Immobili
Veicoli
Ti-Press
SVIZZERA
14.09.21 - 11:100

Aiuti all'Afghanistan: «Quali garanzie ci sono che non finiscano in mani talebane?»

Il Consigliere nazionale Piero Marchesi pone una domanda al Consiglio federale sui 60 milioni di aiuti.

BERNA - La Svizzera, come annunciato negli scorsi giorni dal Consigliere federale Ignazio Cassis, intende intervenire «con urgenza» in Afghanistan. L'aiuto umanitario elvetico nella regione è stato fissato a sessanta milioni di franchi nei prossimi sedici mesi. Una somma ingente che fa sorgere dei dubbi nel Consigliere nazionale UDC, che oggi ha deciso di porre una domanda al Governo federale. 

Il timore del rappresentante democentrista ticinese alla Camera del Popolo è quello che quei soldi finiscano nelle mani sbagliate. «Quali garanzie può offrire il Consiglio federale - scrive Marchesi - affinché l'importante ammontare finanziario non finisca in modo diretto o indiretto nelle tasche dei talebani? I flussi finanziari a favore del popolo afghano sono interamente sotto il controllo diretto della Confederazione? In che modo?».

Domande, queste, che troveranno una risposta lunedì prossimo, durante la consueta ora delle domande al Consiglio nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Amir 4 mesi fa su tio
Ma aiutate meglio la povera gente qui in Svizzera o meglio dire in Ticino che è pagata miseramente e per di più ci saranno ancora aumenti di cassa malati meglio che aiutare i talebani...cioè non ho capito una cosa ? gli americani fanno la guerra e gli altri pagano il danno? poveri noi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / MONDO
23 min
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
2 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
4 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
4 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
4 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
5 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
6 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
8 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
SVIZZERA
10 ore
«Un generale dell'elettricità? Non siamo in guerra»
SImonetta Sommaruga rifiuta l'idea proposta dall'UDC: «Ognuno si assuma le proprie responsabilità».
SVIZZERA
11 ore
Bambini, donazioni raddoppiate
La Catena della solidarietà festeggia numeri in crescita, a favore dell'infanzia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile