BELLINZONA
15.05.18 - 18:300
Aggiornamento : 16.05.18 - 06:41

«Non è nostro compito intervenire di persona»

Il 19enne della Commercio ha affermato di aver chiesto aiuto al Telefono amico. Ma l'organizzazione si smarca

BELLINZONA - «Non è nostro compito intervenire fisicamente in aiuto di chi ci contatta. Per quello esistono altri servizi». Taglia corto al telefono la portavoce (rigorosamente anonima) del Telefono amico contattata da Tio.ch - 20 minuti. Anche il 19enne che preparava una strage alla Commercio di Bellinzona avrebbe chiamato lo stesso numero, nei giorni precedenti all'arresto. Ma non è possibile sapere con chi abbia parlato. 

«Tutte le conversazioni qui avvengono in modo anonimo» spiega la voce al telefono. L'associazione, che si occupa di assistere a distanza persone in difficoltà, fa dell'anonimato il suo principio fondante: lo si legge anche nello statuto (art. 4). «Il principio vale per chi si rivolge a noi così come per i volontari - continua la portavoce -. Di solito gli utenti sanno che funziona così. Diversamente, gli viene spiegato in modo chiaro». 

A mettere in difficoltà l'associazione però, sono le affermazioni del 19enne, che ha raccontato più volte - agli inquirenti e al personale dell'ospedale psichiatrico di Mendrisio, dove si trova in stato di arresto -  di avere «chiesto aiuto» al Telefono amico. Ma la richiesta sarebbe «caduta nel vuoto». 

Sul caso specifico l'associazione risponde con un «no comment per il momento», e non conferma né smentisce di esser stata contattata dalla Procura. In generale «non è nostro compito andare ad aiutare fisicamente chi ci contatta» precisa però la portavoce. «Per questo esistono altri servizi e sportelli». Se questi siano stati contattati a loro volta dal Telefono amico, per il caso del 19enne, l'associazione non lo dice.  

 

TOP NEWS Ticino
VEZIA
49 min
Volo di tre metri mentre taglia la siepe
Ferito un giardiniere 50enne del Luganese.
LOSONE
1 ora
Covid-19 alle Medie di Losone, revocata la quarantena di classe
Il provvedimento non è più ritenuto necessario. Ma altri compagni valuteranno se sottoporsi al tampone
CANTONE / ITALIA
2 ore
Col pulmino italiano per venire a comprare l'idrossiclorochina
Repubblica parla di un fenomeno a quanto pare in crescita nel nostro cantone.
CANTONE
2 ore
Premio casse malati: «Ennesima stangata per il Ticino»
Il consigliere nazionale UDC Piero Marchesi indirizza un'interrogazione al Consiglio federale.
CANTONE
3 ore
Altri sei contagi, nessun nuovo ricovero
I pazienti in ospedale a causa del coronavirus rimangono due (nessun intubato).
CANTONE
5 ore
«Ho una targa che scotta»
Un mistero irrisolto dagli anni di piombo: la pista porta... a una ditta di pulizie del Bellinzonese
FOTO E VIDEO
GAMBAROGNO
5 ore
Due feriti lievi nell'incidente sul piano di Magadino
Il conducente di una Citroën avrebbe tamponato violentemente la Toyota che lo precedeva
TORRICELLA-TAVERNE
7 ore
Strani movimenti nell'ex prigione: ecco cosa succede
Il Naravazz è ufficialmente chiuso nel 2013. Ma puntualmente la popolazione nota curiose attività.
CANTONE
14 ore
Premi 2021: «Loro con le tasche piene, noi bistrattati»
L'esperto di sanità e socialità Bruno Cereghetti: «Un aumento vergognoso che non trova giustificazione»
CANTONE
16 ore
30'000 firme contro l'eutanasia degli animali sani
Sono state consegnate oggi a Daniele Caverzasio, il comitato: «Aspettiamo con fiducia la risposta del Parlamento»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile