Keystone
SVIZZERA
29.11.20 - 19:440

Da oltre sei anni non diciamo più sì a un'iniziativa

In 130 anni sono state solo 22 le iniziative popolari accettate, il 10% di quelle su cui si è andati a votare.

L'ultima è stata quella per vietare ai pedofili di lavorare a contatto con i bambini (maggio 2014), la penultima la tanto discussa iniziativa contro l'immigrazione di massa (febbraio 2014).

BERNA - Rimangono 22, anche dopo questo fine settimana, le iniziative popolari accolte negli ormai quasi 130 anni di esistenza di questo strumento di democrazia diretta. Da sei anni il popolo non dice più sì.

Dal 1891 sono state lanciate 481 proposte di modifica costituzionale, di cui 345 riuscite. Su 219 di esse si è andato a votare: 197 testi (il 90%) non hanno ottenuto l'avallo di popolo e cantoni.

Delle 22 iniziative accolte, 10 sono state approvate negli ultimi 20 anni, l'ultima ("affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli") però solo il 18 maggio 2014. La penultima iniziativa iscritta nella Costituzione è stata quella UDC contro l'immigrazione di massa, che tanto ha fatto discutere per la sua applicazione: è stata approvata il 9 febbraio 2014.

Oggi - ricordiamo - si votava su due altre iniziative, quella per imprese responsabili, accolta dal popolo ma respinta dai cantoni, e quella per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico, il cui esisto negativo è stato più netto.

Popolo e Cantoni in disaccordo, una rarità - Sì del popolo, no dei cantoni: una combinazione non comune nella democrazia diretta elvetica, che si è verificata solo in 10 sui 637 oggetti che necessitavano della doppia maggioranza.

L'ultima volta che è accaduto risale al 2013, quando il decreto federale sulla politica famigliare - che cambiava la Costituzione - venne accolto dai 54% dei votanti, ma respinto (15 a 11) dai cantoni. La penultima è del 1994, con il referendum obbligatorio sulla naturalizzazione facilitata. La terzultima, nel 1983, riguardava l'articolo sull'energia. Le altre occasioni risalgono a tempi più lontani.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Giù i premi di cassa malati (anche in Ticino)
Per la prima volta dal 2008, vi sarà una diminuzione del premio medio. Berset: «Felice per le famiglie svizzere».
SVIZZERA
2 ore
Covid-19, 1'284 nuovi casi e undici decessi in Svizzera
Sono 122 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SVIZZERA
2 ore
Johnson&Johnson arriva in Svizzera
Chiunque non ha potuto (o voluto) vaccinarsi con Pfizer o Moderna avrà un'alternativa. In Ticino previste 6'000 dosi.
SVIZZERA
3 ore
I deputati vogliono presentare il "pass"
Il Nazionale è favorevole all'obbligo di certificato per entrare a Palazzo federale. Dovrebbe scattare dal 2 ottobre
SVIZZERA
5 ore
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
7 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Terribile frontale in galleria, morto un 77enne
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
17 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
19 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
19 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile