Depositphotos
LUGANO
27.02.19 - 07:020
Aggiornamento : 09:27

Allarme WhatsApp: riusciremo ancora a gestirlo?

L’utente cerca sempre più privacy. Ma all’orizzonte potrebbe esserci la minaccia di una maxi fusione. Il trend analizzato da Lorenzo Cantoni, specialista in nuove tecnologie

LUGANO – La tendenza è in atto ormai da diversi mesi. Sempre più persone modificano le impostazioni del proprio profilo WhatsApp in modo da non mostrare agli altri utenti la data e l’ora dell’ultimo accesso. Stesso discorso per la possibilità di fare vedere all’interlocutore se il messaggio è stato letto. «La spunta blu – evidenzia Lorenzo Cantoni, specialista in nuove tecnologie – è senz’altro interessante. Ma costituisce anche una forte intrusione nella vita privata del destinatario. Lo stesso si può dire della possibilità di sapere l’ultima volta in cui una persona è stata attiva sull’applicazione».

Come sta cambiando l’uso di WhatsApp da parte della gente?
«Col prendere coscienza di tali effetti non desiderati, molti hanno iniziato a regolare con più attenzione i parametri del servizio. Così da tutelare maggiormente la propria privacy: segno di un’accresciuta consapevolezza e maturità nell’uso dei servizi di social networking. Mi chiedo, tuttavia, se questa situazione possa durare anche in futuro...»

In che senso?
«In un articolo pubblicato lo scorso 24 gennaio sul Wall Street Journal, Mark Zuckerberg ricorda che in febbraio Facebook celebra il suo 15esimo compleanno. E anticipa la possibile fusione tra Facebook Messenger, WhatsApp e Instagram».

Questa fusione è una minaccia per la privacy degli utenti di WhatsApp?
«Molti osservatori hanno fatto notare che questo potrebbe avere come conseguenza una riduzione del livello di sicurezza e di privacy di WhatsApp. Il tutto in favore di un’ulteriore acquisizione di dati degli utenti e di ulteriori opportunità di distribuire messaggi pubblicitari micro-targhettizzati. Attualmente WhatsApp è l’unico servizio dei tre che usa la criptazione».

In linea teorica, l’acquisizione di dati a scopi pubblicitari serve per migliorare l’esperienza degli utenti. Non concorda?
«Da una parte sì. Ma è un aspetto che aggiunge preoccupazioni a chi ha a cuore la propria e altrui privacy. WhatsApp è un servizio estremamente comodo, e diffusissimo anche tra persone non particolarmente esperte di tecnologie digitali. Offre opportunità interessantissime per rimanere in contatto con persone e gruppi. Mentre all’inizio i messaggi trasferiti tramite questo servizio erano leggibili dal gestore del servizio, in seguito sono stati criptati, così da essere leggibili solo al mittente e ai destinatari».

Cosa accadrà?
«Presto per dirlo. Di certo, come spesso succede in casi simili, gli utenti si stanno rendendo conto a poco a poco non solo delle straordinarie opportunità di questo servizio, offerto gratuitamente, ma anche di possibili usi non desiderati da parte di altri utenti, così come di altri “effetti collaterali”».

Ci fa qualche esempio, oltre a quelli già citati?
«Si corre ai ripari, ad esempio, per le notifiche di nuovi messaggi, la modalità “silenziosa” è sempre più diffusa. Soprattutto se si partecipa a gruppi numerosi. Spesso portano a continue distrazioni e sollecitazioni. Per esempio, i gruppi WhatsApp realizzati da studenti possono essere attivi a tutte le ore del giorno e della notte. E le notifiche acustiche possono tenere svegli giovani che farebbero meglio a riposare per affrontare al meglio il prossimo giorno di scuola».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
buonumore 2 anni fa su tio
Esattamente! Se serve si molla WA e passiamo a una delle valide alternative... almeno fino al prossimo acquisto di Zuckerberg.
Frankeat 2 anni fa su tio
"E le notifiche acustiche possono tenere svegli giovani [...]" Ma metterlo su "Silenzioso", "Modalità aereo" oppure spegnerlo quando si va a letto, non viene neanche presa in considerazione come possibilità?
Um999 2 anni fa su tio
Ma smettetela, si fa di tutto per mettersi in mostra e poi non vorrebbe far sapere quando sono nato, vogliono partecipare su tutto e tutti ma non vogliono essere disturbati, ti dicono e postano qualsiasi cosa della vita privata ma poi da fastidio lo spunto di colore blu ... e così via. Ma daiiii finiamola con questa ipocrisia da degenerati mentali colti ... che studio che c’è dietro .... l’unica osservazione positiva sulle notifiche acustiche per i giovani, così non vengon svegliati di notte e possono arrivare a scuola più riposati e di conseguenza più svegli.
Laika1 2 anni fa su tio
@Um999 Bravo hai detto una cosa giustissima!!!! E se uno non vuole far sapere le sue cose non usa i social!!!
Asdo 2 anni fa su tio
Non è che esista solo quell"alternativa sul mercato in caso d'acquisizione di Facebook se si volesse cambiare. Ad esempio c'è anche Telegram o Line (e probabilmente molti altri meno famosi)
curzio 2 anni fa su tio
@Asdo Il presupposto è che anche i tuoi interlocutori traslochino su una applicazione alternativa.
neuropoli 2 anni fa su tio
@Asdo Telegram secondo me è meglio di WhatsApp, ma purtroppo sono costretto ad usare quest'ultimo, in quanto il 95% degli amici usano quello.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CAPOLAGO
8 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
11 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
13 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
16 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
18 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
20 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile