Keystone
BERNA
03.11.20 - 18:160

Glifosato: la commissione del Nazionale dice "no" al divieto

La maggioranza ritiene che il glifosato sia innocuo in termini di tossicità.

BERNA - Non è necessario vietare l'uso del glifosato né programmare il suo abbandono. Ne è convinta la maggioranza della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N), che con 14 voti contro 9 non ha dato seguito alle iniziative in questo senso dei Cantoni di Ginevra e Giura.

La maggioranza, indica una nota dei Servizi del Parlamento, ritiene che il glifosato sia innocuo in termini di tossicità e che dal punto di vista sanitario non sia quindi necessario adottare misure. Inoltre, l'impiego del glifosato in Svizzera è soggetto a condizioni restrittive: a differenza di altri Paesi, può essere utilizzato solo su piante non destinate a essere raccolte, precisa la commissione.

Tuttavia, la CET-N ha approvato all'unanimità una mozione della Commissione omologa degli Stati che chiede al Consiglio federale di mettere a disposizione risorse supplementari per la ricerca e la selezione di specie più resistenti quale alternativa all'impiego di prodotti fitosanitari.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
kenobi 4 mesi fa su tio
certo pagati da multinazionali o in consiglio di amministrazione i nostri politici. io non ho avuto praticamente nessun danno alle mele cliege e pere da quando solo un anno fa hanno tolto la vigna in un terreno adiacente al mio e che impestava pesantemente di pesticidi e diserbanti, nuvoloni per arrivavano perfino ai vetri delle mie finestre. per fortuna è finita e il cambiamento in un solo anno è evidentissimo
lollo68 4 mesi fa su tio
Se mettessimo delle etichette sui prodotti con la scritta "è stato usato il glifosato per produrlo" sono sicura che poche persone li comprerebbero!
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Invece di sbraitare al virus e alla condizione patologicamente acuta sarebbe meglio prevenire gli stati cronici. Se molte persone ora sono a rischio per quanto concerne il virus, lo dobbiamo al nostro stile di vita, supportato da regole statali antisalutiste.
joe69 4 mesi fa su tio
Che vergogna... Via i lobbisti da Palazzo federale... rausss. Basta proteggere gli Interessi di pochi a scapito di tanti... In laboratorio il glifosato provoca danni genetici e stress ossidativo, ma negli studi nell'uomo la cancerogenicità non è stata ancora dimostrata con assoluta certezza, tanto che lo IARC lo considera tra i "probabili cancerogeni". Ma nel forte dubbio... dobbiamo aspettare più malati o morti. ..?? Come è stato fatto con il tabacco?? , lo zucchero?? ecc... facciamoli arricchire ancora un pochetto... se poi si ammala la popolazione chissene.. oltre a perdere la salute... aggiungiamoci i costi miliardari di cura spalmati su tutta la popolazione ... A questo punto forse è veramente meglio boicottare l'agricoltura tradizionale svizzera e indirizzarsi su quella estera o bio di casa nostra...
Mirketto 4 mesi fa su tio
@joe69 Purtroppo morti per colpa del Glifosato ci sono già state in America, Italia e in molti paesi del mondo. Purtroppo come dici tu, fin quando l'economia farâ parte della politica non ne usciremo mai.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
41 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile