai destinatari».

Cosa accadrà?
«Presto per dirlo. Di certo, come spesso succede in casi simili, gli utenti si stanno rendendo conto a poco a poco non solo delle straordinarie opportunità di questo servizio, offerto gratuitamente, ma anche di possibili usi non desiderati da parte di altri utenti, così come di altri “effetti collaterali”».

Ci fa qualche esempio, oltre a quelli già citati?
«Si corre ai ripari, ad esempio, per le notifiche di nuovi messaggi, la modalità “silenziosa” è sempre più diffusa. Soprattutto se si partecipa a gruppi numerosi. Spesso portano a continue distrazioni e sollecitazioni. Per esempio, i gruppi WhatsApp realizzati da studenti possono essere attivi a tutte le ore del giorno e della notte. E le notifiche acustiche possono tenere svegli giovani che farebbero meglio a riposare per affrontare al meglio il prossimo giorno di scuola».

1 anno fa WhatsApp vietato agli under 16: e le chat di classe?
1 anno fa Oltre un'ora per eliminare i messaggi su WhatsApp
Commenti
 
albertolupo 4 mesi fa su tio
Constatazione nr.1: se si leggono le condizioni della licenza di WhatsApp, ci si rende conto che abbiamo dato accesso ai gestori dell'applicazione a praticamente tutta la nostra vita… poco importa poi se i messaggi sono criptati. Non sono mica le stro...zate che ci scriviamo ad essere commercialmente interessanti. Constatazione nr.2: il cosiddetto "specialista" parte dall'idea che il telefonino di ognuno di noi sia acceso 24h/24h (cosa che a me sembra sia sufficiente per consigliargli qualcuno di bravo...) e reputa positiva la modalità silenziosa. Fortunatamente il tasto ON/OFF è ancora presente sui telefonini. Glie lo spieghiamo?
lo spiaggiato 4 mesi fa su tio
@albertolupo Lo sai vero che gli smartphone se li spegni non va la sveglia?...
buonumore 4 mesi fa su tio
Esattamente! Se serve si molla WA e passiamo a una delle valide alternative... almeno fino al prossimo acquisto di Zuckerberg.
Frankeat 4 mesi fa su tio
"E le notifiche acustiche possono tenere svegli giovani [...]" Ma metterlo su "Silenzioso", "Modalità aereo" oppure spegnerlo quando si va a letto, non viene neanche presa in considerazione come possibilità?
albertolupo 4 mesi fa su tio
@Frankeat he he… probabilmente io e te siamo troppo vecchi e prendiamo ancora in considerazione queste pratiche obsolete!
Frankeat 4 mesi fa su tio
@albertolupo Mi ricordo che tanti anni fa, agli albori dei primi telefonini veramente tascabili, dimenticai ti spegnere UNA sola volta il telefono prima di andare a dormire. Alle 3 di mattina mi chiama un amico per avere il numero di telefono di una terza persona, per poi dire "ah, ma no, l'ho trovato ma grazie lo stesso". Ero sul divano che ridevo mentre mia moglie era a letto che smadonnava. Il "favore" con gli interessi è comunque tornato al mittente qualche settimana dopo.
Laura Bernasconi 4 mesi fa su fb
A me fa comodo sapere se qualcuno che cerco è in linea o no, e se ha letto il messaggio, specie se ho bisogno una risposta rapida. Nei gruppi poi basta silenziare le notifiche. Non vedo sta grande problematica tale da cambiare le cose. Basta usare gli strumenti che ci danno nelle impostazioni.
Um999 4 mesi fa su tio
Ma smettetela, si fa di tutto per mettersi in mostra e poi non vorrebbe far sapere quando sono nato, vogliono partecipare su tutto e tutti ma non vogliono essere disturbati, ti dicono e postano qualsiasi cosa della vita privata ma poi da fastidio lo spunto di colore blu ... e così via. Ma daiiii finiamola con questa ipocrisia da degenerati mentali colti ... che studio che c’è dietro .... l’unica osservazione positiva sulle notifiche acustiche per i giovani, così non vengon svegliati di notte e possono arrivare a scuola più riposati e di conseguenza più svegli.
Laika1 4 mesi fa su tio
@Um999 Bravo hai detto una cosa giustissima!!!! E se uno non vuole far sapere le sue cose non usa i social!!!
Bruno Realini 4 mesi fa su fb
siamo spiati ogni giorno comunque e ovunque..
Asdo 4 mesi fa su tio
Non è che esista solo quell"alternativa sul mercato in caso d'acquisizione di Facebook se si volesse cambiare. Ad esempio c'è anche Telegram o Line (e probabilmente molti altri meno famosi)
curzio 4 mesi fa su tio
@Asdo Il presupposto è che anche i tuoi interlocutori traslochino su una applicazione alternativa.
neuropoli 4 mesi fa su tio
@Asdo Telegram secondo me è meglio di WhatsApp, ma purtroppo sono costretto ad usare quest'ultimo, in quanto il 95% degli amici usano quello.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GIUMAGLIO
47 min

Anche la vittima del "branco" avrebbe avuto un ruolo importante

Il 17enne, che pratica boxe, sarebbe stato il primo a menare le mani. I suoi quattro aggressori sarebbero intervenuti in un secondo tempo

CANTONE
2 ore

Incidente sull'A2, forti disagi al traffico

La galleria di San Nicolao, in direzione sud, è stata temporaneamente chiusa

CANTONE
2 ore

Tra le acque più buone c’è perfino quella di lago

In 30 hanno assaggiato le acque di undici comuni ticinesi. La più buona è quella di Bioggio. Ma sul podio è salita anche una novità che ha sorpreso tutti

CANTONE
2 ore

In arrivo una nuova (ma breve) ondata di caldo

Temperature in aumento a partire dal fine settimana. Il picco tra lunedì e mercoledì

CANTONE
4 ore

Il Pardo si presenta: Hillary Swank, Gordon-Levitt e l'ultimo di Tarantino fra i pezzi forti

Svelato il programma della 72esima edizione, la prima di Lili Hinstin: «Siamo un festival grande che si prende grandi rischi»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report