Keystone
SVIZZERA
14.06.21 - 12:290
Aggiornamento : 16:54

Petra Gössi lascerà la presidenza del PLR

Dopo cinque anni trascorsi al timone del partito, vuole dedicarsi maggiormente alla sua carriera professionale.

Resterà però in Consiglio nazionale e «si batterà con tutta la sua energia in favore di soluzioni liberali per la Svizzera».

BERNA - Petra Gössi si dimette dalla presidenza del PLR svizzero dopo cinque anni alla guida del partito. La 46enne svittese vuole rinunciare al suo mandato al più tardi alla fine dell'anno. Lo ha annunciato la stessa consigliera nazionale tramite Twitter.

Gössi dice di voler dedicarsi maggiormente alla sua carriera professionale. Ne aveva già discusso con la direzione del partito, il quale ora vuole ora approfittare della sua partenza per rilanciare la sua strategia. La parlamentare di Küssnacht am Rigi (SZ) continuerà invece ad essere attiva alla Camera del popolo.

Critiche all'interno del partito - L'attuale presidente del PLR si era detta molto delusa dopo il fallimento dell'accordo quadro istituzionale con l'UE, negoziato negli ultimi anni in gran parte dai consiglieri federali liberali-radicali. Anche ieri dopo il "no" degli elettori alla Legge sul CO2, la Gössi si era detta dispiaciuta che il compromesso elaborato con l'appoggio dei partiti borghesi sia stato bocciato dalla popolazione.

Alla presidente liberale-radicale non sono mancati i rimproveri in seno al partito, quali quello di non essersi sufficientemente impegnata in favore dell'oggetto. Nonostante in un sondaggio interno più dei tre quarti dei membri del PLR avessero dichiarato che il partito deve impegnarsi maggiormente per le tematiche ambientali, la base non sembra aver seguito l'invito dei vertici in favore della Legge sul CO2.

Il risultato della votazione ha mostrato che nessuno è contro la politica ambientale, ma il testo si spingeva probabilmente troppo lontano per la popolazione, aveva dichiarato la Gössi.

PLR: tempo per organizzare successione - La sua decisione ci lascia il tempo necessario per organizzare la successione in vista delle elezioni federali del 2023, indica oggi il PLR in una nota. Resta sufficientemente tempo per preparare lo scrutinio «in maniera ottimale e presentare nuovi volti e idee».

Il partito intende condurre una politica climatica liberale, continuando a coinvolgere la base. Auspica inoltre di affrontare questioni relative alla sicurezza, alla politica europea, alla politica sociale, in particolare la previdenza vecchiaia, nonché al mantenimento e alla creazione di impieghi.

La successione di Petra Gössi sarà avviata prossimamente, precisa ancora la nota. Il PLR istituirà un comitato ad hoc per scegliere il/la futura presidente del partito.

Ala destra del partito - Eletta presidente del partito nell'aprile 2016, la consigliera nazionale era succeduta a Philipp Müller. Situata all'ala destra del PLR, Gössi si è fatta conoscere soprattutto grazie ai temi finanziari. Nel 2014, si era illustrata esigendo che il canton Svitto versi il suo contributo alla perequazione finanziaria su un conto bloccato.

L'ambiente cattolico da cui proviene ha influenzato le sue posizioni sulle questioni sociali. Si è per esempio opposta all'adozione di bambini per le coppie dello stesso sesso.

Inoltre, Gössi non ha mai avuto paura dei ravvicinamenti con l'UDC, in particolare per quanto riguarda liste comuni con i democentristi a livello cantonale o nazionale. Neppure le sue critiche alla Corte europea dei diritti dell'uomo sono passate inosservate.

Eletta in Consiglio nazionale nel 2011, Gössi è membro della Commissione dell'economia e dei tributi. Di professione è giurista in seno all'impresa di gestione patrimoniale Baryon a Zurich.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
17 min
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
1 ora
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
12 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
15 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
16 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
17 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
20 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
21 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
21 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
22 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile