TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
23.10.20 - 07:330

Imprese responsabili e materiale bellico: verso un doppio “sì”

I risultati del primo sondaggio SSR confermano quanto emerso da quello di 20 minuti e Tamedia

BERNA - Se si fosse votato a metà ottobre, i cittadini elvetici avrebbero accettato entrambe le iniziative al voto il prossimo 29 novembre. È quanto indica il primo sondaggio SSR pubblicato oggi, in linea con i risultati di quello di 20 minuti e Tamedia.

Raccolgono i favori della maggioranza sia l'iniziativa popolare "per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico", sia quella "per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente".

Quest'ultima verrebbe accolta dal 63% degli intervistati, che si sono detti "molto a favore" o "piuttosto a favore". Dal sondaggio SSR, condotto dall'istituto gfs.bern, emerge che il 33% avrebbe votato "contro" o "piuttosto contro". Il 68% ha già preso una decisione definitiva e non cambierà opinione.

Il testo crea una forte polarizzazione tra i campi politici: i sostenitori dell'UDC e del PLR sono contrari (rispettivamente con una quota del 58% e del 66%), mentre quelli di tutti gli altri partiti sostengono l'iniziativa. Più combattuta tra i simpatizzanti PPD (verrebbe approvata con il 56%), l'iniziativa trova più consensi tra i Verdi Liberali (78%) e in particolare tra PS (93%) e Verdi (95%).

A livello regionale, la Svizzera italiana (67%) è orientata in larga misura verso il sì, così come la Romandia (70%). Meno convinti, ma comunque favorevoli, gli svizzero-tedeschi (61%). Le donne (72%) sono molto più a favore degli uomini (55%), così come le persone con un reddito basso, rileva gfs.bern.

Più combattuto il commercio bellico - Appare invece più combattuta l'iniziativa popolare "per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico", che raccoglie il 54% dei consensi. Il 41% degli intervistati si è detto "contrario" o "piuttosto contrario". Tuttavia, avvisa l'istituto gsf.bern, se il testo segue l'evoluzione normale della formazione dell'opinione sulle iniziativa, finirà per essere bocciato.

Anche in questo caso c'è una chiara polarizzazione destra-sinistra: il sostegno maggiore proviene dai simpatizzanti di Verdi (91%) e PS (87%), ma contrariamente alle indicazioni del partito il "sì" dilaga anche tra i Verdi Liberali (65%). I sostenitori del PPD, dal canto suo, respingerebbero il testo nella misura del 56%. Tra PLR e UDC, solo il 20% e il 29%, rispettivamente, tendono a sostenere l'iniziativa.

Nella Svizzera italiana i favorevoli al testo raggiungono il 58%, mentre tra gli intervistati romandi e svizzero-tedeschi l'approvazione è attorno al 53%. Tuttavia, nota gsf.bern, le differenze sono piuttosto a livello regionale: più grande è l'agglomerato urbano, maggiore è la propensione al "sì". Anche le donne (63%) sono decisamente più orientate verso l'approvazione del testo, rispetto agli uomini (44% di "sì").

La prima inchiesta della SSR è stata realizzata tra il 5 e il 19 ottobre 2020 interrogando 15'267 persone. Il margine di errore statistico è di +/-2,9%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 ore
Accetta 1'000 franchi per una corsa, condannata
Un uomo, ubriaco, ha consegnato una grossa somma di denaro a una taxista per riportarlo a casa.
ZURIGO
5 ore
Lambda, ma quanto è pericolosa?
Secondo i ricercatori giapponesi potrebbe essere più aggressiva della variante Delta.
SVIZZERA
7 ore
Covid: la Svizzera è seconda nella classifica Bloomberg
In termini di gestione delle restrizioni e impatto sull'economia, è riuscita a fare meglio solo la Norvegia.
SVIZZERA / THAILANDIA
8 ore
Una svizzera violentata e uccisa in Thailandia
Il corpo di una 57enne è stato trovato giovedì pomeriggio sull'isola di Phuket
SVIZZERA
10 ore
Avvelenamenti: oltre la metà dei casi riguarda ragazzi e bambini
Lo scorso anno Tox Info Suisse ha ricevuto più di 37'300 chiamate in seguito all'esposizione a una sostanza tossica
VAUD
11 ore
Sull'A1 tra insulti e botte. Arriva la condanna
Una dinamica poco chiara, ma un atteggiamento alla guida troppo pericoloso.
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera 1'024 contagi e un decesso in ventiquattro ore
Su 17'530 test Covid effettuati, il 5,8% è risultato positivo
SVIZZERA
13 ore
Più auto (il doppio), meno incidenti mortali (un quinto)
Gli incidenti mortali sono calati in modo netto dal 1980. Le auto sono più sicure di bici e moto, ma il treno batte tutti
SVIZZERA
13 ore
Pochi contagi tra i vaccinati
Si tratta dello 0,23% dei casi registrati in Svizzera dallo scorso 27 gennaio 2021
SVIZZERA
14 ore
Ricoveri per covid cresciuti nell'ultima settimana
Il rapporto settimanale dell'UFSP mostra che sono saliti pure i contagi e i morti (che restano però a un livello basso).
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile