Tipress
Remigio Ratti (a sinistra) e Martino Rossi (a destra) divisi sull'aeroporto di Lugano
LUGANO
29.11.17 - 16:330
Aggiornamento : 21:44

«L’aeroporto deve restare, ci porta i ricchi col velivolo privato»

Così la pensa Remigio Ratti, esperto di mobilità. Il Ticino ha davvero bisogno di una simile struttura? L’ex capogruppo del PS Martino Rossi: «Alle imprese non importa nulla»

LUGANO – Ma il Ticino ha davvero bisogno di un aeroporto? È la domanda che sorge spontanea dopo il grounding di Darwin/Adria. Soprattutto considerando come le distanze tra il Ticino e il “resto del mondo” si stiano riducendo grazie ad AlpTransit e all’imminente apertura della linea ferroviaria Mendrisio-Varese, che avvicinerà ulteriormente i ticinesi a Malpensa. Sul tema si scontrano Remigio Ratti, economista ed esperto di mobilità, e Martino Rossi, economista e già capogruppo del Partito Socialista (PS) a Lugano. «L’aeroporto – sostiene Ratti – è importante per l’aviazione generale. Mi riferisco alle persone facoltose che hanno un aereo privato e che si recano a Lugano per fare affari. Questa gente fa girare l’economia del Ticino». 

Servono nuovi hangar – Per Ratti Lugano Airport non deve chiudere i battenti. Quella ventina di miliardari che puntualmente si reca nella località sul Ceresio va riverita e servita. «Anzi – aggiunge –. Andrebbero costruiti nuovi hangar. E poi vanno mantenuti due voli di linea. Quello con Zurigo e quello con Ginevra. In particolare quest’ultimo. Perché Ginevra è difficilmente raggiungibile in altro modo. Per Zurigo il discorso è diverso. Nel 2018 aprirà la linea ferroviaria Mendrisio-Varese. I ticinesi forse preferiranno andare a Malpensa».

Ecco quanto hanno speso i contribuenti – Rossi si aggrappa ai numeri. «Dal 2006 a fine 2016, l’aeroporto di Lugano è costato 30,4 milioni di franchi ai contribuenti luganesi. Con i soli voli privati non si sta in piedi. Già così non si raggiunge il pareggio. Qualche  anno fa è stato fatto un sondaggio tra i dirigenti delle aziende della Valle del Vedeggio. Dovevano esprimersi su quali fattori li avevano spinti a insediarsi in quella zona. Quasi nessuno ha nominato la vicinanza con l’aeroporto di Agno. Come se alle imprese non importasse dell’esistenza di questa struttura».

L’esempio di Berna – L’ex capogruppo del PS luganese rincara la dose. «Prendiamo l’esempio di Berna. Lì l’economia ritiene che l’aeroporto sia utile. E quindi partecipa alle spese. Da noi non c’è mai stata alcuna impresa o banca che abbia mai voluto mettere un franco nell’aeroporto di Agno».

Un calo brusco – Tornando ai voli di linea, cifre alla mano, nei primi 9 mesi del 2017 l'uso dell'aeroporto è arretrato del 20%. La linea verso Ginevra addirittura del 49%, mentre quella verso Zurigo se la cava con un -0,5%. «Statistiche che parlano da sole», commenta Rossi. «Non direi – ribatte Ratti –. Il calo di utenza verso Ginevra è così vistoso rispetto all’anno prima perché nel 2016 Swiss e Darwin si davano battaglia per proporre offerte di volo stracciate verso la località lemanica. E tutti ne approfittavano. Una volta interrotta questa situazione, è normale che ci sia stato un calo».

Agli antipodi – I due non cambiano di una virgola le loro opinioni. Secondo Rossi il futuro è chiaro: «Non ha più senso continuare così. Occorre essere realisti quando i conti non tornano». Ratti intravede, invece, la luce in fondo al tunnel. «Si è davvero parlato poco finora dell’aviazione generale. Dei ricchi col velivolo privato. È una carta che il Ticino, e Lugano in particolare, dovrebbero giocarsi. Spero che ci sia il tempo per farlo».

 

TOP NEWS Ticino
SVIZZERA
1 ora
Ripartono le funivie, ma sono gli zoo a fare il boom di visitatori nel primo giorno di riapertura
Una lunga fila si è formata davanti allo Zoo di Zurigo questa mattina, in attesa dell'entrata.
BELLINZONA
4 ore
«No al razzismo», si manifesta anche a Bellinzona
Tanti gli slogan scanditi e raffigurati sui cartelloni branditi dai manifestanti
FOTOGALLERY
LUGANO
6 ore
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
8 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
8 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
12 ore
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
14 ore
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
1 gior
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
1 gior
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
1 gior
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile